Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Via Libera. 50 donne che si sono fatte strada

Caffè letterario motivazionale: Via Libera. 50 donne che si sono fatte strada

Donne italiane che hanno vissuto la loro vita con coraggio e determinazione e che "si raccontano" in un libro stradario molto originale

Caro Lettore, oggi nel caffè letterario motivazionale voglio parlarti di un’interessantissima iniziativa che ha dato vita ad un libro: Via Libera. 50 donne che si sono fatte strada (Sonzogno) di Valentina Ricci, Viola Afrifa e Romana Rimondi.

«Sono poche, pochissime le donne alle quali è intitolata una strada in Italia. Siamo andate a cercarle tutte e ne abbiamo scelte cinquanta. Ogni strada racconta di donne incredibilmente moderne, meravigliose, straordinarie nella loro normalità. Donne la cui vita è fatta di strade difficili e pericolose, percorse tutte con la stessa consapevolezza, quella di voler vivere in libertà.»

Dati statistici alla mano, le autrici hanno notato che ogni 100 strade italiane dedicate a persone, solo 7 sono dedicate a donne, di cui 4 a Sante, Martiri ecc e solo 3 a donne che hanno vissuto vite normali in maniera straordinaria.

L’idea che ha portato le autrici a realizzare questo libro – stradario nasce appunto dalla volontà di rendere giustizia a tutte queste donne che hanno affrontato nella loro vita ostacoli e pregiudizi senza arrendersi mai e che ci hanno consegnato un esempio di determinazione, coraggio e indipendenza, valido ancora oggi e che è giusto divulgare e far conoscere a tutti.

Per questo hanno selezionato cinquanta grandi donne italiane di ogni epoca che hanno avuto un ruolo importante nelle vicende del nostro Paese, ma anche del mondo intero.

Via Libera. 50 donne che si sono fatte stradaIl libro è organizzato come uno stradario e ogni capitolo racconta un passato, spesso poco conosciuto, che può ancora indicarci la via da seguire. Ci sono artiste, come Artemisia Gentileschi e Tina Modotti, scienziate come Ipazia, partigiane come Irma Bandiera, o imperatrici come Costanza d’Altavilla, sportive, educatrici, imprenditrici, ma anche brigantesse: sono donne, incredibilmente moderne, straordinarie nella loro normalità, che nel libro si raccontano in prima persona.

Artemisia Gentileschi è un simbolo del femminismo, fu una pittrice di grande talento ed ebbe il coraggio, nonostante una violenza subita e il disonore che ne conseguì, di rimpadronirsi del suo destino nel XVII secolo.

Ipazia d’Alessandria una scienziata e filosofa greca, simbolo della libertà di pensiero.

Alda Merini, Margherita Hack, Mariele Ventre, Giulietta Masina, Anna Magnani, Matilde Serao sono davvero tante le storie di donne famose e non che hanno illuminato la strada per chi è venuto dopo e queste storie straordinarie vanno ricordate e rilette proprio per non dimenticare e per trovarvi ispirazione nei momenti di demotivazione.

Devo dire la verità, non avevo mai fatto caso a questa scarsità di strade o piazze intitolate a donne straordinarie che non siano figure religiose, e in effetti non se ne comprende la motivazione. Per questo il lavoro di queste autrici di localizzare e individuare in una mappa tutte le strade dedicate a donne che si sono distinte per il loro coraggio e determinazione mi è sembrato assolutamente importante e originale.

Valentina Ricci 

tutti la chiamano La Vale, speaker e redattrice di Radio Deejay. Da anni insieme a La Pina e Diego Passoni conduce il programma Pinocchio, di cui è anche co-autrice. Le posizioni dell’amore è il suo primo libro.

Viola Afrifa

Ha vissuto a Siena, Parigi, New York, Stoccolma e Milano. Ne Il Volo del mattino, programma quotidiano di Radio Deejay, è la spalla di Fabio Volo.

Romana Rimondi

è una graphic designer e vive e lavora a Bologna.

Questa nuova uscita mi è sembrata perfetta per la nostra rubrica del lunedì e spero che ti sia d’ispirazione. Come sempre buona lettura!

Potrebbe interessarti...

La circonferenza delle arance. la prima inchiesta della commissaria Lolì

Le grandi Fiction sulla Rai tratte dai libri: Lolita Lobosco

Lingua madre

Il premio Calvino Maddalena Fingerle e il romance di Flora Gallert

Speciale

Il primo libro non si scorda mai

Un mondo di donne

Un mondo di donne di Lauren Beukes – Fanucci Editore

L'angelo trafitto

L’angelo trafitto di Alberto Büchi: segnalazione

La leggenda del santo bevitore

Audiolibri gratis per te: app despar

Che ne pensi?
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0