Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Eventi Mondadori

Eventi Mondadori dell’8 febbraio: scopriamo qualcosa in più!

Scopriamo insieme gli eventi Mondadori dell'8 febbraio!

Buongiorno iCrewer! Come procede la tua domenica? Se domani, lunedì 8 febbraio, ti capiterà di avere qualche ora a disposizione, che ne diresti di partecipare a uno degli eventi Mondadori di questo mense?

Si tratta di conferenze tenute in streaming, incontri con l’autore online a cui si può accedere in modo semplice e veloce, aprendo un link. Sì, proprio così: niente lunghe file per entrare; niente incontri passati in piedi, perchè le sedie erano finite. Potremo ascoltare gli scrittori e partecipare a conversazioni interessanti, stando spaparanzate sul divano (magari indossando una maglietta carina, giusto per essere presentabili, nel caso in cui si accenda la webcam).

Nello specifico, gli eventi Mondadori che avranno luogo domani sono tre, uno all’ora di pranzo, e due in tardo pomeriggio/prima serata. Pronta per scoprirli?

Lunedì ore 12.00: Gianrico Carofiglio con La disciplina di Penelope

Il primo incontro della giornata è quello che vede come protagonista lo scrittore Gianrico Carofiglio, che presenterà il suo libro La disciplina di Penelope, pubblicata da Mondadori nel gennaio di quest’anno.

È un giallo emozionante e ricco di mistero. Una storia che promette suspance e tensione, che ci terrà con il fiato sospeso, man mano che le indagini di Penelope proseguiranno.

Ore 18.30: Teresa Ciabatti con Sembrava bellezza

Poi tocca a Teresa Ciabatti, che durante questi eventi Mondadori presenterà il suo libro Sembrava bellezza.

Ad accoglierci tra le pagine di questo romanzo è una donna, una scrittrice, che dopo essersi sentita ai margini per molti anni ha finalmente conosciuto il successo. Vive un tempo ruggente di riscatto, che cerca di tenersi stretto ma ogni giorno le sfugge un po’ di più. Proprio come la figlia, che rifiuta di parlarle e si è trasferita lontano.

Combattuta tra risentimento e sgomento per il tempo che si consuma la coglie Federica, la più cara amica del liceo, quando dopo trent’anni torna a cercarla. E riporta nel suo presente anche la sorella maggiore Livia – dea di bellezza sovrannaturale, modello irraggiungibile ai loro occhi di sedicenni sgraziate –, che in seguito a un incidente è rimasta prigioniera nella mente di un’eterna ragazza. Come accadeva da adolescenti, i pensieri tornano a specchiarsi, a respingersi e mescolarsi.

La protagonista perlustra il passato alla ricerca di una verità, su se stessa e su Livia, e intanto cerca di riafferrare il bandolo della propria esistenza ammaccata: il lavoro, gli amori. Livia era e resta un mistero insondabile: miracolo di bellezza preservata nell’inconsapevolezza? O fenomeno da baraccone? Avvolti nelle spire di un’affabulazione ammaliante, seguiamo la protagonista in un viaggio che è insieme privato e generazionale, interiore e concreto. E mentre lei aspira a fermare l’attimo per non perdere la gloria, la sorte di Livia è lì a ricordare cosa può succedere se la giovinezza si cristallizza in un presente immobile: una diciottenne nel corpo di una cinquantenne, una farfalla incastrata nell’ambra.

Sembrava bellezza è un romanzo sull’impietoso trascorrere del tempo, e su come nel ripercorrerlo si possano incontrare il perdono e la tenerezza, prima di tutto verso se stessi. Un romanzo di madri e di figlie, di amiche, in cui l’autrice mette in scena le relazioni, tra donne e non solo. Un romanzo animato da uno sguardo che innesca la miccia del reale e, senza risparmiare nessun veleno, comprende ogni umana debolezza.

Ore 19.00: Giuseppe Culicchia con Il tempo di vivere con te, ultimo tra gli eventi Mondadori della giornata

Giuseppe Culicchia, Il tempo di vivere con te, Eventi MondadoriA chiudere la fila è Giuseppe Culicchia, che con Mondadori ha pubblicato Il tempo di vivere con te.

Giuseppe Culicchia tiene in serbo queste pagine da più di quarant’anni. Perché la morte di Walter Alasia, al cui nome è legata la colonna milanese delle Brigate Rosse, è una storia dolorosa che lo tocca molto da vicino: per il Paese è un fatto pubblico, uno dei tanti episodi che negli anni di Piombo finivano tra i titoli dei quotidiani e dei notiziari televisivi; per lui e la sua famiglia è una ferita che non guarirà mai.

Walter Alasia, di anni venti, era figlio di due operai di Sesto San Giovanni. Giovanissimo aveva cominciato la sua militanza in Lotta Continua, ma poi era entrato nelle fila delle Brigate Rosse.

Nella notte tra il 14 e il 15 dicembre 1976 la polizia fece un blitz a casa dei suoi genitori per arrestarlo. Lui aprì il fuoco, e nel giro di pochi istanti persero la vita il maresciallo dell’antiterrorismo Sergio Bazzega e il vicequestore di Sesto San Giovanni Vittorio Padovani. Subito dopo tentò di scappare, ma venne raggiunto dai proiettili della polizia.

Giuseppe all’epoca ha undici anni e Walter è suo cugino. Ma in realtà è molto di più: è il fratello maggiore con cui non vede l’ora di passare le vacanze estive, che gli insegna a giocare a basket, che lo carica sul manubrio della bicicletta e disegna per lui i personaggi dei fumetti che ama. È un ragazzo affettuoso, generoso, paziente, e agli occhi di Giuseppe incarna un esempio.

In questo memoir asciutto e allo stesso tempo accorato Culicchia ricostruisce ciò che da bambino sapeva di Walter, scavando nei propri ricordi alla ricerca dei germi di ciò che sarebbe stato, e lo confronta con quello che crescendo ha appreso di lui dalla sua famiglia, ma anche dai giornali e dai libri di storia. E così facendo racconta gli anni della lotta armata e del terrorismo da una prospettiva assolutamente unica.

Non c’è vittimismo, non c’è retorica, c’è il dolore di un bambino che a undici anni perde in una sola notte un affetto immenso e tutte le certezze che credeva di avere, unito alla lucidità di un grande scrittore che ha cercato per oltre quarant’anni la giusta distanza per raccontare questa storia.

0 0 voto
Voto iCrewers

Potrebbe interessarti...

La passione per la libertà

Pier Franco Quaglieni, La passione per la libertà

La mafia nello zaino - Il bimbo, il nano e l'assassino

Novità in Libreria: La mafia nello zaino – Il bimbo, il nano e l’assassino di Alessandro Cortese

Speciale

Lifstyle. Il monaco buddhista Thich Nhat Hanh: attivista vietnamita per la pace

Speciale

Premio Strega 2022 i primi pronostici

Speciale

FRI: Dietro le Quinte – Gli autori e le autrici

Speciale

Alla scoperta dei generi letterari # 62: il genere Battle Royale

A quale di questi eventi Mondadori ti piacerebbe partecipare?
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0