Dita come farfalle Book Cover Dita come farfalle
Rebecca Quasi
Historical Romance
DRI editore
19/11/2018
Ebook
212

“1818-1819.
Per Lady Caroline Webster, figlia del duca di Clarendon, è naturale sposare per convenienza James Cavendish, duca di Rothsay. E non trova nulla di anormale nemmeno nell’essere del tutto ignorata da lui dopo le nozze. Del resto, unico scopo della loro unione è il mantenimento del casato e il concepimento di un erede, obiettivo che richiede sporadica e taciturna applicazione.
Il tranquillo menage precipita quando, in seguito a un aborto spontaneo, Caroline scopre che suo marito non è l’uomo freddo e posato che si è sforzato di apparire.”

Con questo libro ci “trasferiamo” in Inghilterra, nel 1818, e subito ci troviamo nel salotto dove lady Caroline Webster, figlia del duca di Clarendon, ha appena concordato il suo fidanzamento con il Duca di Rothsay.

La storia si svolge tra Londra e la contea di Devon. Ciò che viene messo subito in evidenza è il tipo di educazione impartito alle giovani donne del periodo in cui aspiravano a sposare un duca. Si trattava di un’educazione molto rigida, tramandata di generazione in generazione, basata su rapporti superficiali e principalmente volta a renderle immuni ad ogni emozione, dedite al futuro marito e al suo compiacimento e con il solo compito di dargli un erede.

Lady Caroline è la protagonista assoluta di questo romance: nonostante la rigida educazione impartitale dalla madre, che le rimane attaccata addosso come un vestito stretto, si ribella con tutte le sue forze alla stupidità di alcune regole che supererà dimostrando grande coraggio e intelligenza.

Queste sue numerose qualità erano abiti che aveva indossato uno sull’altro, anno dopo anno, insegnamento dopo insegnamento, tanto che ora, a ventun anni, quegli strati sovrapposti celavano alla perfezione la sua natura.”

Le sue mani con le dita lunghe e leggiadre come ali di farfalla ammaliano il Duca e sono “ali” quelle che tiene legate dentro, a causa della rigida educazione ricevuta, fino a quando non decide di affrontare il vuoto che ha nel cuore imparando a conoscersi e ad aprirsi alle emozioni, quelle vere quelle che fanno volare.

Il personaggio del Duca di Rothsay, inizialmente poco coinvolgente e quasi irritante, verso la metà della storia si apre lasciando scorrere le emozioni che lo pervadono, conquistando con il suo sorriso, la sua gelosia e la sua ironia mista a dolcezza.

Gli altri personaggi, compresa Emma, la figlia illegittima di Rothsay, non vengono descritti con la stessa dovizia di particolari e compaiono nella trama richiamati dagli eventi o dagli stessi personaggi principali.

E’ una storia dal grande potenziale, ma che in alcuni punti è mancata di approfondimento, ad esempio c’e uno stacco troppo evidente dopo la morte di Lauren, la donna di cui il Duca era innamorato, dove il dolore per questa morte sembra essere durato molto poco e dove anche la bambina sembra non essere per niente colpita da questo evento.

Inoltre alcuni personaggi come il Duca di Clarendon padre della duchessa o il fratello, che solo negli ultimi passaggi sembra prendere spessore, potevano avere un ruolo più importante nella storia e renderla più densa.

La scrittura mi è sembrata in alcuni punti ripetitiva, soprattutto nel finale che mi è parso riduttivo e troppo concentrato.

Mi è piaciuta molto lady Caroline, una donna molto “moderna” per l’epoca, che riesce, per una nobile causa, a superare con grande intelligenza e forza i canoni femminili del tempo, dimostrando l’inutilità di alcune regole utili solo a salvare le insulse apparenze.

Ho apprezzato anche il percorso di crescita dei personaggi che li ha portati a superare gli ostacoli e le difficoltà che, rimanendo immobili nella loro educazione, non avrebbero mai potuto affrontare.

Consiglio comunque questa lettura nel complesso piacevole e veloce.

2
Lascia un commento!

avatar
1 Comment threads
1 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
2 Comment authors
Anna Francesca PerroneAlba Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Alba
Ospite
Alba

E’ il primo libro di Rebecca Quasi che leggo, mi piace scoprire nuove scrittrici e questo lo faccio sempre con voi, in questo caso mi sembra di poter dire di aver scoperto una gran brava scrittrice, la sua prosa è elegante e mai scontata e la storia che racconta è diversa dalle solite che si trovano in circolazione. Il romanzo ambientato in Inghilterra nel periodo Regency, parte con un tono un pò malinconico ma per fortuna migliora da metà libro (forse anche più di metà…) alleggerendosi e regalandoci dialoghi fra Caroline e il Duca decisamente più ironici, certo è un’ironia… Leggi il resto »