Siamo arrivati all’ultima tappa del nostro viaggio tra i caffè letterari: il Carousel Bar di New Orleans!

Ciao iCrewer! E’ ormai da un pò che parliamo di caffè letterari, ma è giunta l’ora di concludere questo nostro percorso, in modo da poter iniziare con qualcosa di nuovo. Spero che questo viaggio ti sia piaciuto, che ti abbia fatto sognare e, almeno per un pò, sia stato un valido aiutante nella fuga dalla realtà quotidiana. Per me è stato così. Abbiamo esplorato insieme locali molto diversi tra loro, a volte tradizionali, altre volte variopinti e giovanili, ma tutti con quel fascino indiscutibile per me attribuito dalla cultura, dall’arte, dalla libertà d’espressione, in generale. Quindi, dopo essere stati a Parigi, San Francisco, Roma, Oxford e Oslo, è giunto il momento di mettere l’ultimo timbro sul nostro passaporto letterario, quello del Carousel Bar di New Orleans.

Risultati immagini per carousel bar new orleansSituato nel quartiere francese di New Orleans, più precisamente sulla Royal Street, l’Hotel Monteleone è un locale storico, un’icona di questa zona della città. Dal 1886, anno della sua costruzione, l’albergo vanta una lista di avventori niente male, costellata di artisti, musicisti, scrittori e autori. L’Hotel Monteleone stesso è stato, nel corso degli ultimi trentanni, ricercata location di film del grande e del piccolo schermo. Forse ti starai chiedendo come mai io ti stia parlando di un albergo, invece del locale che avevo preannunciato. Niente paura, infatti il Carousel Bar è situato all’interno dell’Hotel Monteleone, di cui era, quindi, in obbligo una presentazione. Inaugurato nel 1949, il Carousel Bar è l’unico bar girevole di New Orleans. Ogni quindici minuti gli avventori, seduti al bancone a gustare uno degli storici drink, avranno compiuto un intero giro intorno all’asse, fatto molto suggestivo, ma anche un pò disorientante, soprattutto dopo un paio di cocktail!

Risultati immagini per carousel bar new orleans logoNel corso degli anni il Carousel Bar è stato oggetto di ristrutturazioni e rinnovamenti, fino a indossare la sua veste attuale: un luogo in cui sognare, divertirsi e tornare, con classe, di nuovo bambini.

Sono molti gli artisti che si sono avvicendati tra questi sgabelli girevoli, nomi come Ernest Hemingway, William FaulknerTennessee WilliamsTruman Capote, Winston Groom e, più recentemente, Michael Jordan, Dennis QuaidGregg AllmanSally Struthers.

Tennessee Williams
Tennessee Williams

E’ proprio su Thomas Lanier Williams, alias Tennessee Williams, che ho deciso di dirti qualcosa in più. Nato le 1911 a Columbus, è stato poeta, scrittore, sceneggiatore e drammaturgo. Nel corso degli anni ’30 e ’40 viaggiò in lungo e in largo per gli Stati Uniti, pubblicando le sue opere e, a volte, riuscendo ad aggiudicarsi contratti importanti. Tuttavia per Williams non vi furono molti periodi spensierati. Il peso del destino della sorella, internata in un ospedale psichiatrico e successivamente sottoposta a lobotomia, non lo lasciava mai: si sentiva responsabile e, allo setto tempo, aveva paura di poter fare la sua stessa fine.

Risultati immagini per lo zoo di vetroLeggendo attentamente l’opera Lo zoo di vetro di Tennessee Williams (scritto nel 1934 e rappresentato per la prima volta nel 1944, inizialmente dal titolo Ritratto di una Ragazza di Vetro), si possono intuire le profonde note autobiografiche presenti in questa piece teatrale, dal nome del protagonista, Thomans, omonimo dell’autore, alla figura di Laura, che sembra incarnare la sorella di Williams. Una ragazza timida, introversa, insicura, che vive isolata nel suo mondo, fatto di vecchi vinili e statuine di vetro.

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami