0

0

Novità in libreria: le novità firmate Mondadori

Scopriamo le novità in uscita il 6 Ottobre firmate Mondadori

novità in libreria uscite mondadori
0

0

iCrewPlay consiglia

A breve in pubblicazione

  • Sogni di carta: intervistiamo Matteo Caldarelli autore di Lawmar & Emme sarà pubblicato alle 12:00 del 26.10
  • Libri Novità Mondadori ottobre 2020 sarà pubblicato alle 14:00 del 26.10

Ciao mio caro iCrewer sono di nuovo qui per tenerti aggiornato sulle nuove uscite firmate Mondadori 

Leggimi nel pensiero di Maura Manca edito Mondadori

Leggimi nel pensiero è un libro di grande importanza scritto da Maura Manca, psicoterapeuta e formatrice, e tratta di tutti i pericoli e le problematiche legate all’età adolescenziali.

Leggimi nel pensiero tratta di argomenti molto delicati come il bullismo e le sue conseguenze, violenze, autolesionismo e tutto ciò che spaventa non solo i ragazzi ma anche le famiglie e i loro insegnanti.

Leggimi nel pensiero…

Leggimi nel pensieroBullismo, depressione, autolesionismo, gelosia, adescamenti, violenza. Le derive e i pericoli dell’adolescenza sono molteplici e complessi, tanto da spaventare non solo i ragazzi, ma anche insegnanti e genitori.

Quante volte ci siamo chiesti cosa ci sia nella mente di un giovane carnefice o di una giovane vittima? E quali pensieri, stati d’animo e ragionamenti si nascondano dietro ad azioni che spesso fatichiamo a comprendere?

Nasce così questa serie di racconti, narrati in prima persona, ispirati alle storie vere di giovani che l’autrice ha incontrato e supportato. Un’immersione totale, commovente e a tratti scioccante, che non lascia il lettore indifferente.

Perché dietro ai pugni di un bullo o di un fidanzato violento, dietro ai tagli di un autolesionista o al silenzio di una ragazza stuprata, c’è sempre un oceano di dolore e di rabbia in cui annega la razionalità, un’incapacità di comunicare che si accompagna al desiderio di ascolto e comprensione e alla voglia di riscatto.

Ci vuole fegato di Antonio Moschetta edito Mondadori

Ci vuole fegato di Antonio Moschetta è un libro che tratta di benessere fisico e serve a tutti noi per imparare a rispettare e curare il nostro corpo.

Ci vuole fegato

ci vuole fegatoFin dall’antichità il fegato è considerato un organo di grande rilevanza. Sede di sentimenti e passioni per i Greci, secondo Etruschi e Romani il fegato di animali era la chiave per interpretare il volere degli dei riguardo al futuro.

La scienza, in seguito, ha confermato il suo ruolo strategico: il fegato è il più importante «laboratorio» del nostro organismo, perché porta in sé le tracce delle nostre abitudini e può preannunciare la vulnerabilità del nostro corpo rispetto a patologie future. Organo tra i più complessi, il fegato non finisce mai di sorprenderci: continuiamo infatti ad apprendere nuovi dettagli sul suo funzionamento.

Grazie allo studio della bile, ad esempio, abbiamo oggi una nuova visione dell’apparato gastroenterico, animato da un fitto scambio di segnali che ci consente di valutare fegato e intestino non più come entità a sé stanti, ma come un unico organo.

Inoltre sappiamo che il fegato svolge un ruolo centrale nel metabolismo, è un «altruista» che sintetizza molecole utili per tutti gli organi, neutralizza sostanze tossiche, contribuisce a salvaguardare il benessere fisiologico e a mantenere in equilibrio il nostro corpo.

Tra i suoi compiti principali vi è quello di somatizzare le disfunzioni e i danni causati da infezioni, abuso di alcol, fumo, farmaci e grassi nell’alimentazione. Perciò, se intossicato, anche il fegato rivela sintomi di sofferenza: calcoli biliari, ipercolesterolemia e cirrosi sono solo alcune delle possibili manifestazioni del suo malessere, che possono contribuire all’insorgenza di malattie quali epatiti, «fegato grasso», NASH e cancro.

Oggi, per fortuna, grazie al progresso tecnologico, abbiamo a disposizione strumenti che ci offrono la speranza di sconfiggere tali patologie con prevenzione, procedure all’avanguardia e personalizzazione delle cure. Eppure, non dobbiamo dimenticare che basta modificare il nostro stile di vita spesso errato, prediligere una sana alimentazione e praticare attività fisica per permettere al nostro fegato di svolgere la sua funzione primaria: prendersi cura di noi.

Il sultano Saladino di Jonathan Phillips edito Mondadori

Il sultano Saladino Tra vita e leggenda di Jonathan Phillips è un romanzo storico nato dalla penna di uno dei maggiori esperti di storia delle crociate ed è già autore di numerosi libri sul tema. Collabora con BBC History e History Today ed è co-curatore della rivista accademica Crusades.

Il sultano Saladino è ambientato nel lontano 1187 al tempo della riconquista di Gerusalemme da parte del re vincitore Saladino pubblicato dalla nota casa editrice Mondadori.

Il sultano Saladino…

Il sultano saladinoLa fama di Saladino in Occidente affonda le sue radici nel 1187, quando «il re vincitore» riconquistò Gerusalemme sconfiggendo i cristiani, che la detenevano da quasi novant’anni. Nonostante li avesse sconfitti, il sultano si guadagnò il rispetto e l’ammirazione dei «franchi» perché non si era lasciato andare al massacro efferato dei nemici, in stridente contrasto con le violenze brutali e ingiustificate perpetrate dagli eserciti della Prima crociata.

Jonathan Phillips, uno dei maggiori esperti di storia delle crociate, parte da qui per riscoprire le origini lontane dell’eccezionale popolarità di cui godette Saladino, indagando una vasta quantità di fonti arabe ed europee.

In due decenni, il fondatore della dinastia degli Ayyubidi unificò Egitto e Siria, dando vita a un impero compatto e leale che abbracciava tutto il Vicino Oriente. Affrontò la rabbia prorompente dei soldati della Terza crociata, tra le cui file spiccava Riccardo Cuor di Leone, e fu ricordato, nelle cronache coeve e nei resoconti successivi, come un uomo generoso, onesto, devoto e colto. Il suo animo quasi cavalleresco lo rese un condottiero stimato al punto da meritarsi un posto tra gli spiriti di grande valore della Divina Commedia , impossibilitati a salvarsi soltanto perché non cristiani.

Tolleranza, sobrietà e generosità furono le virtù che rinvigorirono il suo prestigio nel XIX secolo, quando la fascinazione europea verso il Medioevo fu condivisa da storia, letteratura e teatro.

La sapienza militare e politica, che non risparmiò di contrastare gli eretici e gli infedeli con un obiettivo unificatore, fu invece alla base della celebrità del sultano, assurto a simbolo della resistenza e della vittoria sull’Occidente invasore, nella cultura di massa del mondo islamico.

Saladino ebbe un ascendente ancora maggiore quando il nazionalismo arabo cominciò la sua ascesa e Nasser, Saddam Hussein, bin Laden cercarono di sfruttarne l’eredità richiamandosi a lui nei modi più disparati.

A seconda dei casi, dunque, Saladino fu ricordato come un sovrano mite ed erudito, oppure spregiudicato e senza scrupoli. Il sultano Saladino ci consegna un resoconto prezioso, spogliato di qualsiasi pregiudizio, di un uomo che dopo otto secoli può ancora contare su un’eredità vibrante che mescola storia e leggenda, e ci aiuta a capire quanto possa essere ambiguo, nella contemporaneità, il travisamento della realtà storica. Jonathan Phillips è professore di Storia delle crociate al Royal Holloway dell’Università di Londra.

Queste le ultime novità firmate Mondadori, continua a seguirci per rimanere sempre aggiornato

Un abbraccio virtuale e buona letture mio caro iCrewer

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Conosci la casa editrice Mondadori? quali libri preferisci di quelli in uscita?
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti
0
In iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x