Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Logo Nonostante tutto Francesca Lizzio

Party Reveal lo Nonostante tutto di Francesca Lizzio

"Nonostante tutto" l'ultimo romanzo della scrittrice siciliana targato Panesi Editore.

Nonostante tutto ( Panesi Editori) è l’ultimo romanzo di Francesca Lizzio, scrittrice siciliana di 29 anni, sorriso dolce e introspettivo, dalla “personalità ironica e sarcastica” almeno così la definiscono le note che la riguardano. Non contenta ho cercato di conoscerla attraverso le sue parole e ho trovato alcuni suoi aspetti molto interessanti.

Nonostante tutto, “sono i personaggi che mi cercano non il contrario”

Francesca Lizzio

Ho scoperto la sua timidezza profonda, interpretata come indifferenza, la difficoltà di rapportarsi agli altri, il desiderio di comunicare il suo disagio. Sentimenti e sensazioni che Francesca condivide dal 2015 in un suo blog, Fiore di Cactus che dà il nome anche al suo primo libro pubblicato nel 2017.

Al di là degli interessi per l’editoria, per Francesca scrivere è un modo per esorcizzare la timidezza che lei definisce un mostro senza pietà.

Preferisco pensare che ci sia di più. Oltre i timori riverenziali verso l’incomprensione umana, si percepisce chiaramente che i personaggi delle sue storie sono soprattutto donne in continuo conflitto con se stesse, alle prese con le contraddizioni sentimentali, la certezza che la vera amicizia e la famiglia siano valori imprescindibili.

Nonostante tutto si può ricominciare… 

Non so nulla di Sara, il personaggio di Fiore di Cactus ma ho imparato a conoscere l’introspezione, la sofferenza e la resilienza di Cristina la protagonista di Nonostante tutto, il secondo romanzo di Francesca Lizzio che, in verità, ho letto con piacere. E questo è già un buon segno. Mi ha convinto anche il titolo che ritengo azzeccato per la storia, in qualche modo trade union tra una realtà da scoprire e il futuro che si prospetta.

Non si può dire che la vita di Cristina, così come ce la presenta l’autrice, sia facile; l’abbandono improvviso dell’uomo con il quale aveva progettato una vita in comune assume il sapore del fallimento, tutto appare senza significato. Se l’istinto la porta a rinchiudersi nella sofferenza la ragione costringe Cristina a metabolizzare la nuova realtà. Dimenticare è l’unica via per andare avanti. Il lavoro con i bambini e la vicinanza delle amiche più care sembrano essere la panacea ai problemi fino a quando un particolare, per nulla irrilevante, le stravolge la vita. A mettere benzina sul fuoco anche l’altalenante rapporto con le due sorelle con le quale condivide i ricordi di una infanzia molto difficile e piena di segreti.

Nonostante tutto Francesca Lizzio

Al di là di una realtà oggettivamente complicata, Cristina non è mai sola, ha la fortuna di contare sulla presenza costante di amiche votate alla sua causa, pronte a risolverle ogni tipo di problema pratico. Ce ne fossero in giro…

Nonostante tutti i problemi e le difficoltà a volte la vita riesce a farti incontrare qualcuno che ci aiuta ad alleggerirci il cuore

Insomma, la vita della giovane maestra è un vero e proprio puzzle che si compone lentamente rivelando alla fine la migliore delle immagini. Un’immagine alla quale probabilmente non avrebbe mai pensato ma che si rivela la più giusta.

Il consiglio di Francesca quindi è chiaro. Nel marasma delle incertezze la soluzione è vedere il bicchiere mezzo pieno piuttosto che rinchiudersi in una realtà opprimente, che dal passato non si può sfuggire, meglio affrontarlo e ricominciare anche perché la famiglia è la famiglia!  E anche su questo siamo d’accordo!

A questo aggiungerei che la realtà può anche non piacerci ma va accettata per quella che è, dobbiamo solo  sforzarci di vedere l’arcobaleno dietro ad ogni temporale. Come dire che la speranza è sempre l’ultima a morire, basta dare uno sguardo dall’altra parte della strada, scrive Francesca…

Cosa penso del romanzo di Francesca Lizzio? leggero ma non troppo, non sempre scorrevole, soprattutto all’inizio la scrittura risulta quasi schizofrenica. Avrei evitato.

Nel complesso il romanzo è piacevole, alcuni spunti fanno riflettere, si respira un’atmosfera empatica, fatta di buoni propositi e questo fa sorridere e riscalda il cuore. Mi chiedo quanto ci sia di Francesca in Cristina o magari è il contrario? Chissà!

0 0 voto
Voto iCrewers

Nonostante tutto racconta la vita di Cristina giovane maestra alle prese con una realtà difficile resa ancora più complicata dopo essere stata lascata dall’uomo che amava. A questo si aggiunge un presente pieno di problemi e un passato che vorrebbe dimenticare ma che ritorna vivo attraverso il rapporto con le sue sorelle. Il romanzo nel complesso è piacevole, fa riflettere per le dinamiche particolari trattate, tranne alcuni tratti anche il linguaggio scelto è scorrevole.

Altre recensioni

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0