Senza via di scampo. La storia vera dell'incredibile fuga dalla Corea del Nord Book Cover Senza via di scampo. La storia vera dell'incredibile fuga dalla Corea del Nord
Masaji Ishikawa
Autobiografie
Newton Compton Editori
14 marzo 2019
cartaceo ed ebook
222

La storia vera della fuga di un uomo che ha vissuto l’orrore del regime nordcoreano e lo ha raccontato al mondo.

Metà coreano e metà giapponese, Masaji Ishikawa è il protagonista di un’incredibile storia vera. Quando la sua famiglia si trasferì dal Giappone alla Corea del Nord aveva solo tredici anni. Nessuno poteva immaginare l’incubo che li attendeva. Suo padre, coreano di nascita, decise di tornare al paese natale sedotto dalla propaganda che prometteva abbondanza di lavoro, un’educazione di alto livello per i figli e uno status privilegiato. Ma, una volta arrivati, fu chiaro che la realtà era molto diversa. In un racconto che abbraccia tutta la sua vita, Ishikawa ripercorre le tappe di trentasei brutali anni sotto lo spietato regime.

Non si può scegliere di venire al mondo. Nasci e basta. Alcuni dicono che la tua nascita rivela il tuo destino. Io dico: al diavolo. Non sono nato una sola volta, ma ben cinque, e per cinque volte ho imparato la stessa lezione. Qualche volta nella vita bisogna afferrare il cosiddetto destino per la gola e torcergli il collo.

La storia – vera – è scritta talmente bene che sembra proprio di viverla passo passo con il protagonista. Ishikawa trascina il lettore dentro la sua vita: da bambino in Giappone e poi da uomo adulto in Corea del Nord. I personaggi hanno spessore, non sono maschere di sé stessi o stereotipi. Sono a tutto tondo e il lettore non può far a meno di provare empatia per loro. Anche le emozioni sono descritte con maestria e in certi passaggi sono talmente forti da far quasi male agli occhi leggerle.

La scrittura è scarna, diretta e secondo me ricalca perfettamente le caratteristiche della cultura di appartenenza dell’autore. Un testo duro, quindi, che non lascia scampo a fantasie, dubbi o a immaginazione inutili. 

Ed è proprio questa secondo me la sua forza: portare il lettore per mano dentro una vita che, seppur ingiusta e difficile, fa purtroppo parte di questo nostro mondo. Non ci sono orpelli. Non ci sono scuse o pietismi. Non è un fatto romanzato ad hoc per suscitare false emozioni. Anzi, la semplicità con cui tutta la vicenda viene narrata ha la capacità di far riflettere il lettore.

In questo libro c’è solo tanta, tanta vita vissuta, condensata in poco più di duecento pagine. C’è sofferenza, c’è solitudine, ma ci sono anche gratitudine e umanità. Ci sono tenacia e spirito di sopravvivenza.

Ma ci sarà anche un lieto fine?

Senza via di scampo. La storia vera dell’incredibile fuga dalla Corea del Nord, di Masaji Ishikawa è una storia da leggere lentamente e che rimbalza nella testa anche dopo aver finito l’ultima pagina. Perché, forse, sono proprio quelle ultime tre righe a rimanere impresse nelle mente di chi legge. 

Masaji Ishikawa

Senza via di scampo di Masaji IshikawaNasce in Giappone nel 1947. Quando si trasferisce in Corea del Nord, per lui e la sua famiglia inizia un incubo durato più di trent’anni, fino alla fuga. Quando Senza via di scampo. La storia vera dell’incredibile fuga dalla Corea del Nord, venne pubblicato in Giappone, l’autore ha dovuto modificare alcuni nomi delle persone narrate nel libro e usare uno pseudonimo per non mettere in pericolo la propria famiglia.

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami