Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Piranesi

Piranesi, di Susanna Clarke per Fazi editore

Piranesi, di Susanna Clarke per Fazi editore

Piranesi, di Susanna Clarke, pubblicato da Fazi editore nel mese di febbraio, è uno dei libri più sensazionali che ho letto negli ultimi mesi. Disarmante, esaltante, entusiasmante e soporifero allo stesso modo, misterioso e luminoso.

Ed è davvero difficile recensirlo perchè quando un libro mi è piaciuto così tanto non è facile trovare i motivo per cui l’ho trovato straordinario. All’inizio della lettura ero incuriosita dal titolo e poi diciamolo, Fazi editore è uno spacciatore di materiale di primissima scelta.

Piranesi, di Susanna Clarke per Fazi editore

Piranesi

Poi mi sono addentrata in questa lettura onirica esplorando insieme a Piranesi – che anche lì… si capisce solo dopo che è una persona, all’inizio sembra un’entità non meglio specificata – nella Casa. La Casa è tutto per Piranesi, è il suo rifugio, il suo sostentamento, il suo intero mondo fatto di vestiboli, saloni invasi dal mare e dalle alghe, scaloni in rovina e statue. Statue tra le più belle che l’uomo possa immaginare, così belle che tra le loro braccia Piranesi trova conforto alla solitudine.

Poi, con lo scorrere delle pagine e dei giorni insieme a questo indefinito protagonista, che conosceremo pezzo per pezzo con un dosaggio perfetto di informazioni al lettore, la storia passa da una curiosa quotidianità fatta di lunghe esplorazioni della Casa e sporadici incontri con l’Altro, al formarsi di un mistero. La Casa sembra essere differente da quello che è, l’Altro stesso, amico e mentore del nostro Piranesi, assume connotazioni minacciose.

Ecco allora che da scenario magico e surreale, la Casa si trasforma in un palcoscenico indefinito, e la storia da tratti fantasy assume le linee di un mistery fino ad arrivare a svelarsi per un libro di profonda psicologia. Un romanzo stratosferico degno della grande penna della Clarke: descrizioni che disorientano, belle e assurde, scenari lunari e al contempo antichissimi, una trama che sale fino a vette da cardiopalma, un arco di trasformazione dei personaggi che sorprende e ammalia, una lingua sferzante e nella sua lineare semplicità che non diventa mai banalità. Un finale che solleva e allevia la tensione.

Sensazionale, un grande, grande libro.

0 0 voto
Voto iCrewers

Non lasciarti scappare Piranesi, caro lettore!

Altre recensioni

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

1 ora fa

Guida pratica per genitori. Come aiutare i bambini a crescere sereni.

Segnalazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0