0

Sogni di carta: Massimo Lugli e Antonio Del Greco si raccontano

intervista
0

0

Nell’interessantissimo romanzo Quelli cattivi“, Massimo Lugli e Antonio Del Greco mettono in scena un’affascinante e anche violenta storia sulla “grande mala”: la nascita, l’ascesa e il cambiamento di un gruppo criminale che ancora oggi domina incontrastato sulla scena di Ostia e di Roma

quelli cattiviMa chi sono Massimo Lugli e Antonio Del Greco? Ecco a voi alcune domande che ho rivolto loro per conoscerli meglio

 

 

 

 

Da quanti anni vi conoscete e lavorate insieme? E quando la collaborazione reciproca si è trasformata anche in amicizia?

Ci conosciamo da oltre 30 anni. Massimo ha iniziato a fare il cronista nel 1975, Antonio è arrivato alla squadra mobile romana, dopo essere stato ferito in servizio a Milano, qualche anno dopo. Da allora, il nostro rapporto professionale e personale non si è mai interrotto. E questo risponde anche alla domanda successiva: dalla stima e dal rispetto reciproci è nata una simpatia che gradualmente si è trasformata in amicizia. Abbiamo molti tratti caratteriali in comune: il gusto della battuta, la passione per la vita di strada, l’amore per il cinema e la letteratura ma soprattutto l’impegno inderogabile a non prenderci mai sul serio. A sessant’anni suonati da un pezzo siamo ancora due ragazzini un po’ monelli a cui piace soprattutto scherzare e vedere la vita, in tutti i suoi aspetti, con un pizzico di umorismo. E questa è la chiave della nostra collaborazione anche se, sul lavoro, siamo entrambi puntigliosi e rigorosissimi, ma sempre col sorriso sulle labbra.

Qual è stato l’evento, l’imput che vi ha fatto cominciare a pensare di scrivere qualcosa, e di farlo insieme?

La nostra collaborazione letteraria è nata per puro caso. Antonio, per qualche tempo, ha abitato vicino a casa di Massimo. Una mattina ci siamo incontrati (con un curioso capovolgimento di ruoli: il poliziotto andava a correre e il cronista a sparare al poligono) e, come tutti i vecchi tacchini del mondo, ci siamo messi a ricordare certi episodi del passato che avevamo vissuto insieme su fronti diversi. Dopo una mezz’oretta di rievocazioni più o meno nostalgiche (soprattutto dal punto di vista anagrafico), Massimo ha avuto il satori: questo è un libro e che libro! Il giorno dopo ha letteralmente trascinato Antonio alla sede della Newton Compton e, fortunatamente, Raffaello Avanzini, Il nostro editore, ha approvato il progetto. “Città a Mano Armata” è stato stampato qualche mese dopo. Da allora, come suol dirsi, l’appetito è venuto mangiando.

Cosa amate leggere quando…. non scrivete?

Massimo ama soprattutto i romanzi storici, quelli pieni di battaglie, spade, eroismi e assedi. Ha una vera passione per Andrea Frediani e Simon Scarrow ma adora anche Bernard Cornwell e altri autori soprattutto americani e inglesi. Tra gli italiani, legge compulsivamente Andrea De Carlo, Roberto Pazzi, Melania Mazzucco e Giancarlo De Cataldo. Di solito non ama il noir nostrano e la letteratura main stream, mentre venera Don Wislow. Antonio è onnivoro ma predilige i generi thriller e giallo dove, ovviamente, riesce a scoprire il colpevole quasi sempre prima della conclusione. E va da sé che legge i libri di Massimo Lugli, anche perché altrimenti rischierebbe rappresaglie calibro 357 magnum.

Eravate d’accordo sia sul genere sia sulle modalità dei vostri lavori? O vi siete confrontati a lungo?

No, prima nasce l’accordo e poi il libro. Non partiamo dall’idea “scriviamone un altro” ma da una storia che ci intriga e che vediamo come una possibile trama romanzesca. Il confronto (sempre costruttivo e sempre in grande allegria e buonumore) viene in seguito, pagina dopo pagina, man mano che il testo prende forma. Tra l’altro molto raramente ci troviamo in disaccordo e a nessuno dei due è capitato, neanche una sola volta, di impuntarsi su una scelta contestata dall’altro autore. Collaborazione a tutto tondo e al 50 per cento. Massimo ci mette le parole, Antonio la sua grande esperienza e una fantasia traboccante.

massimo lugli e antonio del greco quelli cattiviQuelli cattivi… sono solamente i criminali?

Quelli Cattivi è la definizione dei vecchi cronisti di nera per ogni tipo di delinquente, specie i rapinatori: “so’ arivati due de quelli cattivi, hanno cacciato il ferro e l’hanno rapinati”. Ma nel nostro romanzo questo termine si allarga e include anche imprenditori collusi, politici mestatori e arrivisti e qualche sbirro corrotto. La cattiveria è un po’ il filo conduttore di tutto il romanzo. Beh, anche noi due non siamo esattamente buonissimi, soprattutto se qualcuno ci fa saltare la mosca al naso.

 

State già scrivendo un nuovo libro? o ci state pensando?

Non lo stiamo scrivendo perché Massimo è attualmente impegnato in un romanzo sull’omicidio Pasolini che vedrà il ritorno di Marco Corvino, il suo alter ego e personaggio seriale. Subito dopo ci metteremo di nuovo al lavoro in coppia. Il canovaccio c’è già: una vicenda ispirata a una storia degli anni 80 in cui ci saranno omicidi, indagini e… tanto sesso. E speriamo che vada bene come gli altri tre. Inshallah.

Ho apprezzato tantissimo il libro, di cui ovviamente consiglio la lettura ad un ampio pubblico, e dopo quest’intervista ho avuto la conferma di ciò che avevo intuito: Massimo Lugli e Antonio Del Greco non sono solamente due eroi che hanno combattuto per rendere il nostro Paese un posto migliore, sono anche due sognatori che con il loro talento sono riusciti a trasmettere tutta la loro creatività, e per quanto mi riguarda… tanta curiosità sui loro prossimi lavori!

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp