3+

5

Leggilo anche tu: Walking Dad. Nato sotto il segno dei gamberi 2019

Walking Dad. Non chiamatelo mammo! Ma neanche zombie, è un papà come te e che ogni giorno affronta le tue stesse problematiche

Dario Benedetto

iCrewPlay consiglia

A breve in pubblicazione

  • Metti una sera d'estate in compagnia di Jo March sarà pubblicato alle 10:00 del 10.07
  • Coenraad Nell, il coscritto, e la campagna di Russia sarà pubblicato alle 12:00 del 10.07

È convinzione diffusa che chi ha un bambino riceva un manuale segreto, accessibile solo attraverso il DNA del neonato. Niente di più falso. Diventare padre significa affrontare questo e altri stereotipi e diventare campioni di specialità olimpiche uniche nel loro genere, come lo smaltimento di rifiuti tossici e le public relations con giovani neomamme isteriche. Significa scegliere: puoi restare come sei o evolverti. E diventare un Walking Dad, un supereroe senza alcun potere. Puoi decidere di confidarti con gli altri papà e puoi decidere di scrivere ai tuoi figli delle lettere che leggeranno da grandi, in cui si spieghi al primogenito che è nato sotto il segno dei Gamberi, deliziosi gamberi argentini divorati con gusto nonostante la rottura delle acque, e a tua figlia che quando si innamorerà dovrà scegliere un uomo diverso da suo padre. E non è finita qui: diventare un papà significa affrontare una lunga evoluzione, passando dalle mani incerte che accolgono il primo figlio alle mani sicure che afferrano il manubrio di una bicicletta che si impara a manovrare a quarant’anni. Questo è il monologo disincantato di un uomo che ha fatto la sua scelta.
Leggi la sinossi
È convinzione diffusa che chi ha un bambino riceva un manuale segreto, accessibile solo attraverso il DNA del neonato. Niente di più falso. Diventare padre significa affrontare questo e altri stereotipi e diventare campioni di specialità olimpiche uniche nel loro genere, come lo smaltimento di rifiuti tossici e le public relations con giovani neomamme isteriche. Significa scegliere: puoi restare come sei o evolverti. E diventare un Walking Dad, un supereroe senza alcun potere. Puoi decidere di confidarti con gli altri papà e puoi decidere di scrivere ai tuoi figli delle lettere che leggeranno da grandi, in cui si spieghi al primogenito che è nato sotto il segno dei Gamberi, deliziosi gamberi argentini divorati con gusto nonostante la rottura delle acque, e a tua figlia che quando si innamorerà dovrà scegliere un uomo diverso da suo padre. E non è finita qui: diventare un papà significa affrontare una lunga evoluzione, passando dalle mani incerte che accolgono il primo figlio alle mani sicure che afferrano il manubrio di una bicicletta che si impara a manovrare a quarant’anni. Questo è il monologo disincantato di un uomo che ha fatto la sua scelta.
Leggi la sinossi

Caro iCrewer oggi ti propongo un libro che ha già un anno di vita, è uscito infatti alla fine di marzo 2019, ma potrebbe darti delle dritte su come affrontare il rapporto con i tuoi figli.

Walking Dad. Nato sotto il segno dei gamberidario benedetto Walking Dad

di Dario Benedetto

Prima di introdurti al libro è bene una panoramica sull’autore così che sia chiaro il perchè ho scelto questo testo un po’ datato, ma esilarante.

Nella sua vita ha fatto un po’ di tutto, ha lavorato come camionista, operatore sociale, massoterapeuta, assistente alle onoranze funebri, operaio in diversi call center, facendo tutto male.

Ha conseguito una Laurea Vecchio Ordinamento in Psicologia Clinica riuscendo a farsi chiamare dinosauro in via di estinzione da ironici professori.

Poi, per puro caso, inizia una scuola di Teatro&Altro, la Maigret&Magritte  di Emilio Lo Curcio e comincia a capire che una cosa, forse, la sa fare.
Inizia a seguire laboratori sparsi per l’Italia, insieme a Giovanna Mori, Peader Kirk, Paolo Rossi, Michele Di Mauro, facendo tonnellate di palco, di improvvisazioni, di incontri, di appunti di viaggio.

Comincia a scrivere, quasi per gioco, uno spettacolo sulla storia di Gola Profonda, il primo film a luci rosse proiettato su schermo pubblico a New York, facendola raccontare da Thomas Turbato. Insieme al jazzista Gianni Denitto e alla regia luci di Martino Cipriani, danno alla luce nel 2006 Non c’è Musica in Finlandia riscuotendo, increduli, successo di pubblico e di critica. Nasce l’Associazione Torcigatti.

Gira per il nord Italia, facendo decine di repliche, sempre con il tutto esaurito.

Il Piccolo Regio di Torino si accorge di loro e richiede la collaborazione alla rassegna Il Novecento attraverso gli slogan scrivendo Monsignora guardi ben che sia fatto di Moplen insieme a Olivia Buttafarro, Marco Amato e Carlo Pestelli, oltre a due membri degli Ossi Duri.

Insieme a Marco Castoldi, meglio conosciuto come Morgan , scrivono Non avrai altri jeans all’infuori di mesempre inserito nella rassegna del Piccolo Regio.

Fa un viaggio a New York per apprendere meglio la sostanza della Stand Up Comedy, ancora poco conosciuta in Italia. Lì, scrive e perfeziona lo spettacolo che, finora, ha avuto più successo, Piglia Un Uovo che Ti Sbatto, che, dopo quasi un centinaio di repliche in tutta Italia, grazie anche al progetto PigliaCi Sul Serio si è trasformato in libro edito da Edizioni Compagine.

Nel 2015, durante il Fringe Torino Festival, debutta Edoardo Mani di Forcipe, sempre scritto e interpretato dal nostro autore. Tutte le serate del Festival sono piene e ricche di entusiasmo per questa nuova produzione decisamente Rock.

Ha lavorato in una serie prodotta da Fargo e Mediaset dal titolo In My Slip come uno dei quattro protagonisti, chiamato Gina. Esattamente come state immaginando, interpretava una vagina. Ma fidatevi, era una sit com tenerissima; nel film Lazzaro Felice di Alice Roschwacher nel ruolo del bancario, un ruolo che calza a pennello visti i suoi enormi introiti.

A maggio 2018 debutta lo spettacolo Walking Dad-Nato Sotto il Segno dei Gamberi, un testo sulla paternità, e il 28 marzo 2019 viene pubblicato il romanzo omonimo dalla casa editrice BookaBook.

Come puoi notare il libro è nato in un secondo momento, probabilmente con l’intento di “aiutare” tanti uomini come lui, visto che è riuscito a svelare le vie più profonde che portano alla comprensione di una situazione precisa, come quella della paternità, con le peculiarità, le trappole, le emozioni, i momenti comici.

Il racconto di Benedetto attraversa correnti poetiche, divertenti, ironiche portandoti alla risata, ma anche alla riflessione, ti sospinge nei meandri inaspettati dell’essere padre, del rapporto con i figli, con la cucina, la musica e le scoperte epocali che si fanno quando si mettono al mondo dei pargoli. Insomma un testo peculiare, necessario, vero e potente, un viaggio profondo in un’esperienza umana travolgente.

Ho imparato ad andare in bicicletta a quarant’anni. È la pura verità. Non so come abbia fatto a ridurmi così…

inizia con queste parole che mettono a nudo un’anima, la sua, senza vergogna. Sentirsi inadeguato, ma trovare finalmente il coraggio di voler imparare ad andare in bicicletta, a quarant’anni!

Metafora della sua vita, visto che anche come genitore è diventato padre a quarant’anni. E il primo approccio lo fa attraverso alcune  lettere che ha scritto per i suoi figli, tenere ed avvolgenti, in cui si nota la lunga evoluzione che è passata attraverso mani incerte che abbracciano il primo figlio alla sicurezza di stringere il manubrio di una bici. La costruzione del rapporto padre figlio che cresce man mano che pedali lungo la strada della vita affrontando le salite, perchè sai che dopo la discesa sarà più spedita.

Non si è mai mostrato come un supereroe, ma è diventato un Walking Dad, un padre che ha cercato di evolversi per essere al passo con i figli e per i figli, vivendo quotidianamente dal primo giorno della scoperta che la vita a due sarebbe cambiata fino a tempo indeterminato.

Mentre ti addentrerai nelle pagine del libro scoprirai scene di quotidianità vissute tra tenerezza, risate, commozione, idee, spunti educativi, condivisibili o meno, esperienze e storie personali; quello che ti può succedere o che è già successo.

Insomma è un libro che ti consiglio vivamente di leggere, proprio come scrive anche lui, Dario: 

Diciamolo, la lettura di un libro è l’incontro tra due persone, tra te e la voce completamente nuda dell’autore.

A presto

5 2 voti
Voto iCrewers
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
SI hai ragione non è un libro recente ma spero ti aiuti a capire che nella tua situazione siete in tanti, non sei solo. Che ne pensi?
Sottoscrivi
Notificami
guest
5 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti
Gabriella
Gabriella
2 mesi fa
Voto iCrewers :
     

Bell’articolo!

Ornella
Ornella
Reply to  Gabriella
2 mesi fa

Grazie. Cosa ti è piaciuto di più? Pensi possa essere di aiuto a tanti papà ?

Dario Benedetto
Dario Benedetto
2 mesi fa
Voto iCrewers :
     

Grazie per la bella recensione.
Sono l’autore e dopo più di un anno ricevo ancora commenti, sono lieto.
A molti padri è servito, ma è un libro per tutta la famiglia.
A presto.

Ornella
Ornella
Reply to  Dario Benedetto
2 mesi fa

Sono felice che le sia piaciuta, soprattutto perchè e’ un complimento proveniente dal diretto interessato. Non è facile diventare genitori, a qualsiasi età, ma affrontarlo come ha fatto lei diventa una sfida divertente. Se dovesse interessarle un’intervista ci scriva a [email protected].
Buona giornata.

Dario Benedetto
Dario Benedetto
Reply to  Ornella
1 mese fa

Molto volentieri

5
0
In iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x