Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
L'ultimo segreto di Paganini, Davide Lazzeri

Novità in libreria: L’ultimo segreto di Paganini, di Davide Lazzeri

Davide Lazzeri torna in libreria con un emozionante thriller: L'ultimo segreto di Paganini!

Ciao iCrewer! Ti piacciono i thriller? E la musica? Se anche solo uno di questi due elementi è presente nell’equazione dei tuoi hobby, allora perchè non provare a leggere L’ultimo segreto di Paganini, di Davide Lazzeri?

Questo romanzo, pubblicato in occasione dei 180 dalla scomparsa del celebre violinista, è disponibile negli stores sotto il marchio Aliberti, mentre in versione cartacea si può trovare a nome E-Stories.

La trama

Scopriamo insieme la trama di questo thriller di Davide Lazzeri, ti va?

“1840. Muore Niccolò Paganini, il più grande e virtuoso violinista della storia, lasciando un segreto pericoloso per l’umanità. Rimarrà celato per più di un secolo e mezzo.

2012. Mentre a Genova vengono barbaramente massacrati due studiosi di musica artefici di una scoperta sensazionale, a Shanghai un luminare della chirurgia ricostruttiva viene ricattato e costretto ad eseguire interventi pericolosamente innovativi.

2013. Un famoso scienziato newyorkese dal passato torbido scompare nel nulla e contemporaneamente a Parigi ricompaiono i cadaveri mutilati di un gruppo di giovani violinisti russi rapiti l’anno prima. Quali connessioni ci sono tra tutti questi eventi?

Claire Coriner – scienziata statunitense di neuropsicobiologa – comincia ad indagare cogliendo indizi che la portano in Europa. Seguendo un unico filo di sangue, potere e follia che lega gli eventi tra Italia, Francia, Germania e Spagna, farà luce su una catena di crimini, abili depistaggi ed eventi poco chiari che affondano le proprie radici nell’era nazista e negli sviluppi della musicoterapia come strumento terapeutico per il corpo e la mente. Scoprirà che le ragioni di questa cospirazione globale risalgono all’ultimo giorno di vita di Niccolò Paganini e nelle peculiarità delle composizioni musicali eseguite con il suo violino. Riuscirà Claire a scongiurare la minaccia che incombe?

Con pagine intrise di scienza e di storia, questo romanzo accompagna il lettore attraverso scoperte mediche, rivelazioni storiche e teorie sul potere della musica nel controllo di massa e disvela elegantemente il male che si annida nel cuore dell’uomo. Ripercorrendo la vita del violinista più abile, controverso e chiacchierato della storia, L’ultimo segreto di Paganini indaga nel lato oscuro e demoniaco tanto celebre dell’artista che ha incantato per mezzo secolo il pubblico di tutta Europa.

Guidati dal fantasma di Paganini, Claire ed i suoi compagni mettono in risalto i legami più oscuri ed arcani tra musica, medicina, fisica quantistica e controllo della mente, affrontando un viaggio che mescola abilmente fiction e realtà in un thriller mozzafiato che condurrà ad una verità inaspettata e crudele. Cosa sta rischiando davvero il mondo?

Chi era Niccolò Paganini?

L'ultimo segreto di Paganini, Davide Lazzeri
Niccolò Paganini

Nato nel 1782 a Genova e morto a Nizza nel 1840, Niccolò Paganini fu un celeberrimo violinista, compositore e chitarrista.

A farlo avvicinare alla musica fu prima di tutto la passione di suo padre, lavoratore al porto, che già in tenera età gli insegnò a suonare il mandolino. Da quel momento in poi la passione di Paganini per la musica crebbe a dismisura, tanto da portarlo a sviluppare, da autodidatta, incredibili abilità sia nel suonare il violino che la chitarra a sei corde.

Percorse l’Italia in lungo e in largo, facendo conoscere prima la musica di altri, poi la sua, quando iniziò a comporre. Anche a Vienna tutti furono d’accordo sulla sue incredibile bravura. A Praga i pareri furono un po’ più discordi, ma, si sa, on si può piacere sempre a tutti.

Ti sei mai chiesto da dove derivi il modo di dire “Paganini non ripete“? Si dice che il musicista la pronunciò a Torino quando. nel 1818, rifiutò la richiesta di Carlo Felice di ripetere un brano. Paganini, infatti, amava improvvisare e a volte, durante i concerti si lesionava i polpastrelli. In ogni caso, questa sua risposta gli costò la possibilità di eseguire il terzo concerto in programma in città.

Chissà in che modo Davide Lazzeri avrà inglobato questa grande personalità nel suo thriller!

Davide Lazzeri

Davide Lazzeri è specialista in Chirurgia Plastica ed Estetica, nonché docente nell’omologa facoltà delle università di Firenze e di Ancona. Già avvezzo al mondo della stampa, ha pubblicato svariati lavori monografici in riviste di settori, oltre a numerosissimi articoli.

È appassionato non solo del suo lavoro, ma anche del mondo dell’arte. Per questo, ha deciso di combinare i suoi interessi, raggiungendo traguardi notevoli: ha guidato l’equipe che ha scoperto la malattia degenerativa delle mani di cui soffriva Michelangelo Buonarroti e la paralisi della mano destra che afflisse Leonardo Da Vinci a fine carriera. Ha, inoltre, svelato alcuni segreti anatomici presenti nelle opere maggiori di Sandro Botticelli e Agnolo Bronzino.

Oltre a L’ultimo segreto di Paganini, Davide Lazzeri ha pubblicato il manuale Chirurgia e Medicina Estetica dalla A alla Z. La Scienza al servizio della Bellezza.

5 1 voto
Voto iCrewers

Potrebbe interessarti...

Mu

Nunzio Di Sarno: Mu, una sillaba per una raccolta di poesie

La mia vita dorata da re

La mia vita dorata da re, di Jenny Jägerfeld

Libro dei morti egiziano. Libro per uscire nel giorno

Creepy Books: Il libro dei morti nelle civiltà antiche

Di mondi diversi e anime affini

Novità in libreria: Di mondi diversi e anime affini per DeAgostini

La mia storia suona il rock. Da Elvis ai Dj set: suoni, musiche e canzoni tra mode e movimenti

Novità in libreria: La mia storia suona il rock di Luca Pollini

Odissea

Mediterraneo e le sue isole, tra letteratura e architettura

Hai già letto questo libro di Davide Lazzeri? Cosa ne pensi?
Sottoscrivi
Notificami
guest
2 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti
Giacomo
Giacomo
10 mesi fa
Voto iCrewers :
     

Ho letto il romanzo di Lazzeri in pochissimo tempo. La scrittura è fluida, efficace, ricca di dettagli. Attraverso le storie parallele conduce ad un epilogo dove tutto si chiude in un finale a sorpresa. Anzi. Doppia sorpresa. Veramente un bel libro dal quale si può senza fatica trarre una sceneggiatura di un film. Chissà che non ci tocchi andare al cinema tra poco per vederlo. Davvero bravo!

Scelti dalla redazione

3 ore fa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0