Restless Book Cover Restless
Smartness
Emma Altieri
Romanzo rosa
Self publishing
marzo 2018
Ebook
318

Dove eravamo rimasti? Jamie sta per prendere la decisione più difficile della sua vita mentre Ryan è ignaro di tutto, soprattutto del fatto che lei sia incinta. Una lontananza forzata metterà a dura prova il loro amore. Sorgeranno nuovi ostacoli e nuove incomprensioni e un incontro/scontro, del tutto inatteso, segnerà il loro futuro. Riusciranno, nonostante tutto, a far sopravvivere il loro amore?

Caro iCrewer come promesso ho subito letto il secondo capitolo della serie di Emma Altieri: “Restless”.

Ti dico già che Restless mi è piaciuto molto. Ci sono dei colpi di scena e delle new entry rispetto da Adrenalin che hanno movimentato ancora di più la storia, se ce ne fosse stato bisogno.

Questa volta l’ambientazione cambia e il mondo delle moto e in particolare Bologna cede il posto a Barcellona dove Jamie decide di rifugiarsi, insieme a Paige, per proteggere il bambino che ha in grembo da George, il padre di Rayan. Anche se quest’ultimo è all’oscuro di tutto e subisce, con fiducia e amore sconfinato, le decisioni delle sua amata.

I personaggi che Emma Altieri fa emergere più degli altri sono Ian, George e Lucinda. Ian è il gemello di Rayan mai nominato dai fratelli Crow fino ad ora perché ritenuto il “cocco” di papà, il figlio perfetto per lui. Rayan e Jason hanno fatto le loro scelte mentre lui ha sempre fatto ciò che il padre riteneva giusto. A volte però si giudica senza pensare alle motivazioni che stanno dietro ad alcune scelte, e chissà magari Rayan e Jason si sono sbagliati su Ian.

George dopo aver raggiunto il successo è stato sempre un padre e un marito assente, ma non si è mai posto il problema, per lui “il fine giustifica i mezzi” e non esita ad utilizzarne anche di meschini per riportare suo figlio Rayan nella sua azienda. Ma c’è chi non la pensa come lui, e per fortuna che è così: Lucinda donna intelligente e mamma dolce e attenta saprà trovare la soluzione migliore per la sua vita e quella dei suoi figli.

“…Il fine giustifica i mezzi, non credi? La leggerezza con cui parlò mi fece vergognare di averlo sposato e giustificato così spesso. In quel momento aveva oltrepassato il limite.”

I personaggi di Jamie e Lucinda in particolare mostrano quanta determinazione e quanta forza possa avere una donna soprattutto quando deve proteggere i suoi figli. La frase “il fine giustifica i mezzi” usata da George per portare avanti il suo piano e riprendersi suo figlio Rayan, senza assolutamente pensare al bene di quest’ultimo, è ciò che serve a Lucinda per capire che suo marito non merita la sua dedizione e il suo amore e per riprendere la sua vita in mano senza guardarsi indietro.

La storia d’amore di Jamie e Rayan in questo secondo capitolo passa leggermente in secondo piano, ma non mancano i momenti emozionanti anzi forse sono anche di più che nel primo libro.

Il modo di scrivere dell’autrice è sempre molto leggero e scorrevole. La lettura di Restless è piacevole, rispetto al primo libro mi è sembrato di poter sentire ancora di più le emozioni dei personaggi, con dialoghi molto più pacati e profondi rispetto al primo denotando un percorso di crescita degli stessi.

A questo punto sono molto curiosa di conoscere il finale. Tornerò prestissimo con l’ultima recensione della serie: “Mistake”.

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami