Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Otto B Kraus il maestro di Auschwitz

Leggilo anche tu: Il maestro di Auschwitz di Otto B Kraus

Una storia vera raccontata con grande intensità e sentimento, perché ciò che è accaduto non si dimentichi né si ripeta.

Caro iCrewer, il libro che ti sto per segnalare quest’oggi ti apre lo scenario su una delle pagine più drammatiche della storia dell’umanità. La deportazione nei campi di concentramento, il genocidio degli ebrei, tutti quegli essere umani utilizzati con perfidia e crudeltà come cavie da laboratorio, per non parlare, poi, di tutti quei bambini, povere anime innocenti, strappate con veemenza e ferocia alla beltà della vita; spesso mi chiedo: ma come ha potuto, l’essere umano, essere creato da Dio, rendersi colpevole di simili atrocità? Quale mente malvagia ha potuto mettere in atto tutto questo senza remore? Di certo non una mente né sana né aperta verso il prossimo. Che poi, chi lo ha mai detto che esiste una razza superiore ed una inferiore? Ogni volta che mi imbatto in uno scritto del genere o che, comunque, si avvicina il giorno della memoria, il mio cuore diventa piccolo e cupo: non oso credere a cotanta cattiveria, in particolar modo se penso a tutte quelle povere anime innocenti…

Ebbene, Otto B Kraus in questo suo romanzo Il Maestro di Auschwitz, ci racconta in maniera assolutamente vissuta una storia ispirata dalla sua personale esperienza da deportato, un libro, quindi, che inevitabilmente ti toccherà l’anima e ti commuoverà, sembra scontato ma è così: ma è una commozione riflessiva. Mi auguro, sinceramente, che l’intera umanità abbia fatto monito di quanto accaduto e che mai più si ripeta tutto quanto successo e che, soprattutto, la memoria non dimentichi il male perpetrato.

«Impressionante. Quando ho letto il manoscritto ho pensato che dovesse essere assolutamente pubblicato.» (Cit. Elie Wiesel)

«Fa commuovere profondamente. Questo libro è parte di una memoria collettiva che deve essere preservata.» (Cit. Yossi Sarid, ex ministro dell’istruzione israeliano)

«È fondamentale che storie come questa vengano pubblicate. Mi aspetto che questo libro diventi un bestseller.» (Cit. Judith Kestenberg)

«Otto Kraus unisce un talento narrativo eccezionale alla potenza di un’esperienza personale incredibile, tra le baracche immerse negli orrori di Auschwitz. Da oggi in poi il suo nome entrerà di diritto tra gli scrittori fondamentali del ventesimo secolo.»  (Cit. Antonio Iturbe)

Ed ecco l’autore…

OTTO B KRAUS è nato nel 1921 a Praga. Lui e la sua famiglia furono deportati nel maggio 1942 nel GOtto B Kraushetto Terezin e da lì ad Auschwitz. Fu tra i mille uomini inviati nel campo di concentramento di Schwarzheide-Sachsenhausen in Germania. Dopo la guerra, tornò a Praga dove apprese che né i suoi genitori, né suo fratello erano sopravvissuti. Si iscrisse all’università per studiare Letteratura, Filosofia, Inglese e Spagnolo. Ricevette una modesta borsa di studio e iniziò a ricostruire la sua vita. È morto il 5 ottobre 2000, a casa, circondato dalla sua famiglia.

Se vuoi immergerti in un libro intenso, ricco di sentimento e memoria Il maestro di Auschwitz ti aspetta dal 2 gennaio 2020 in libreria!

0 0 voto
Voto iCrewers

Potrebbe interessarti...

Speciale

Visto di punta: politica, argomento per pochi?

Speciale

Le novità di Fanucci Editore

Speciale

Novità in libreria: Ab Umbris di Marco Ghergo

Parole che danzano

Lifestyle: Roberto Bolle si racconta in Parole che danzano

Apro gli occhi

Novità in libreria: Apro gli occhi di Dario Vergari

Speciale

Altan al Salone Internazionale del Libro di Torino

Caro iCrewer, cosa ne pensi di questo libro? Pensi che lo leggerai? Ti senti pronto a tuffarti in qualcosa che, di certo, ti commuoverà?
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0