Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
bicentenario

Festival di Sanremo: celebrazione per l’Infinito di Leopardi

Durante la terza serata del Festival di Sanremo, Amadeus ha omaggiato i duecento anni de L'infinito di Leopardi

C’è spazio anche per la letteratura nella terza serata del Festival di Sanremo, quella dedicata alle cover e ai duetti.

Era già l’una di notte passata, quando Amadeus, il padrone di casa di questa edizione, ha voluto celebrare i duecento anni de L’infinito di Giacomo Leopardi mandando in onda il video promosso da Rai Cultura e dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in cui 22 grandi nomi della canzone italiana recitano il capolavoro senza tempo in un susseguirsi di voci che si alternano e emozioni che vibrano.

Il video era stata lanciato nel mese di dicembre direttamente dal Ministro Dario Franceschini che con un tweet aveva ringraziato tutti gli artisti che hanno aderito a questa grandiosa iniziativa culturale. Alcuni nomi? Mina, Baglioni, Ligabue, Zero, Nannini, Vecchioni, Celentano, insomma davvero l’alta elite della canzone italiana. Se le mie orecchie non fanno cilecca è Patti Pravo che chiude recitando gli indelebili versi “e il naufragar me dolce in questo mar”.

Una iniziativa davvero lodevole, e davvero di buon gusto, anche se inserita a così tarda notte, la scelta di proporla dal palco dell’Ariston con Amadeus che invita tutti a chiudere gli occhi per lasciarsi trascinare dalla poetica del Leopardi e per “giocare” a riconoscere le voci di tutti i cantanti.

In realtà non è stato questo l’unico spazio letterario della serata di ieri, anzi, l’intervento del premio Oscar Roberto Benigni ha davvero rubato la scena dedicando quasi quaranta minuti al Cantico dei Cantici, descritto dall’attore toscano come “la canzone delle canzoni”. In una serata di cover, in cui si celebra la storia delle canzoni di Sanremo, e quindi della musica italiana, Benigni ha voluto recitare questo testo contenuto nella Bibbia definendolo la canzone più bella di sempre. Si tratta di un cantico, attribuito a Re Salomone, che si fa risalire al IV sec a.C, composto da otto capitoli contenenti poemi d’amore scritti a modi di dialogo tra un uomo e una donna. Salomone si rivolge con canti d’amore a Sulammita. La curiosità è che nel tempo è diventato un canto religioso, per lo più nunziale, nonostante la parola Dio non sia mai nominata. Diverse sono le edizioni italiana, ricordo quella del 1997 di Einaudisolo perché è l’unica che mi è capitato di prendere in mano.

Dunque una grande serata di musica e di parole, di lettere, di emozioni forti.

A vincere la gara delle cover è stata una straordinaria Tosca, che ha interpretato con la cantante spagnola Silvia Perez Cruz la bellissima Piazza Grande dell’immenso Lucio Dalla. E lasciamelo dire, se non è anche questa poesia…

Ti saluto proponendoti, se mai ce ne fosse bisogno, anche oggi le parole magiche e soavi del poema del Leopardi:

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
e questa siepe, che da tanta parte
dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di la da quella, e sovrumani
silenzi, e profondissima quiete
io nel pensier mi fingo; ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello
infinito silenzio a questa voce
vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva e il suon di lei. Così tra questa
immensità s’annega il pensier mio:
e il naufragar m’è dolce in questo mare.

(L’infinito, Canti, XII, Giacomo Leopardi)

 

Potrebbe interessarti...

L'ombra della notte: La trilogia delle anime

A Discovery of Witches, di Deborah Harkness la seconda stagione su Sky

Speciale

Libri, vip e non solo – Csaba dalla Zorza – Lo stile in cucina

Il trasformista

Antonio Cardamone, Il trasformista. Recensione

Il guardiano

Novità in libreria: le uscite di Iperborea a gennaio 2021

Il gipeto e l'ungulato

Gipeto: un rapace diurno che si nutre di carcasse

L'amore ai tempi del colera

Parliamo di amore eterno… esiste davvero?

Tu stai seguendo il Festival? Riesci a stare sveglio fino alla fine delle puntate? Hai riconosciuto le 22 voci che recitano la poesia leopardiana?
Sottoscrivi
Notificami
guest
3 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti
Ornella Feletti
Ornella
11 mesi fa

E bravo Stefano, mi complimento veramente. Io non ce l’ho fatta a seguire il Festival e dopo il grande Benigni sono “crollata”. Un piccolo appunto mi permetto di farlo… chi declama l’ultimo verso dell’infinito e’ Mina 😊💋👋🏻

Pina Sutera
Pina Sutera
11 mesi fa

Concordo su quanto hai scritto Cantico dei Cantici, è alta poesia. Benigni ne ha dato una sua bella e originale interpretazione ma tutto il Cantico è pieno di significati metaforici e simbolici. Aggiungo, parlando di poesia nella Bibbia, che anche il libro dei Salmi può tranquillamente definirsi un’opera poetica.
Alle tue domande rispondo che seguo sempre il festival, è ormai una di quelle tradizioni entrate nel vissuto degli italiani anche se non sempre apprezzo la musica che passa dal palco dell’Ariston. Le voci che recitano l’infinito? Qualcuna si…
Bravo Stefano, bel pezzo.

Donatella De Filippo

Il tuo poetico ironismo, (come direbbe Fiorello) fa sempre riflettere… bravo Buzzi…

Scelti dalla redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
+2