Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Push. Un’esperienza oltre ogni limite di Tommy Caldwell

Tommy Caldwell, lo straordinario climber e la sua incredibile ossessione.

Oggi ti voglio parlare del climber Tommy Caldwell e delle sue incredibili imprese. Credo che incredibile sia la parola giusta per quest’uomo, apparentemente gracile, biondo, piccolo, dalla faccia simpatica ma dal carattere estremamente riservato, almeno così si definisce nelle prime righe del libro che ha scritto e che vedi nell’immagine con il suo compagno di cordata Kevin Jorgeson.

Intanto  spiego cosa è il climber almeno per te e per coloro che la montagna la vivono solo per sciare o vedere i tramonti. A livello sportivo viene definita arrampicata che si effettua su una parete rocciosa e si esegue solo con l’uso delle mani e dei piedi senza l’ausilio di altre attrezzature. Io già al pensiero, mi sento mancare. In questo caso, posso solo immaginare quanta forza interiore e fisica ci vogliono per pensare di poter affrontare imprese del genere e Tommy Caldwell è tra questi.

Non solo, non contento, ha deciso di scrivere in un libro sulla sua fatica più grande che è proprio quella di aver scalato la via più difficile della Dawn Wall una delle pareti in verticale della Big Wall, in 19 giorni e per 1000 m con solo l’aiuto dei piedi e delle nove dita, dopo aver perso l’indice della mano destra in un incidente. La storia di Tommy è una storia di un ragazzo cresciuto all’ombra di un padre che amava le montagne, un’ossessione che ben presto anche il giovane erediterà tanto da sacrificare tutto e tutti pur di raggiungere il suo sogno. Un grande sogno, quello di trovarsi tre metri sotto il cielo. Godetevi queste immagini, parlano più di mille racconti e mi raccomando, se siete appassionati di climber, il libro di Tommy Caldwell è quello giusto per voi.

Tommy Caldwell (Estes Park, 11 agosto 1978) è un alpinista e arrampicatore statunitense. Nel febbraio 2014 ha effettuato assieme ad Alex Honnold la prima traversata integrale del Fitz Roy, salita per la quale ha ricevuto il Piolet d’Or, mentre nel gennaio 2015 ha salito per primo in arrampicata libera, assieme a Kevin Jorgeson, la via Dawn Wall su El Capitan (gradata 5.14d/9a), realizzando quella che è ritenuta la salita in libera su big wall più difficile al mondo.

Buona lettura, buona visione e a martedì prossimo!

 

0 0 voto
Voto iCrewers

Potrebbe interessarti...

Alice nel paese delle meraviglie

Alice nel paese delle meraviglie, perché in fondo siamo tutti un po’ come Alice

Border love

Novità in libreria: Border love di Martina Salvatori

Speciale

Addio allo scrittore operaio: Antonio Pennacchi

Speciale

Libri dalla Storia: almanacchi, tra i primi mezzi di diffusione della cultura

Più nero della notte

Novità in libreria: Più nero della notte, Alberto Minnella

Speciale

Sport in book: Tokyo 2020, Two is better than one

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0