Come spiriti adolescenti Book Cover Come spiriti adolescenti
Autori Vari a cura di Pietro Ferrante
Antologia di racconti
Radici Future
Aprile 2019
Ebook/cartaceo
2238

Abbiamo messo insieme 25 tra scrittrici e scrittori (chi per davvero e chi no, chi di teatro e chi giornalista), obbligandoli ad andare a ripescare dallo scaffale in alto di chissà quale mobile, dalla mensola in fondo della memoria che si usura, un cd, un vinile, un ricordo, una cassetta. Quello che è venuto fuori, spontaneo e senza regole, è un gigantesco album che se lo ascolti prima e poi lo leggi in fila ci stanno dentro distorsioni di chitarra e di cuore, parole tanto grandi che, aperte come sono, rivelano anime. I Nirvana hanno sempre rifiutato fascismi e violenze in generale. Gli incassi di più d'un concerto sono andati a favore di cause civili, specie ad associazioni contro la violenza sulle donne. Per lo stesso motivo, tutti gli autori e me come curatore, abbiamo deciso di rinunciare a ogni compenso o diritto e di devolvere per intero quel poco che ci sarebbe spettato a un progetto che, a Torino, opera in bassa soglia per accogliere donne in condizioni di vulnerabilità (economica, familiare, sociale, abitativa...). Il progetto si chiama Drop House ed è del Gruppo Abele, onlus fondata 53 anni fa da Luigi Ciotti.

“Come Spiriti Adolescenti” a cura di Pietro Ferrante

Caro iCrewer abbiamo letto i venticinque racconti che compongono l’antologia “Come Spiriti Adolescenti” curata da Pietro Ferrante e questa è la nostra recensione.

Vorrei iniziare con l’elemento di questa raccolta che mi ha condotta a dare cinque stelline; devi infatti sapere, caro iCrewer, che i proventi dell’opera andranno al finanziamento del progetto Drop House, la casa-ponte gestita dal Gruppo Abele per offrire sostegno alle donne in condizione di vulnerabilità. Un’azione a mio parere molto lodevole.

A seguire ecco le mie sensazioni, i vari racconti sono estremamente curati, non presentano errori di ortografia e si leggono con rapidità tutti sono accumulati dall’unico filo logico: “Cosa facevo io mentre il giovane cantante moriva il 5 aprile 1994?“, inoltre tutti i racconti sono ispirati da una canzone del celebre cantante dei Nirvana.

I tre che più mi sono piaciuti sono il primo “All in all is all we are” di Daniele Aristarco, ispirato da “Drain you”,  che racconta di un bambino un po’ ribelle e a cui si incastra la testa tra delle grate di legno; “Atto unico per bambina e pappagallo” di Simona Baldelli, ispirato da “Polly” scritto come se fosse lo spartito di un’opera teatrale racconta di una bambina e di pappagallo e della loro voglia e paura della libertà  e “About a girl” di Barbara Baraldi, ispirato da “About a girl”, un racconto noir ambientato in Emilia e scritto in un modo veramente esemplare.

Ma devo sottolineare che la mia scelta è stata molto difficile e sofferta considerata la natura sconvolgente di questi scritti, come ad esempio non posso non citare “La scatola a forma di cuore” di Piergiorgio Pulixi, ispirato da “Heart shaped box” in cui si mette in guardia le madri dal male che possono fare certe app virtuali, ma anche “Sapore di ciliegie” di Francesca Bertuzzi, ispirata da “In Bloom”, che descrive con un’eleganza senza pari una vicenda di cui non ti svelerò nulla o il racconto di Pietro FerranteLe Gabbie in cielo“, ispirato da “Dumb” in cui degli uomini sono chiusi in gabbie in cui non posso muoversi, parlare e nemmeno respirare più di quanto richiesto alla sopravvivenza.

Simpatico e in linea con “Scommessa a Memphis” è il racconto di Mirko Giacchetti,Pollo Fritto” ispirato a “The man who sold the world”, in cui il lettore può vivere nuovamente le visioni di Kurt e sentire i suoi celebri discorsi con David Bowie.

Il mio invito è di leggere questi racconti senza pregiudizi, di lasciarsi trascinare dal loro carattere trasgressivo e a volte spiazzante, perché terminata la loro lettura lasciano quella piacevole sensazione di riflessione ed è come se qualcosa di ciò che si è appena letto avesse lasciato una traccia.

Pietro Ferrante

Cronista di Narcomafie e attivista del gruppo Abele, ONLUS fondata dal don Luigi Ciotti.

Pietro ferrante

Gli altri autori che hanno scritto il loro racconto in questa antologia sono:

Daniele Aristarco, Simona Baldelli, Barbara Baraldi, Paolo Battaglino, Alessandro Berselli, Francesca Bertuzzi, Fabio Chiesa, Christian Di Furia, Emanuele Di Giacomo, Elisa Eliselle Guidelli, Antonio Lorenzo Falbo, Mirko Giacchetti, Fabio Greco, Giorgia Lepore, Gianluca Morozzi, Helen Esther Nevola, Daryoush Francesco Nikzad, Carmen Pellegrino, Piergiorgio Pulixi, Tersite Rossi, Carlos Solito, Elettra Stamboulis, Sergio Maria Teutonico.

VOTO FINALE
Come spiriti adolescenti
Articolo precedenteLeggilo anche tu: A proposito della tua bocca, Jaime Lorente
Articolo successivoLeggilo anche tu: Vita segreta di noi stesse di Wednesday Martin – DeA
Cristiana Meneghin
Cristiana Meneghin ha esordito nel mondo editoriale nel 2016 ha passato tutta la sua vita con la testa tra le nuvole per i sogni molto ambiziosi che da sempre custodiva celati nel suo cuore, poi d'un tratto ha realizzato che finalmente aveva ottenuto ciò che realmente voleva: una bella famiglia, dei libri da scrivere e dei giovani ragazzi a cui insegnare e ora è semplicemente felice.

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami