Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Jack e Rebecca – La recensione

Jack e Rebecca. Roma e New York. Amore passato, presente, futuro, prove da superare, colpo di fulmine.

Jack e Rebecca - la recensione
Jack e Rebecca - la recensione

164 pagine per descrivere le emozioni, le paure, le fobie, le ansie, descrivere un amore a prima a vista che è uno dei sentimenti di passione romantica che si sviluppa fra perfetti estranei al loro primo incontro e poi, scadere nel descrivere, con particolari degni di un film porno, alcuni momenti…

Nasce a Reggio Calabria,  girovaga in lungo e largo per l’Italia alla ricerca dell’arte, a 26 anni si sposa e ritorna definitivamente nella sua città d’origine, dedicandosi alla letteratura. Nel 2016 partecipa al quiz di Canale 5 Caduta Libera condotto da Gerry Scotti, dove si laurea campione, partecipando a oltre 10 puntate.

Ha tre figli: Thomas, Riccardo e Dorian.

Sono impazzita?

jack e rebecca la recensione

Ho voluto anticiparti un breve excursus sull’autore Demetrio Verbaro, altro non è dato sapere, in quanto le notizie in rete sono brevi e concise. Oggi ti parlo del suo ultimo libro

Jack e Rebecca

In 164 pagine ha condensato tutto ciò che può comportare una storia d’amore complicata: le ansie, le paure, gli attacchi di panico, la vita vissuta prima e dopo l’incontro che cambierà le loro vite, l’impossibilità di adattamento in un ambiente, la voglia di ricercare sempre nuove sfide e la paura di essere abbandonati; ma qualcosa cambierà?

Jack e Rebecca

Jack e Rebecca - la recensione

Sono i protagonisti, eppure in alcuni momenti sembrano lasciare il palcoscenico agli altri personaggi, perchè è grazie questi ultimi se diventa “fattibile” il loro incontro, in cui scocca la scintilla, l’amore a prima vista.

Una storia che evoca un senso di nostalgia, molto difficile da scrollarsi di dosso.

La suddivisione in capitoli ti aiuta a capire quanto il passato andrà a influire pesantemente sulla vita di entrambi, un passato difficile che segna e condiziona anche tutte le scelte che Jack e Rebecca sono costretti ad effettuare.

Ciò che non accetto, in un testo come questo, sono alcuni punti della storia in cui le descrizioni di sesso sono esplicite da far venire la nausea! Peccato! Si, lo ammetto, da questo punto di vista sono una donna all’antica, Erich Fromm scriveva “L’amore immaturo dice: – ti amo perchè ho bisogno di te. L’amore maturo dice: – ho bisogno di te perchè ti amo -“. 

Ok, ci sta pure che ogni esperienza sessuale è diversa e che dipende dalle persone e dai gusti che provano e dalle loro fantasie… Ecco, le fantasiein un libro dove si parla di amore a prima vista perchè rovinare un “incontro ravvicinato ed erotico” raccontandolo esplicitamente invece di lasciare al lettore il gusto di scegliere come può svolgersi. Una suspence, come nei migliori romanzi che si conviene, non avrebbe comunque guastato la trama, perchè il nostro autore ha trovato la chiave per avvincerti sin dall’inizio:

Rebecca non aveva mai assistito a un simile spettacolo in questo periodo dell’anno, il cielo le sembrò un quadro di Kandinsky. Lo interpretò come un segno negativo. Ebbe la tentazione di tornare indietro, le mani sul volante avevano appena iniziato a fare inversione, poi la ragazza si alzò la manica del maglioncino nero e guardò quello che si era scritta con una penna blu sull’avambraccio: “LIBERA DAL PASSATO

Jack e Rebecca

Un libro in linea con i tempi attuali, che segue i dettami di ciò che si cerca oggi, la difficoltà di accettare il cambiamento perchè questo potrebbe portare ancora più scossoni nella vita e invece, chissà, se non sarebbe meglio rimanere con una persona che non amiamo soltanto perchè quello che ci offre somiglia ad una vita tranquilla.

“Questo è un paradiso terrestre” dichiarò lei. Lui non risponde. Lo sguardo era basso, i movimenti stanchi, non voleva dirle che trovava tutti terribilmente noioso. Rebecca gli prese la mano e gli chiese preoccupata: “che succede? Cosa c’è che non va?”

Lui fece una recita mal riuscita e biascicò: “Stai scherzando! Va tutto ala grande, potrei abituarmi a fare questa vita”

….

…”Mi dispiace, ma come fa a bastarti tutto questo?” Indicò le persone sparse in quella radura che parlavano serenamente, mentre mangiavano e bevevano. “Dove sono le emozioni?, Sembra una lunga attesa della morte”.

Complessivamente un discreto libro, che ricalca una scrittura molto descrittivo, mai banale.

Buona lettura.

Bibliografia

Il carico della formica – 2013

L’attimo eterno – 2014

La farfalla con le ali di cristallo – 2015

Ora per sempre e oltre – 2016

Dorian e la leggenda di Atlantide – 2017

L’illusione della fenice – 2018

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0