Party reveal per: Segreti che uccidono di Riccardo Landini

Segreti che uccidono, un nuovo enigma per Astore Rossi il protagonista del nuovo giallo di Riccardo Landini

4/5
0

0

  • Novità in libreria: 10 grammi, il peso delle nostre anime di Ruby Jack sarà pubblicato alle 10:00 del 30.11
  • Novità in libreria: Mondadori, le uscite di oggi, 30 novembre 2021 sarà pubblicato alle 12:00 del 30.11
  • Novità in libreria: 10 grammi, il peso delle nostre anime di Ruby Jack sarà pubblicato alle 10:00 del 30.11
  • Novità in libreria: Mondadori, le uscite di oggi, 30 novembre 2021 sarà pubblicato alle 12:00 del 30.11
4/5

Leggendo Segreti che uccidono ho avuto il piacere di fare la conoscenza di Astore Rossi, un investigatore alquanto particolare oltre a scoprire Riccardo Landini, l’autore di questo piacevolissimo giallo edito da Newton Compton editori. Ammetto che il genere thriller, per trascinarmi nella lettura, oltre alla necessaria scorrevolezza dei dialoghi, deve senza dubbio colpirmi pere la trama, abbandonarmi alla sensazione dell’ignoto da scoprire, È un sintomo con il quale percepisco che la storia mi ha davvero catturata: questo libro è uno di quelli.

Segreti che uccidono, in un biglietto la chiave del nuovo giallo di Riccardo Landini

C’è da dire che l’atmosfera, quasi horror della cover, mi ha fuorviato dalla reale ambientazione della storia che al contrario, per alcuni aspetti, si immerge perfettamente nella realtà quotidiana. Questo non vuol dire che non ci siano improvvisi segreti da svelare e fantasmi del passato da scoprire anzi, tutto gira intorno ad un foglietto su cui sono scarabocchiati otto nomi e alcuni segni che a questi corrispondono. Niente di particolare se non fosse che a scovarlo in un cassetto di un mobile antico sia proprio un restauratore ignaro che dietro alle poche righe si sveli una realtà per nulla piacevole.

Il giallo di via san giorgioIl destino di Astore Rossi, ex carcerato prestato al mestiere dell’artigiano, è quello di ritrovarsi, suo malgrado, immerso nei guai fino al collo e non è la prima volta. Il suo è un intuito investigativo molto personale, lo abbiamo già riscontrato ne Il giallo di Via San Giorgio, il primo della serie di gialli partorito dalla vivace mente di Riccardo Landini, avvocato e scrittore cinematografico.

Astore è  una personalità complicata, incline al vittimismo e alla solitudine, insicuro, in preda a costanti tormenti interiori eppure capace di una straordinaria generosità morale e affettiva. Accade quando un amico, improvvisamente e senza troppe spiegazioni, gli chiede di badare alla figlia per poi scomparire nel nulla o quella di affittare una casa in montagna per aiutare un amico malato.

 

Segreti che uccidono, chi ha ucciso il vecchio proprietario della casa sulla montagna?

Segreti che uccidono Riccardo Landini

È una storia complicata, a tratti contorta, forse troppo soprattutto nel finale. Un puzzle che Rossi, con titanica pazienza, ricompone per dare un senso agli strani avvenimenti di cui è vittima e al contempo protagonista. Per stemperare i momenti di tensione emotiva  Landini pensa bene di rendere più calda l’atmosfera con l’ingresso in campo di una bella mora dagli occhi vivaci capace non solo di  risvegliare i sopiti sentimenti quanto di aiutarlo a trovare la verità.

Sembrano di contorno, in verità quasi tutti i personaggi della storia hanno un ruolo decisivo per svelare l’enigma. Dall’amico scomparso alla piccola Silvia, da Anthea al sindaco del paese, dal poeta suicida agli amici di bevuta, nessuno escluso.

Alla caoticità degli avvenimenti Landini compensa con una scrittura molto fluida e comprensibile, anche nella descrizione degli stati d’animo fondamentali per comprendere, alla fine dei conti, che l’apparenza è una brutta bestia.

Se il giallo Segreti che uccidono mi ha colpito? Sì, mi è piaciuto, la risposta è arrivata insieme alla curiosità crescente di capire cosa sarebbe accaduto, quale verità sarebbe saltata fuori. Per un giallo credo sia l’ingrediente fondamentale, almeno per me.

Senza dubbio la scrittura creativa di Landini non lascia indifferenti, spinge ad andare oltre le apparenze, scardina le certezze, è schietta senza remore, scava nel profondo degli illusi, la verità come la vita te la devi conquistare a muso duro e non è detto che tutto sia da buttare, anzi. La luce in fondo al tunnel, in qualche modo, è la giusta ricompensa per gli sforzi fatti per cambiare anche nei sentimenti. Ma questo è il mio pensiero, il resto lo lascio decidere a te!

 

0 0 voto
Voto iCrewers

In conclusione su

Segreti che uccidono è stata una gradevole scoperta cos’ come scoprire lo stile di Landini, attento agli aspetti psicologici quanto quelli legati al dipanarsi della storia. Con la saggezza di un passato controverso Astore Rossi assume il ruolo di personaggio ideale per affrontare con la giusta caparbietà gli aspetti oscuri della realtà. La scoperta di un piccolo biglietto porta il giovane restauratore ad allargare gli orizzonti fino ad arrivare a mille verità.  Un bel giallo, intenso, scritto anche con la competenza di cui Landini si avvale.  Lo consiglio!

4

Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0