caravella portoghese

La caravella portoghese: la medusa killer arriva in Italia

Avvistata nei mari italiani la Caravella portoghese, una delle creature marine pericolose simile a una medusa

I nostri mari italiani sono sempre più caldi e, con questa afa persistente estiva, gli esperti ci indicano che le temperature dei mari italiani sfiorano i 29 gradi, temperature ormai da clima subtropicale più che mediterraneo. Il mare, oltre ad essere caldo è anche calmo e con pochi predatori contribuisce all’invasione delle meduse. Tra queste nei giorni scorsi è stato avvistato il primo caso sulle nostre costiere di Physalia physalis, comunemente chiamata con il nome di Caravella portoghese, perché assomiglia a una barca a vele spiegate. La Caravella Portoghese è, a quanto pare, una specie oceanica simile a una medusa ma particolarmente velenosa e pericolosa per l’uomo.

Andiamo a scoprire cosa è successo in questi giorni.

Caravella portoghese: una bagnante in terapia intensiva a Catania

donna sub medusa

A riportare la notizia è il ‘Giornale di Sicilia’: proprio la presenza della Physalia physalis nel mare siciliano avrebbe portato al ricovero, per una sua puntura al largo delle isole Ciclopi, di una bagnante, ora nel reparto di terapia intensiva dell’Ospedale Policlinico San Marco di Catania. In seguito alla puntura, la donna infatti ha avuto una reazione molto seria anche a causa di patologie pregresse. Dopo aver sviluppato sintomi come mal di testa, vomito, affaticamento, attacchi di panico, difficoltà respiratorie e aritmia cardiaca, la donna è stata ricoverata in ospedale. Ora per fortuna si trova a casa dopo due giorni di ricovero.

Conosciamo meglio la Caravella portoghese e quali rischi corre l’uomo

caravella-portoghese

La Caravella Portoghese è chiamata medusa killer perché ha la caratteristica di assomigliare molto a una medusa con colori sgargianti tendenti al blu e al fucsia. Il suo nome deriva dalla sua forma galleggiante e dal suo spostamento aiutato dei venti tramite una sorta di grande vela che ha sul dorso del corpo. I suoi tentacoli sono urticanti e possono raggiungere anche la lunghezza di 30 metri. Essa compie tutto il suo ciclo vitale nelle acque dell’Oceano Atlantico.

Questa specie oceanica, che abita nel Mar Mediterraneo dalla metà dell’Ottocento ha all’interno dei tentacoli più di 10 tipi di veleni diversi, ognuno caratterizzato da un colore. La tossina isolata si chiama ipnotossina (o fisalitossina), ha proprietà ipnotiche e provoca la cosiddetta “sindrome fisalica”. In seguito ad una puntura il dolore è lancinante e può causare una grave perdita di coscienza. Sulla zona colpita si forma un eritema che poi si ricopre di bolle, mentre su tutto il corpo si formano successivamente pomfi e può anche provocare un arresto cardiaco. Nei casi più lievi, le lesioni lasciano cicatrici e sintomi che possono durare mesi mentre ansia e vomito di solito passano dopo 2-3 giorni.
Caro lettore, se dovessi mai avvistarla sulle spiagge italiane, avverti le autorità locali.

Natura strabiliante di Ben Hoare Ed. Gribaudo

natura strabiliante ben hoare gribaudo

Vuoi conoscere meglio la Caravella portoghese e altre specie di animali sorprendenti? Ti consiglio allora Natura strabiliante di Ben Hoare con le illustrazioni di Angela Rizza e Daniel Long edito da Gribaudo. Di seguito la trama!

Scopri le sorprendenti forme di vita che popolano il nostro pianeta. Dall’albero del drago di Socotra, la cui resina rossa ha l’aspetto del sangue, all’affascinante caravella portoghese, una creatura simile alla medusa dai velenosissimi tentacoli lunghi più di dieci metri… lasciati stupire dalle straordinarie caratteristiche di oltre 100 esemplari appartenenti al mondo minerale, vegetale e animale. Una collezione che svela le meraviglie della natura attraverso illustrazioni, fotografie e curiosità.

 

0 0 voti
Voto iCrewers

Conoscevi già la Caravella portoghese?

Sonya Gatto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti
0
In iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI