0

Leggilo anche tu: Il mondo che vogliamo, C. Rackete

Il mondo che vogliamo

Il manifesto della Capitana della Sea-Watch-3

Caro iCrewer, l’autrice del saggio in uscita lunedì 4 novembre per Garzanti non ha bisogno di presentazioni: dopo i chiacchierati fatti di questa estate, Carola Rackete è diventata celebre in tutta il mondo. Il mondo che vogliamo è il suo manifesto personale, in difesa dell‘ambiente e dei diritti umani: due temi caldi, di cui si parla senza sosta e che vede agguerrite fazioni schierate su fronti opposti.

Sei curioso di sapere cosa la Capitana della Sea-Watch-3 ha da dire a riguardo? Ecco la sinossi del suo appello:

«Carola Rackete è la giovane donna che nel giugno scorso, dopo giorni di richieste di aiuto e attesa in acque internazionali, ha sfidato i divieti delle autorità per portare in salvo i migranti presi a bordo della Sea-Watch 3, diventando in pochi giorni un simbolo globale di coraggio, giustizia e fedeltà ai propri ideali. Ma Carola Rackete è molto più di quello che i media internazionali hanno raccontato in quei giorni concitati: è un’attivista con una chiara visione e una fortissima passione civile, un modello per tanti ragazzi e ragazze che scelgono di impegnarsi per un mondo migliore. Con questo appello appassionato e convincente motiva le ragioni delle sue battaglie e ci ispira a combattere in difesa dell’ambiente, dei diritti umani, del futuro del pianeta, perché oggi agire non è più una scelta ma una urgente necessità. Prima che sia troppo tardi.»

E un breve estratto:

«La storia del nostro pianeta ha raggiunto un punto di svolta: gli ecosistemi vengono distrutti, il sistema climatico sta crollando, e se non proteggiamo i diritti di altri esseri umani, anche i nostri diritti saranno presto in pericolo.»

 

Il mondo che vogliamo è un libricino di poco più di un centinaio di pagine, ma che racchiude la filosofia e l’impegno di una delle più influenti attiviste sociali del momento. Il ricavato dalla vendita sarà devoluto all’Associazione broderline-europea Menschenrechte ohne Grenzen e.V., la quale si occupa di diritti umanitari: si batte a favore dei profughi e si oppone alla criminalizzazione di coloro che li aiutano.

 

Carola Rackete è la giovane donna che nel giugno scorso, dopo giorni di richieste di aiuto e attesa in acque internazionali, ha sfidato i divieti delle autorità per portare in salvo i migranti presi a bordo della Sea-Watch 3, diventando in pochi giorni un simbolo globale di coraggio, giustizia e fedeltà ai propri ideali. Ma Carola Rackete è molto più di quello che i media internazionali hanno raccontato in quei giorni concitati: è un’attivista con una chiara visione e una fortissima passione civile, un modello per tanti ragazzi e ragazze che scelgono di impegnarsi per un mondo migliore. Con questo appello appassionato e convincente motiva le ragioni delle sue battaglie e ci ispira a combattere in difesa dell’ambiente, dei diritti umani, del futuro del pianeta, perché oggi agire non è più una scelta ma una urgente necessità. Prima che sia troppo tardi.

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp