0

0

Novità in libreria: i saggi targati Mondadori in uscita a settembre

Eccoti i saggi targati Mondadori che non aspettano altro che di essere letti!

novità in libreria uscite mondadori

iCrewPlay consiglia

A breve in pubblicazione

  • De Agostini le uscite previste per il mese di ottobre per i più piccoli sarà pubblicato alle 10:00 del 20.10
  • Meno dodici di Pierdante Piccioni il libro che ha ispirato Doc - Nelle tue mani sarà pubblicato alle 12:00 del 20.10

Le uscite Mondadori di questo mese settembrino ti propongono degli interessanti saggi che oltre ad abbracciare argomenti di grande attualità, ti forniscono anche notevoli spunti di riflessione.

Vediamo quindi quali sono i testi da poco usciti e targati, come detto, Mondadori.

Uscite Mondadori: La grande corsa dell’arte europea di Flavio Caroli

Una prima uscita è quella di Flavio Caroli, già disponibile dal 15 settembre, dal titolo La grande corsa dell’arte europea «Durante una memorabile lezione all’università, il grande maestro Roberto Longhi mise nel proiettore due diapositive, l'”Adamo ed Eva” di Van Eyck e l'”Adamo ed Eva” di Masaccio. Le mostrò un paio di volte agli studenti, poi sentenziò: «L’arte europea comincia così…», senza aggiungere altro. Contemporanee eppure diametralmente opposte, quelle due immagini rivelano la nascita del «pensiero in figura» nel Vecchio Continente nei suoi due ceppi, quello fiammingo, il cui destino è prima di tutto luce, e quello latino, votato alla corporeità e al peso della figura.

Da questo ricordo personale, Flavio Caroli prende le mosse per raccontare i capisaldi dell’arte europea. Lo stile è quello di sempre, appassionato e poetico, e a parlare sono le opere stesse, che si inseguono e susseguono in un dialogo ininterrotto, o meglio in una corsa, dove le diverse nazioni sembrano contendersi il primato.Uscite Mondadori saggi settembre Flavio Caroli

Così, dopo aver tenuto saldamente la testa della corsa, grazie ad artisti come Bruegel, Rubens e Rembrandt, alle soglie del mondo moderno osserviamo fiamminghi e olandesi lasciare il passo alla grande ritrattistica inglese di Gainsborough e Hogarth. Mentre poi Goya corre fuori dagli schemi e inglesi e tedeschi si contendono il Romanticismo, ecco i francesi andare in fuga: dalla rappresentazione romantica dell’uomo-eroe che si staglia contro la natura nei quadri di Delacroix, fino al ciclone parigino e alla grande stagione impressionista e postimpressionista, pronta a sbaragliare le file artistiche europee con le «ombre colorate» di Monet, la «verità dello sguardo» di Degas o le tele di Cézanne.

Ma già è tempo di una nuova sfida, tutta novecentesca, lungo il crinale che divide la figurazione dall’astrazione, con Kandinskij, e oltre. 

Tra sorpassi, grandi volate e leggendari fuoriclasse, il racconto prende vita attraverso opere straordinarie ospitate oggi nei musei e nelle collezioni di tutto il mondo. Un viaggio sorprendente che trova la sua conclusione perfetta ai giorni nostri, nell’opera di Kiefer, l’artista che più di altri raccoglie i tratti vincenti dell’arte europea: la potenza tedesca, il futurismo russo, l’eleganza francese, la sapienza italiana. In un’epoca di totale obsolescenza e precarietà, “La grande corsa dell’arte europea” ci ricorda il nostro dovere di gratitudine verso capolavori imprescindibili, che ci fanno sentire un po’ eterni e che «a noi destinati a identificare il senso della vita con la poesia e con la bellezza» regalano gioia e appagamento durevoli.»

Uscite Mondadori: Vulnerabili di Paolo Crepet

Sempre dal 15 settembre, ti aspetta un saggio di Paolo Crepet, uno spaccato su ciò che la pandemia ha lasciato in ciascuno di noi, come – e se – le nostre vite sono cambiate in conseguenza di questa situazione anomala ed inaspettata che ci colti non solo impreparati, ma anche alla sprovvista. Ecco, quindi, Vulnerabili  «È successo all’improvviso, un virus ha sconvolto il mondo intero e, in un attimo, ci ha tolto la nostra libertà. Tutto è cambiato, ci hanno detto di rimanere a casa e lì abbiamo scoperto quanto sia difficile convivere, resistere, mantenere viva la speranza. Dopo la fugace euforia dei canti dai balconi, abbiamo scoperto una paura collettiva che in qualche caso è diventata panico, terrore.

Sono vacillate le nostre certezze e, insieme alla quotidiana conta dei morti, anche le nostre speranze. Uscite Mondadori saggi Paolo CrepetLa parte del mondo più avanzata, l’Occidente tecnologico e scientifico, è improvvisamente diventata frangibile e imperfetta. Ma non tutti i mali vengono per nuocere: alcuni, segnando, insegnano. L’epidemia ci ha costretti tra quattro mura, è vero, ma così facendo ci ha permesso di rallentare e tirare il fiato, di riscoprire abitudini e sogni abbandonati in un cassetto durante la forsennata corsa quotidiana e, dunque, di conoscerci di più. Abbiamo scoperto di essere molto meno forti di quello che pensavamo.

Abbiamo scoperto di essere vulnerabili. Ma è proprio da questa vulnerabilità che dobbiamo e possiamo partire, accettando le nostre debolezze e i nostri limiti, sperando che il virus abbia ucciso l’arroganza e la protervia.

Il delirio di onnipotenza che ci aveva annebbiato le menti, che ci aveva resi incuranti del cambiamento climatico, dell’inquinamento, delle sperequazioni economiche e sociali, forse, è caduto per sempre. In questo libro Paolo Crepet analizza cosa è accaduto durante i mesi di lockdown e la lenta ripartenza, e cosa ci aspetta in un presente ancora minacciato dal virus. E si concentra sulla necessità del cambiamento, che per lui significa «non uccidere la speranza di poter avere un futuro diverso da quello che ci eravamo meritati». Non solo un saggio, ma anche un viaggio dentro di noi, per scoprire cosa dobbiamo salvare dell’umanità e quali cambiamenti sono necessari per salvaguardare il domani.»

Uscite Mondadori: Cibo sovrano di Maurizio Martina

Ed infine, eccoti un altro interessante saggio a firma di Maurizio Martina dal titolo Cibo sovrano anch’esso disponibile a partire dal 15 settembre «Si può rischiare una crisi alimentare mondiale anche con raccolti abbondanti e grandi riserve a disposizione? La risposta è sì. In un mondo pieno di cibo, gli affamati rischiano di aumentare.» La pandemia di Covid-19 ha colpito tutti i settori, dalla finanza alla manifattura, dal commercio alle materie prime, stravolgendo intere catene di approvvigionamento, comprese quelle del cibo.

Per l’emergenza alimentare, infatti, il virus è stato un pauroso acceleratore, che ha aggravato una lista già lunga di criticità: le guerre in Siria, Sud Sudan, Burkina Faso e nella regione del Sahel, l’invasione di locuste in Africa, le emergenze in Libano, Congo ed Etiopia. Anche l’Italia ha attraversato un momento complicato: il blocco delle attività ha aumentato i costi della spesa alimentare per le famiglie, molte persone si sono ritrovate in difficoltà e hanno avuto bisogno di sostegno per sfamarsi.

Emerge dalla lucida analisi di Maurizio Martina, sostenitore convinto delle relazioni aperte, cooperative e multilaterali, che nei primi cinque mesi del 2020 il mondo ha toccato conUscite Mondadori saggi Maurizio Martina mano l’inadeguatezza di due visioni opposte, quella dei «globalisti» e quella dei «sovranisti». Per questo si propone di indagare, senza reticenze, i limiti e le debolezze di entrambe, della globalizzazione che abbiamo vissuto fin qui, così come delle derive nazionaliste e divisive che sono affiorate durante la pandemia e che si rivelerebbero ancora più pericolose. Quando parliamo di agricoltura e di produzione di cibo, l’impostazione «gastrosovranista», che rimanda al tema dell’autosufficienza nazionale, all’autarchia, nei fatti risulterebbe impraticabile.

 Dall’altro lato, però, la globalizzazione del cibo è spesso una storia di disuguaglianza, che porta con sé asimmetrie di mercato e deturpazione dell’ambiente. La strategia vincente per trovare un nuovo equilibrio, sostiene Martina, è dunque acquisire consapevolezza dell’importanza della sovranità alimentare dei popoli, della necessità ormai improrogabile di una svolta ecologica dello sviluppo, del salto di qualità indispensabile per un sistema di regole più forti per il commercio globale, in grado di superare una volta per tutte gli errori e le storture del passato. Si tratta in definitiva di una grande questione democratica. E di un impegno per la libertà.»

Caro lettore, come sempre, a te la decisione di scegliere cosa leggere, fermo restando che questi saggi sarebbero tutti da leggere perché, di certo, arricchirebbero il nostro pensiero e la nostra personale cultura.

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
E tu, caro iCrewer, qual è il saggio che ti piacerebbe leggere fra questi indicati?
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti
0
In iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x