Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
poesia e vita,vita è poesia

Lawrence Ferlinghetti ci ha lasciati a 101 anni

Lawrence Ferlinghetti, poeta statunitense di origine italiana, padre della Beat Generation, è morto il 22 febbraio, alla bella età di 101 anni.

Quello di Lawrence Ferlinghetti è un nome e una figura letteraria che rappresenta un’icona per molte generazioni: essenzialmente poeta ma non solo perchè può essere definito artista a tutto tondo, negli anni Sessanta è stato fautore di quel quel vasto fenomeno socio-culturale, conosciuto nel mondo come Beat Generation che ha rivoluzionato non solo il mondo poetico ma ha investito e cambiato società e cultura.

Con la sua morte alla bella età di 101 anni scompare il poeta-leggenda della Beat Generation.

Lawrence Ferlinghetti, nato a Yonkers il 24 marzo 1919, di origine italiana come il cognome fa intuire, rimase orfano di padre prima di nascere e, poco tempo dopo la nascita la madre fu rinchiusa in una casa di cura per malattie mentali. Cresciuto dagli zii e in seguito adottato da una famiglia americana, volle mantenere il suo cognome di origine. 

Malgrado l’esordio alla vita non propriamente felice, Lawrence Ferlinghetti diventa giornalista e poi critico letterario e nel 1953 si inventa quella che diventerà il simbolo di un’intera generazione di artisti: la libreria-casa editrice-tempio di San Francisco, la City Light, un luogo dove passarono tutti i maggiori rappresentanti della poesia statunitense: nomi come Kerouac, Bukowski, Ginseng e tanti altri devono a Lawrence Ferlinghetti e alla City Light la loro fama e la consacrazione a poeti.

Lawrence Ferlinghetti

In quella libreria, oltre a respirare odore di carta stampata si respirava fumo, non solo di tabacco, alcool e poesia. Gli artisti che la frequentarono in quegli anni, da bravi figli del loro tempo fra dissolutezze, droghe e disperazioni di vario genere, trovarono lo spazio per recitare i loro versi ad un pubblico sempre nutrito e attento. Lawrence Ferlinghetti fu il primo infatti a creare il precedente: la sua City Lights all’occorrenza si trasformava in un luogo di intrattenimento, dove i poeti recitavano i loro versi come da un palcoscenico.

Lawrence Ferlinghetti un intellettuale visionario e fuori dagli schemi 

Little Boy, cresciuto da romantico contestatore, ha conservato la sua giovanile visione di una vita destinata a durare per sempre, immortale come lo è ogni giovane, convinto che la sua identità speciale non morrà mai.

Quella riportata sopra è la frase con la quale Lawrence Ferlinghetti conclude Little Boy, la sua autobiografia, pubblicata in occasione del centenario ed è così che il mondo letterario lo ricorda: un eroe romantico, contestatore, eterno fanciullo che non ebbe timore di sfidare il perbenismo americano di quel tempo. Coraggioso e controcorrente non indietreggiò mai nel portare avanti i suoi credo e le sue convinzioni più profonde, finendo anche in carcere accusato di oscenità quando pubblicò, nel 1956, Urlo, Howl, di Allen Ginsberg, poema-scandalo per la società americana fortemente puritana e conformista di quel tempo. 

Altri tempi, ora che tutti si arrogano il diritto di pubblicare vere e proprie oscenità, nel senso di ciofeche letterarie, nessuno finisce in carcere per vilipendio (non certo al perbenismo o al pudore, ormai non si scandalizza più nessuno) alla letteratura. Vabbè, caro lettore passami la “nota critica” che ci sta tutta, credimi, visto ciò che circola oggi in poesia…

E niente, rientro nei ranghi adesso e penso che un personaggio come Lawrence Ferlinghetti, non ha circoscritto nè catalogato niente, rifiutando ogni schema preconfezionato, tanto da dire:

[…] Perché perfino la brutta poesia ha rilevanza/ per quello che non dice/ per quello che tralascia…

Questo verso tratto dal brano Usi della poesia ne è la dimostrazione. E probabilmente abbiamo solo da imparare dalla sua saggia follia. 

 

Lawrence Ferlinghetti: impegno culturale e politico

Una saggia follia che coltivò per tutta la vita e che lo rese non solo attivo in poesia ma anche impegnato da un punto di vista strettamente sociale e politico. Anarchico convinto, spese gran parte delle sue energie, specie dopo l’arresto, battendosi per la libertà di parola e per la diffusione della cultura come mezzo di riscatto sociale. La letteratura fu vista da Lawrence Ferlinghetti come mezzo di ribellione verso la società di quel tempo, capitalista e fortemente conservatrice, 

lawrence ferlinghetti

Nominato nel 1998 Poeta Laureato di San Francisco, Lawrence Ferlinghetti  è autore di decine di libri tra cui una delle raccolte di poesia più vendute nella storia degli Stati Uniti: A Coney Island of the Mind. Pubblicata nel 1958, la raccolta è composta di 48 poesie, ha venduto più di un milione di copie ed è una durissima critica della società del tempo.

La particolarità della raccolta è la struttura: i versi sono creati in maniera da poter essere musicati e accompagnati dalla musica  jazz, lo stile musicale amato dai protagonisti della Beat Generation. 

Non sono solo poesie dunque quelle di Coney Island of the Mind, un’opera che avrebbe influenzato generazioni a venire, non solo di scrittori e poeti ma anche di musicisti, come ad esempio Lou Reed. Quelle di Ferlinghetti, sono vere e proprie visioni che aprono porte su una diversa percezione del mondo:

L’occhio del poeta vedendo oscenamente/ vede la superficie del mondo tondo/ con i suoi tetti sbronzi/ i lignei oiseaux sui fili del bucato/ i maschi e le femmine d’argilla/ con le gambe da schianto e i seni a bocciolo/ su brandine a rotelle/ e i suoi alberi pieni di misteri/ i suoi parchi di domenica e le statue silenziose/

e la sua America/ con le sue città fantasma e le Ellis Island vuote/ e il suo paesaggio surrealista fatto di/ praterie smemorate/ ricche periferie-supermercato/ cimiteri riscaldati/ feste comandate in cinerama/ e cattedrali che protestano/ un mondo a prova di bacio fatto di plastica ciambelle del cesso tampax e taxi.
(dall’edizione di minimum fax, traduzione di Damiano Abeni e Moira Egan).

Una cultura che con Lawrence Ferlinghetti è uscita dalle aule universitarie e accademiche per andare, come Kerouac insegna, sulla strada. Quel viaggio, quell’itinerario continua ancora o si è perso tra le onde elettromagnetiche dell’homo digitalis?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

0 0 voto
Voto iCrewers

Potrebbe interessarti...

Tornanti e altri incantesimi

Sport in book: Tornanti e altri incantesimi di Giacomo Pellizzari

Guida pratica per genitori. Come aiutare i bambini a crescere sereni.

Novità in libreria: Guida pratica per genitori. Come aiutare i bambini a crescere sereni.

Dryamen

Cover reveal: Dryadem di Marie Albes

L'alemanno

L’alemanno, La vita delle persone tenui, Il mondo in una biglia… nuove uscite per Elison Publishing

Harry Potter e la pietra filosofale

Il Maialino di Natale è il titolo del nuovo libro di J.K Rowling

L'arpa d'erba

Spazio ai classici: pillole, aneddoti e curiosità dai grandi della letteratura

Quando muore un poeta al mondo c’è meno luce per vedere le cose. Quando muore un poeta gli uccelli hanno una traettoria in meno tra quelle possibili, e non se ne accorgono. Quando muore un poeta il male sorride felice di aver perso un avversario. Quando muore un poeta la mia vita è più piccola, la mia speranza più lieve.” (Alda Merini)
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

1 ora fa

Guida pratica per genitori. Come aiutare i bambini a crescere sereni.

Segnalazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0