Danza o muori
Libro ebook
Ahmad Joudeh
non fiction
DeA Planeta libri
6 novembre 2018
Cartaceo/Ebook
320

Ahamad il ballerino siriano che ha rischiato tutto per mantenere vivo il suo sogno

Il personaggio di cui ti voglio parlare questa settimana, mi ha colpita, cosi come mi colpiscono tutte quelle storie che parlano di verità, sacrifici, sogni, per i quali si farebbe qualsiasi cosa. Nell’immaginario collettivo, la danza classica è, in qualche modo, legata all’immagine femminile e di esempi,  soprattutto, in Italia ne abbiamo tanti,  non fa eccezione la componente maschile che, qià da qualche anno, ha assunto un importanza rilevante, basta pensare a Roberto Bolle e alla sua valenza interplanetaria che forse solo Nureyev ha eguagliato.

I molti la considerano un’arte, un concetto che condivido, se visto come l’espressione verbale del corpo, la capacità di comunicare attraverso sguardi e gesti, donando di se la parte migliore. Importante decantarla come tale, ma non è per tutti, sia chiaro. I sacrifici per “pensare”di poter raggiungere questo sogno sono innumerevoli, i criteri da seguire e le regole da rispettare sono severe, il talento è praticamente indispensabile e se poi hai anche una inesauribile voglia di andare avanti e di non mollare mai, allora la speranza di diventare qualcuno, non è poi cosi lontana. L importante è condividere il percorso con chi, in te ripone la sua fiducia.

E’un’altra storia se sogni di danzare ma cresci in un centro profughi in Siria, dove il sogno più grande è sopravvivere, ringraziando il tuo Dio per il dono di potersi svegliare la mattina del giorno dopo e nonostante tutto, sperare ogni giorno che quel giorno sia diverso e che il tuo sogno si avveri. La storia che ti racconto è quella di Ahmad Joudeh, un ragazzo nato nel ’90 a Palmira da padre palestinese e madre siriana e cresciuto nel campo profughi di Yarmouk a Damasco in Siria. Per il giovane siriano, danzare è sempre stata un esigenza, un amore a prima vista, di quelle sensazioni di cui non ti liberi facilmente. La sottile differenza è trovarsi in un Paese refrattario, per coerenza religiosa e mentalità, nel concedere agli uomini di danzare, aspetto invece concesso alle donne con molti limiti.

Per Ahmad ballare è una sfida; si fa tatuare la scritta” Danza o muori” sul collo, nello stesso punto in cui l’ISIS usa decapitare le sue vittime, continua a danzare di nascosto, un gesto che, scoperto, paga con dolorose bastonate sulle gambe da parte del padre, ben lontano dalla mentalità occidentale e democratica in cui il libero arbitrio è una realtà quotidiana, un atteggiamento non condiviso dalla moglie che in seguito lo lascerà per aiutare il figlio a inseguire il suo destino. In Siria, tuttavia, di radicato, oltre alle indiscutibili regole legate al Corano, esiste la guerra, quella che ti lacera dentro, che distrugge, che ti costringe a guardarla ogni giorno, ogni volta che una casa esplode, o qualcuno rimane ucciso sotto le sue macerie, ma il giovane ballerino, si impegna per aiutare i bambini a dimenticare la guerra, insegnando loro a ballare.

Quando Palmira viene bombardata dagli  Jahdisti, il giovane continua ad allenarsi sui tetti della sua casa, usando i muri come sbarra, l’unica possibilità per esprimere il dolore per la perdita dei suoi cari, per la distruzione della sua casa, per gli amici decapitati sotto i suoi occhi. La sua è una danza di libertà, di riscatto, la via per dimenticare le esperienze e le atrocità vissute. Nel 2014 partecipa alla versione araba di So You Think You Can Dance, arrivando in semifinale senza però avere la possibilità di vincere in assenza di identità nazionale. Tra il pubblico il giornalista regista olandese Roozbeh Kaboly, che, attratto dalla sua storia, ne ha fatto un documentario distribuito in Olanda.

La danza è la mia vita, non ha confini, non ha bisogno di passaporti, non conosce nazionalità: la danza è umanità”ci dice Ahamad

Ahamad ora vive ad Amsterdam, continua a ballare, ha conosciuto e duettato con Roberto Bolle a danza con me, sulle musiche di Sting,  ha ricevuto in regalo una donazione per iscriversi all’Accademia di danza e aiuta i bambini a ballare. Di questa sua esperienza tragica e meravigliosa ha scritto un libro che merita essere letto, come esempio per tutti coloro che, con coraggio, vogliono raggiungere ed esaudire i loro sogni.

“Ognuno di noi esiste perché ha uno scopo nella vita e deve viverlo appieno. Se non riesci a viverlo, allora lotta per poter diventare chi sei veramente. Il tatuaggio dimostra questo: sono pronto a dare la mia vita pur di diventare quello che voglio essere”.

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami