Persone normali Book Cover Persone normali
Sally Rooney
narrativa contemporanea
Einaudi
21 maggio 2019
Ebook e Cartaceo
240

Caro Icrewer, questa settimana ti parlo di un libro che mi ha colpito e incuriosito solo leggendo il titolo e guardando la cover: Persone normali di Sally Rooney edito Einaudi, autrice anche di Parlarne tra amici.

Il romanzo racconta la storia d’amore di Connell e Marianne ed è ambientato a Sligo, nell’Irlanda occidentale.

I ragazzi hanno estrazione sociale diversa: la madre di Connell lavora come cameriera nella villa di Marianne. Entrambi frequentano il liceo. Marianne si sente un’emarginata e passa il suo tempo a leggere, mentre Connell è benvoluto da tutti, ma vive nel timore del giudizio altrui e per questo preferisce tenere segreta la relazione con Marianne.

Con l’ingresso all’università, al Trinity College di Dublino, la situazione si inverte e Marianne si conquistata un posto in società, grazie alla sua intelligenza, mentre Connell non riesce ad ambientarsi. Anche qui i ragazzi continuano a frequentarsi, lasciandosi e ritornando insieme più volte, continuando una recita perenne.

Questo romanzo mette in evidenza la complessità delle relazioni, scava nelle paure, parla di incapacità di comunicare e il timore di esprimersi per quello che si è.

Persone normali per chi?

I protagonisti di questo romanzo sono inquieti e combattuti tra cosa secondo la loro esperienza è giusto e razionale fare e ciò che invece li spaventa: amarsi accettandosi per come sono, con le loro fragilità e le loro paure.

L’approvazione da parte degli altri diventa più importante e la conseguenza è quella di perdere se stessi. Tutto gira in funzione di quello che la società si aspetta e si entra in un circolo vizioso che crea dipendenza, perché se non siamo “persone normali” non ci sentiamo nessuno. Così facendo si perde il contatto con i propri desideri, e con la propria autenticità quella che ci contraddistingue e che ci rende diversi e unici.

Questo è un problema molto attuale che viviamo ogni giorno anche utilizzando i social, l’apparire diventa più importante e a forza di apparire perdiamo di vista ciò che è essenziale per noi.

L’approvazione sociale è sicuramente qualcosa che ci fa sentire a nostro agio nelle relazioni, ma ciò che conta davvero è il sentirsi bene con sé stessi. Perché solo chi è a proprio agio con la sua “personale normalità” può dare il meglio di sé e offrirlo agli altri. Chi recita una parte prima o poi sbaglierà qualcosa e poi sarà peggiore il rifiuto che ne deriverà. Chi invece mostra ciò che è senza paura troverà il suo miglior sostenitore in sé stesso e la bellezza di questa verità non potrà che affascinare anche gli altri.

Con questo romanzo ti inoltri in un viaggio nelle emozioni, nelle delusioni e nei sentimenti di due giovani ragazzi. La cura, lo sono l’una per l’altro.

Cosa ispira questo libro?  a non aver paura di essere ciò che sentiamo dentro, perché ci sarà sempre qualcuno che potrà apprezzarci così, anche se non siamo “persone normali”.

Come sempre Buona lettura!

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami