Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Autori in tasca: Alice Munro, Premio Nobel per la Letteratura nel 2013

La vita e le opere della scrittrice canadese vincitrice del Premio Nobel per la Letteratura nel 2013

Caro iCrewer, bentornato nella rubrica Autori in tasca! Oggi ti presento la vincitrice del Premio Nobel per la Letteratura 2013: la canadese Alice Munro.

Alice Munro Premio Nobel

Biografia

Come da tradizione inglese, Munro non è il cognome di famiglia dell’autrice, ma quello da sposata. Il suo nome di battesimo è infatti Alice Ann Laidlaw ed è nata il 10 luglio 1931 a Wingham, una cittadina della regione dell’Ontario, la più popolosa del Canada e una delle più estese del Paese. La sua famiglia è di origini irlandesi e scozzesi e si può certamente dire che ha la scrittura nel sangue: suo padre è un diretto discendente di James Hogg (1770-1835), celebre poeta e romanziere scozzese meglio conosciuto con il soprannome di Ettrick Shepperd. La madre è invece un’insegnante.

Grazie ad una borsa di studio biennale, nel 1949 comincia il suo percorso di studio in Inglese e Giornalismo presso la University of Western Ontario, che abbandona due anni dopo per sposare il compagno di corso James Munro. Nel frattempo, la giovane autrice si avvicina al mondo editoriale, pubblicando i primi racconti sulla rivista letteraria dell’ateneo.

Alice Munro
La facciata della libreria Munro’s Books a Victoria

Appena sposati, la giovane coppia si trasferisce prima a Vancouver per esigenze lavorative del marito e successivamente a Victoria, nota città della Columbia Britannica, dove nel 1963 aprono la libreria Munro’s Books, che ancora oggi incanta i lettori canadesi e i turisti bibliofili con la sua imponente facciata e i suoi scaffali che richiamano le biblioteche anglosassoni.

I coniugi si separano però nel 1972 e la scrittrice Alice Munro, che decide di mantenere il cognome del marito come firma dei suoi lavori letterari, torna alla University of Western Ontario come autrice residente e lì finalmente riceve la laurea nel 1976. Nello stesso anno sposa Gerald Fremlin, un geografo e cartografo conosciuto durante il secondo periodo in università, e si trasferisce con lui in una fattoria a Clinton, in Ontario. La coppia resta insieme fino ad aprile del 2013, anno in cui Gerald passa a miglior vita, proprio pochi mesi prima dell’annuncio della vincita del Premio Nobel.

Sempre nel 2013 la Munro annuncia il suo ritiro dalla scena editoriale come scrittrice, continuando la sua vita privata a Clinton.

I racconti brevi di Alice Munro

Alice Munro è di certo una scrittrice particolare, perchè non ha mai pubblicato un romanzo. La sua specialità sono infatti i racconti brevi e sono quasi tutti ambientati ad Huron County, la contea in cui ha trascorso l’infanzia.

Ciò che colpisce i lettori dei suoi testi, ma anche la critica, è l’intensità dei suoi temi, che sono profondamente radicati nella territorialità agreste dell’Ontario, e alla profondità dei personaggi femminili, che tratteggia magistralmente nella complessità dei loro animi. Proprio per queste caratteristiche, le è stato assegnato il Premio Nobel per la Letteratura nel 2013 con la motivazione di essere «maestra del racconto breve contemporaneo»!

Alice Munro Premio Nobel 2013
Il momento del conferimento del Premio Nobel per la Letteratura 2013 ad Alice Munro

Le sue storie appaiono nelle riviste letterarie internazionali più importanti, per esempio The New Yorker, Harper’s Magazine, Madmoiselle e The Paris Review, e all’incirca ogni quattro anni vengono riprese in una raccolta. In totale sono state edite quattordici raccolte originali e sette selezioni di materiale già pubblicato su rivista, a partire dal 1968.

In quell’anno viene infatti pubblicata la sua raccolta d’esordio: Dance of the Happy Shades, che vince il prestigioso Governor General’s Award, il premio più importante del Canada. Per leggerla in lingua italiana bisogna aspettare però il 1994, quando arriva in libreria per la casa editrice La Tartaruga con il titolo La danza delle ombre (nuova edizione Einaudi, 2013). Un’altra opera da ricordare è Who Do You Think You Are? del 1973, che le vale il secondo Governor General’s Award e che arriva in Italia nel 1995 con il titolo Chi ti credi di essere?, edito da Edizioni e/o e riproposto nel 2012 da Einaudi.

Nel 2012 esce Dear Life, la sua ultima opera, poichè l’anno successivo Alice Munro annuncia l’abbandono della scrittura e il suo ritiro a vita privata. Conosciuto da noi con il titolo Uscirne vivi (Einaudi, 2014), questa raccolta ha il triste sapore di un congedo: è una riflessione sulla vita, sui suoi drammi e le insidie quotidiane. È il tirare le somme alla fine di una lunga carriera e un saluto lirico in prosa ai suoi affezionati lettori.

Alice Munro
La giovane Alice Munro

Caro iCrewer, oggi ti ho presentato Alice Munro, una delle autrici canadesi più amate e riconosciute degli ultimi sessant’anni. Continua a seguire Autori in tasca ogni lunedì, per conoscere la vita e le opere di grandi scrittori passati alla storia!

0 0 voto
Voto iCrewers

Potrebbe interessarti...

Le parole che vorrei saperti dire

Lifestyle: Julia Elle e la straordinarietà di essere madri

Speciale

Le novità di Baldini e Castoldi Edizioni per settembre 2021

Break me down

Novità in libreria: Break me down di Alice Marcotti

Speciale

Lifestyle Volevo una mamma bionda di Susanna Petruni

Speciale

Pär Fabian Lagerkvist, Premio Nobel 1951. Autori in tasca

REBEL AMETHYST #1 ROYAL STONE SERIES

La novità di Pubme: la saga di Royal Stone esce con il primo libro

Caro iCrewer, qual è il romanzo di Alice Munro che ti ha emozionato di più?
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

47 minuti fa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0