Una piccola morte Book Cover Una piccola morte
Mohammad Hasan Alwan
narrativa storica
Edizioni e/o
10 aprile 2019
ebook, cartaceo
550

In questo ambizioso romanzo, Mohamed Hasan Alwan ci conduce in un’epoca lontana, a cavallo tra il XII e il XIII secolo, ricostruendo passo dopo passo e con dovizia di particolari la vita del “sommo maestro” Muhyi-d-din Ibn ‘Arabi, uno dei più grandi sheikh sufi di tutti i tempi, filosofo, mistico e poeta la cui opera ha influenzato molti intellettuali e mistici tanto in Oriente quanto in Occidente (secondo alcuni studiosi avrebbe influenzato, seppur indirettamente, anche Dante Alighieri e San Giovanni della Croce). In apertura del romanzo, Alwan immagina Ibn ‘Arabi, in eremitaggio su una montagna in Azerbaigian, intento a scrivere la propria autobiografia. Le pagine che seguono ripercorrono, sotto forma di narrazione in prima persona, l’intera vita del mistico musulmano, sempre legata a doppio filo agli eventi storici e politici dell’epoca, che hanno influito, spesso in modo diretto, sul suo vissuto quotidiano e sul suo percorso esistenziale.

Arabia Saudita tra poeti e scrittori

Una terra difficile l’Arabia Saudita, a cavallo tra due continenti, dove esprimere il proprio parere a volte diventa pericoloso, dove si fugge perchè la vita è veramente complicata, dove sei molto ricco o veramente molto povero. Questa l’Arabia Saudita che ci fanno conoscere i media, che vediamo ai telegiornali. Dobbiamo tener presente che è un grande paese con una cultura che ha origini antichissime ed è ben radicata nel suo popolo.

Ogni anno il Globalinfluence stila una classifica riguardante le persone più influenti del mondo mediorientale, i primi posti erano tradizionalmente appartenuti ai teologi, lo scorso anno sono stati invece conquistati da alcuni intellettuali. Il primo posto e il terzo sono stati di due poeti sauditi: Mohammed Alrotayan Mohammad Hasan Alwan.

Oggi vi voglio parlare dell’ultimo romanzo scritto da Mohammad Hasan Alwan che non è solo un poeta ma uno scrittore a tutto tondo. Per l’Italia il titolo è Una piccola morte, tradotto per Edizioni e/o.

Tradotto in più di dieci paesi, Una piccola morte, biografia romanzata di uno dei padri del sufismo (la corrente mistica dell’Islam), è un romanzo storico, d’avventura, di viaggio e d’amore, che restituisce un’immagine del santo sufi ripulita dall’alone di leggenda: Ibn ‘Arabi uomo in carne e ossa, che si sposa e divorzia, che piange e ride, che viaggia alla ricerca del senso della vita. Il titolo si riferisce proprio a un detto di Muhyi-d-din Ibn ‘Arabi: «L’amore è una piccola morte». 

Oltre a questo ci sono tantissimi altri autori che ogni giorno cercano di esprimere il loro parere, portare alla ribalta questa parte di mondo tanto affascinante quanto ancora poco conosciuta attraverso la scrittura.

Arabia SauditaTi consiglio inoltre il primo libro di Rajaa Alsanea edito per l’Italia all’interno della collana Oscar Mondadori intitolato Ragazze di Riad. L’autrice proveniente da una famiglia di medici, vive a Chicago per motivi di studio, ma ha intenzione di tornare in Arabia Saudita.

Quattro giovani studentesse universitarie, di famiglie ricche e privilegiate, alla ricerca del vero amore. Un cliché già visto? Ma la città in cui vivono non è New York: è Riad, capitale dell’Arabia Saudita, e la società nella quale si muovono impone loro un numero infinito di regole e comportamenti che non tengono conto dei loro desideri. Attraverso resoconti di un’anonima narratrice che invia i propri scritti via Internet, l’unico mezzo di comunicazione privata possibile, prendono forma le storie di Qamra, Michelle, Sadim e Lamis. Ragazze diverse che riescono a creare una loro piccola comunità, a farsi forza l’una con l’altra, a imparare dagli errori altrui in un contesto che ne permette pochissimi.

Caro iCrewer tu hai qualcosa da consigliarci?

 

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami