Piccola Sicilia Book Cover Piccola Sicilia
Daniel Speck
Romanzo
Sperling & Kupfer
28 maggio 2019
Libro - Ebook
537

Un viaggio nella storia… per trovare la “Casa”!

Caro lettore, oggi ti voglio presentare “Piccola Sicilia” di Daniel Speck, il nuovo romanzo dello scrittore “Volevamo andare lontano“.

Trama

Sicilia, oggi. Dal fondo del mare emergono i resti di un aereo inabissatosi durante la Seconda guerra mondiale. Tra i reperti, una vecchia macchina fotografica con due iniziali perfettamente leggibili: M.R. Quelle di Moritz Reincke? Quando Nina era piccola, bastava menzionare quel nome perché calasse un silenzio di ghiaccio: in famiglia, il nonno Moritz era un tabù. Cineoperatore dell’esercito tedesco di stanza in Nord Africa, non aveva mai fatto ritorno a Berlino. Sul perché, solo tre parole: «Disperso nel deserto». Forse per questo Nina è diventata archeologa, per chiarire misteri irrisolti. Ma proprio ora che la verità sembra venire a galla insieme al relitto, una sconosciuta si fa avanti con una storia che stravolge ogni certezza. Nata a Tunisi, dice di essere figlia di Moritz – o meglio, Maurice: il nome della sua seconda vita. Tunisi, 1942. Nel quartiere chiamato «Piccola Sicilia» convivono da sempre ebrei, cristiani e musulmani. Tanti gli immigrati italiani, come la famiglia ebrea dei Sarfati: il dottor Albert e sua moglie Mimi; il figlio maggiore, Victor, affascinante pianista; e Yasmina, salvata dall’orfanotrofio e cresciuta come una figlia, animo inquieto che trova rifugio nei sogni e nell’adorazione per Victor. Con l’arrivo della guerra l’equilibrio del loro piccolo angolo cosmopolita inizia a vacillare. Tra gli invasori tedeschi, un giovane soldato filma quel mondo prossimo alla fine. Il suo nome è Moritz. Taciturno ma straordinario osservatore, preferisce restare ai margini dell’inquadratura, senza farsi coinvolgere dagli eventi. Non sa che una scelta di umanità sta per legare in maniera irreversibile il suo destino a quello di Victor e Yasmina. A costo della sua stessa vita. Perché non si può vivere senza scegliere, e non si può amare senza perdere l’innocenza. Sullo sfondo epico della Storia in cui affondano le radici del nostro presente, s’intessono le sorti di due famiglie, spezzate e unite a loro insaputa. Un intreccio sublime di destini in cerca di un luogo da chiamare casa, di un nome in cui trovare rifugio, di una storia in cui riconoscersi e sciogliere i nodi dell’anima.

Daniel Speck

E’ nato nel 1969 a Monaco di Baviera, in Germania. Dopo aver studiato cinema a Monaco e a Roma, ora è docente, scrittore e sceneggiatore di successo. Per la sceneggiatura di “Volevamo andare lontano”, grazie all’enorme successo riscontrato in Germania ha ottenuto l’Oscar della televisione tedesca, detto “Grimme-Preis“.

Leggete… con la lettura volerete! Buona lettura!

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami