Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Ryder Carroll, Il metodo Bullet Journal

Libri, vip e non solo: i segreti del metodo Bullet Journal

Sei alla ricerca di un modo di organizzare le tue giornate, di liberare la mente e sentirti più conscia del tuo tempo? Allora forse il metodo Bullet Journal è quello che fa per te!

Buongiorno iCrewer! In questa domenica di maggio vorrei parlarti di un metodo di organizzazione che ho scoperto di recente, e che credo che possa essere il giusto compromesso tra creatività ed efficienza: il Bullet Journal (a volte abbreviato con BuJo).

Di che cosa si tratta? Il metodo, ideato dal progettista austriaco Ryder Carroll, consiste nel creare una sorta di agenza personalizzata, in cui racchiudere non soltanto i nostri impegni, le nostre scadenze, le cose da fare, ma anche i nostri pensieri e tutto ciò che riteniamo più importante.

L’occorrente per iniziare è un taccuino – a righe, a quadri, bianco, con i caratteristici bullet (puntini posizionati circa a cinque millimetri di distanza l’uno dall’altro sul foglio), scegli tu – e una penna. L’ideale sarebbe consultare qualche libro o sito e guardare alcuni tutorial (il web ne è pieno, c’è l’imbarazzo della scelta), per farsi un’idea di cosa includere e come strutturare graficamente il proprio Bullet Journal, soprattutto all’inizio. Come primo approccio, Il metodo Bullet Journal scritto proprio da Ryder Carroll, pubblicato in Italia da Mondadori, è un’ottima opzione.

Una volta che si è presa confidenza con il procedimento, si possono aggiungere nuovi argomenti di registrazione, o personalizzare il modo in cui prendiamo i nostri appunti.

Perchè il pregio di questo tipo di taccuino, a differenza di un’agenda acquistabile già completa, è proprio la possibilità di renderlo veramente nostro. Se, ad esempio, vogliamo creare uno storico delle nostre abitudini – le ore di sonno, piuttosto che quanta acqua beviamo o quante volte facciamo sport – potremmo creare un’unica pagina in cui annotiamo, mese dopo mese, tutte queste informazioni. Così facendo, a fine anno ci troveremo davanti uno schema riassuntivo dei nostri comportamenti.

Bullet Journal, mood tracker
Un mood tracker ispirato ai fiori di cotone

Oppure, se ci accorgiamo di avere spesso sbalzi d’umore, o anche soltanto per aiutarci a mettere in prospettiva una giornata (perchè non è che se per un ora su ventiquattro ci siamo arrabbiati, allora siamo stati arrabbiati tutto il giorno, no?), potrebbe essere utile disegnare un mood tracker.

Si tratta di un disegno in cui viene lasciato bianco, e successivamente numerato, uno spazio libero per ogni giorno del mese. Poi, stabilita una legenda di colori collegati al nostro umore (felice, arrabbiata, nervosa, stanca, ecc.), procederemo a colorare ogni spazio con lo stato d’animo che ha caratterizzato quel determinato dì (meglio farlo la mattina dopo, per avere una visione più chiara del tutto).

Se, invece, siamo lettori costanti – presente!, nulla ci vieta di aggiungere una lista dei libri letti o da leggere. Che sia un semplice elenco di titoli o qualcosa di più artistico, l’importante è che funzioni per noi.

Bullet Journal: capire il passato, ordinare il presente, plasmare il futuro

Ciò che davvero mi affascina del Bullet Journal, è la sua versatilità. Non deve per forza essere un taccuino sull’organizzazione giornaliera: potremmo impostarlo per la pianificazione di viaggi (una pagina per l’itinerario, una per il budget, le cose da mettere in valigia, i documenti da preparare e, ovviamente, i ricordi); potremmo prendere nota dei fatti positivi di ogni giornata, per aiutarci a non vedere il bicchiere sempre mezzo vuoto.

Potremmo creare uno storico dei libri che abbiamo letto, aggiungendo informazioni generali (genere, casa editrice, anno di pubblicazione, titolo originare, serie o auto conclusivo), una valutazione e magari una piccola recensione. Ci potrebbe servire per tenere traccia di tutte le nostre idee creative, e allora potrebbe essere interessante organizzalo per argomento (fai da te, scrittura, cucina…).

Insomma, il metodo è applicabile a qualsiasi ambito che ci interessi tenere sott’occhio.

Si può scegliere, inoltre, di tenere la stessa veste grafica per tutto l’anno, o di cambiare ogni mese. In questo modo, la creazione del Bullet Journal diventa un vero e proprio processo creativo che può servirci come valvola di sfogo. Un momento che dedichiamo a noi stessi, in cui diamo libero sfogo alla nostra fantasia.

Il metodo Bullet Journal di Ryder Carroll

“Erano gli anni Ottanta quando mi fu diagnosticato il disturbo da deficit di attenzione e iperattività. Per anni ho provato innumerevoli sistemi per organizzare il tempo, online e offline, ma nessuno di questi si adattava al funzionamento della mia mente. Spinto quindi dalla necessità, ho ideato un metodo chiamato Bullet Journal per essere sempre concentrato ed efficiente, ma soprattutto meno stressato.

Bullet Journal, lista dei libri lettiNon appena ho iniziato a condividere il metodo con chi si trovava nella stessa situazione, con mia grande sorpresa, il Bullet Journal è diventato virale. E oggi, solo qualche anno dopo, è un movimento globale. Il Bullet Journal è molto più che un metodo per organizzare i tuoi appunti e preparare liste di cose da fare. Riguarda quello che io chiamo “vivere consapevolmente”: liberarsi dalle distrazioni e utilizzare il tempo e le energie nel perseguire ciò che ha davvero importanza, nel lavoro e nella tua vita privata.

È un formidabile aiuto per imparare a passare più tempo a fare quello che ami, riducendo drasticamente il numero delle cose di cui occuparti.

Ho scritto questo libro per i creatori di liste frustrati, i multitasker sconfitti, i creativi che hanno bisogno di un po’ di organizzazione. Sia che tu abbia usato un Bullet Journal per anni o che non ne abbia mai visto uno, Il metodo Bullet Journal ti aiuterà a passare da comparsa a protagonista della tua stessa vita.” 

0 0 voto
Voto iCrewers

Potrebbe interessarti...

Oltre il tempo

Novità in libreria: Dal 20 gennaio in libreria Oltre il tempo di Abby Brooks!

Perché il re degli elfi odiava le storie

Novità in libreria: Perché il re degli elfi odiava le storie di Holly Black

Speciale

Libri e Cinema: Harry Potter e il prigioniero di Azkaban

Mordi e fuggi. Il romanzo delle BR

Novità in libreria: Mordi e fuggi. Il romanzo delle BR di Alessandro Bertante

All'ombra di nessuno

Novità in libreria: due nuove uscite per febbraio di Garzanti editore

Il Dio indifferente

Novità in Libreria: Il Dio indifferente di Steven Erikson

Avevi mai sentito parlare del metodo Bullet Journal? È qualcosa che potrebbe interessarti provare?
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0