0

0

Sette o nove arti nei libri: Terrazze al sole

Terrazze al sole. Il paesaggio e la vita italiana nella pittura dei viaggiatori del XX secolo

arte libri
0

0

iCrewPlay consiglia

A breve in pubblicazione

  • Caffè motivazionale letterario con Marie Curie sarà pubblicato alle 10:00 del 21.09
  • Dimmi che sarai mia - The Turner series vol. 3 di Ester Ashton sarà pubblicato alle 12:00 del 21.09

massimo bignardiCaro iCrewer ti dirò che per caso mi sono imbattuta in questo libro di Massimo Bignardi intitolato Terrazze al sole. Il paesaggio e la vita italiana nella pittura dei viaggiatori del XX secolo edito da Liguori.

E’ un testo uscito da poco che ha come protagonisti artisti di tutto il mondo che hanno fatto tappa nel nostro bel paese. Dato il soggetto del testo ho pensato di presentartelo in questa nostra rubrica sia perchè i pittori sono i protagonisti sia perchè il viaggio, reale o virtuale che sia, è il modo migliore per imparare di arte.

 

Il viaggio in Italia nel XX secolo, ossia i viaggi ed i soggiorni di artisti stranieri nel Bel Paese nel tempo della modernità, è il tema centrale di questo libro. È un’ulteriore traiettoria di un viaggio personale tra ‘viaggi’ che hanno «alimentato e sostenuto una metamorfosi – scrive Bignardi – che ha interessato i nascosti territori della mia immaginazione. Ho compreso, per dirla con le parole di Steinbeck che le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone e quindi che nel mio accompagnarmi nei viaggi altrui, si celava il desiderio di spingermi in territori non ancora esplorati dell’anima».

È stato così che gli studi sui viaggiatori, sui loro soggiorni nell’Italia ‘moderna’, hanno assunto la cifra di una geografia personale che l’autore ha trasformato in itinerari, tappe, a volte scelte, che hanno segnato profondamente un lungo ed intenso periodo di studio. L’attenzione si è spinta oltre i racconti italiani di fine XIX secolo di James Henry, piegando l’interesse verso realtà introspettive, verso l’idea di un viaggio avvertito quale esperienza del riconoscersi, accogliendo le suggestioni di quello italiano narrato da André Gide ne L’immoraliste apparso all’alba del nuovo secolo. Una scelta che ha trasformato la ricerca storico critica in una riflessione sulle personali vicende umane e sociali riconoscendo in queste esperienze il portato di nuovi sentimenti. È una lettura che, per quanto non esaustiva delle tantissime presenze di artisti stranieri, si spinge, verso la chiusura del secolo, a considerare figure attratte dai riflessi di una terra, in particolare del Sud, che ‘trasforma’ i luoghi in sogno.

 

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Ti piace viaggiare per svago o per conoscere? La pittura è una delle arti che ti interessano?
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti
0
In iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x