Qui gatta ci cova! modi di dire Nicola di Mauro Edizioni del Capricorno

Animalibri: Modi di dire dal regno animale

Oggi parleremo delle espressioni e dei proverbi che utilizziamo spesso connessi al mondo degli animali

Oggi, per la rubrica Animalibri, parleremo di alcune espressioni o modi di dire che sono ormai diffuse nel nostro modo di parlare con gli altri e aiutano a spiegarci meglio nelle nostre conversazioni quotidiane. Gli animali sono parte integrante della nostra vita e connessi attraverso un legame che dura ormai da secoli a tal punto che sono i protagonisti dei detti popolari e dei saggi proverbi.

Molte persone utilizzano questi modi di dire senza pensare realmente al loro significato profondo: le caratteristiche fisiche degli animali hanno creato concetti che hanno arricchito notevolmente la cultura popolare e la lingua italiana. Sicuramente ne conoscerai molti, andiamo allora a ripercorrere insieme quelli più famosi!

Modi di dire: essere matto come un cavallo 

Cavallo

I cavalli, animali particolarmente intelligenti, ovviamente non sono matti, ma possono avere un carattere particolarmente irrequieto: in questi momenti si imbizzarriscono, non possono essere cavalcati e hanno quindi bisogno di tranquillizzarsi. Ecco come nasce l’espressione matto come un cavallo. 

Sei lento come una lumaca

Animali con la casa

Uno dei modi di dire più conosciuti è: sei lento come una lumaca, e rispecchia effettivamente la realtà dei fatti.

La lumaca è uno dei animali più lenti del mondo: percorre solo 1, 39 centimetri al secondo e in un’ora copre faticosamente una distanza di 50 metri.

Avere occhi da pesce lesso 

Alessandro Carnier - Pesce

Altra espressione poco carina da rivolgere agli altri è avere gli occhi da pesce lesso: si sa che i pesci non hanno molta espressività quindi può significare avere uno sguardo perso nel vuoto, immerso nei propri pensieri, oppure non molto intelligente. Questo modo di dire può anche essere rivolto a persone innamorate.

Versare lacrime da coccodrillo

Coccodrillo

Quasi tutti noi abbiamo versato lacrime di coccodrillo, cioè ci sono sicuramente capitate occasioni in cui abbiamo fatto qualcosa di sbagliato e poi ce ne siamo pentiti, ma era troppo tardi. Ma perché questo modo di dire è collegato al rettile?

Il detto è riferito alla situazione in cui il coccodrillo sembra davvero piangere dopo aver ingoiato la preda: lacrima in realtà perché l’animale ha bisogno di ripulire gli occhi ed eliminare le impurità, non avendo la funzione del sudare. 
E noi che credevamo invece che fossero pentiti!

Essere cieco come una talpa

talpa

Ecco un altro modo di dire riferito alla talpa: in realtà questo animale, nonostante le apparenze, non è del tutto cieco; la talpa possiede una membrana che ripara gli occhi dal terriccio e l’aiuta a distinguere il buio dalla luce.

Essere solo come un cane

giornata mondiale del cane

Arriviamo all’ultimo modo di dire: essere solo come un cane. I cani, li conosciamo, sono animali da compagnia e amano essere socievoli.

In realtà l’espressione è riferita più ai cani randagi, non avendo né una casa né un padrone si ritrovano soli e persi.

Una lettura consigliata: Qui gatta ci cova! di Nicola Di Mauro

Qui gatta ci cova Nicola di Mauro Edizioni del Capricorno

Come ti accennavo all’inizio, i detti popolari che hanno come protagonisti gli animali sono molteplici e vastissimi; per approfondire meglio la tua curiosità ho pensato a una lettura che può fare al caso tuo: Qui gatta ci cova! di Nicola Di Mauro, pubblicato da Edizioni Del Capricorno. Ecco la sinossi!

Un libro che indaga le ragioni etimologiche e storiche che stanno dietro alla nascita e all’evoluzione di frasi ed espressioni ancora oggi di uso comune, pur se spesso legate a un mondo ormai distante dalla nostra contemporaneità. Attraverso aneddoti, notizie storiche e letterarie, l’autore risale all’epoca in cui il contatto (e lo scambio di conoscenze) tra uomo, animali e natura era molto più stretto di oggi.

Un dizionario diverso dal solito, divertente e colto insieme, semplice e agile da consultare. Voce per voce, un viaggio inedito e appassionante attraverso la lingua italiana, per soddisfare curiosità linguistiche e scoprire i segreti lessicali e metaforici che stanno dietro ad alcune parole, frasi e detti popolari riguardanti gli animali nel loro rapporto con l’uomo.

Quanto del nostro sapere popolare è stato trasmesso ed è sopravvissuto attraverso i modi di dire legati al mondo animale? «Proprio grazie a «proverbi, espressioni e modi di dire» sopravvivono conoscenze che, se si limitassero al presente, andrebbero poco oltre gli animali da compagnia. È quanto ben meglio di noi storici possono dimostrare gli esperti di paremiologia (lo studio scientifico dei proverbi).

Spesso se ne consiglia addirittura l’uso per rendere vivace l’esposizione: avviene in scuole di giornalismo e addirittura in scuole di scrittura (non era certo così in quella di Giuseppe Pontiggia). I modi di dire sopravvivono anche quando il loro riscontro con la realtà è ormai flebile se non assente: le parole mostrano di avere vita più lunga degli oggetti a cui si riferiscono» (dalla prefazione di Giuseppe Sergi).

0 0 voti
Voto iCrewers

Se conosci altri modi di dire scrivilo nei commenti!

Sonya Gatto
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti
0
In iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI