Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Recensione: Quando inizia la nostra storia di Federico Rampini edizioni Mondadori

La storia questa sconosciuta. Poco amata, poco studiata, poco conosciuta. Le vicende del presente affondano sempre le loro radici nel passato: la conoscenza è basilare per capire l’oggi.

La storia si ripete sempre due volte, la prima volta come tragedia, la seconda come farsa.

Questa frase riconducibile alla barba più famosa del primo novecento, Karl Marx, è citata nella prefazione del saggio storico Quando inizia la nostra storia di Federico Rampini, edito da Mondadori, la cui lettura non solo mi ha confermato la grande cultura del suo autore, ma, ancora una volta, ha confermato la sua grande lucidità nell’affrontare temi ostici e non proprio alla portata di chiunque.

Corrispondente da New York per Repubblica, ha esordito come giornalista nel 1979. Già vice-direttore e redattore di importanti quotidiani italiani, editorialista e inviato speciale in varie città europee ed extraeuropee, Federico Rampini ha  anche insegnato in svariate Università italiane e straniere. La sua penna fertile e sapiente ha dato vita a numerose opere di carattere storico-contemporaneo, a quattro spettacoli teatrali che ha prodotto e interpretato e ad un programma televisivo per RAI Storia: Geostoria.

Una mente lucida ed attenta, cittadino del mondo, ha vissuto e viaggiato per l’Europa, l’America e l’Asia e, in qualunque posto sia stato, si è fermato a lungo, per capirne meglio la vita e la storia.

E proprio di storia scrive in questo suo ultimo ed interessante libro. Strutturato in una serie di racconti caldi dei suoi viaggi e delle sue esplorazioni da nomade globale, dalla California, all’Iran, all’Arabia Saudita, tutti posti di cui ha studiato a fondo le varie vicende. Ogni racconto, corrisponde ad un capitolo che può essere letto anche senza seguire l’ordine logico del libro.

Un lungo viaggio fisico e temporale che indaga sulle motivazioni storiche degli inizi fino ai nostri giorni, le scelte dei governi e le varie vicende che si sono susseguite nel tempo. Federico Rampini con i suoi parallelismi fra passato e presente, sembra dipanare la matassa della storia che ad occhi poco abituati, appare ingarbugliata.

In un lungo viaggio dove il passato si intreccia con il presente, chi legge viene preso per mano e seguito passo passo dall’autore, condotto attraverso i secoli, attraverso i vari eventi e le scelte politiche e finanziarie dei vari stati. Il lettore può vedere chiaramente il concatenarsi e a volte il ripetersi di fatti storici, in un contesto di azioni e reazioni che davvero dimostra come tutto si ripete nella storia umana.

Chi non conosce la storia è condannato a ripeterla. Se impariamo a decifrare gli antefatti, a misurare il peso della storia sulle nostre scelte di oggi, guadagniamo in lucidità e profondità. Viaggiare nel passato regala a ciascuno di noi  quella che immagino sia l’esperienza dell’astronauta: vedere il mondo con distacco…

Questo stralcio tratto dalla lunga e bella  prefazione del libro, ci consente di capire meglio l’approccio che Federico Rampini ha con le vicende storiche.

E ancora:

Sarei felice e onorato, se leggendo qualcuno di questi capitoli, scoprendo alcune delle mie mappe della storia, vi verrà voglia di leggere di più, altri libri e altre versioni su questi eventi del passato.

Se è vero quello che La storia è maestra di vita, come affermava Cicerone, conoscerla e imparare a leggerla attraverso i segni dei tempi, significa non ricadere negli errori del passato. Nelle scuole, purtroppo, da qualche tempo e non solo in Italia, la storia è passata in secondo piano come materia di studio, forse perchè un popolo ignorante (nel senso letterale del termine) è più facilmente addomesticabile e manovrabile? E’ un dubbio personale che, certamente, lascia il tempo che trova ma se è vero che la storia si ripete sempre due volte, conoscerla dovrebbe evitare che la tragedia si trasformi in farsa o viceversa, perchè in ogni caso, a farne le spese sono sempre i soliti noti.

E quindi, potrebbe essere salvifico accettare l’invito che conclude la prefazione di [amazon_textlink asin=’8804705299′ text=’Quando inizia la nostra storia ‘ template=’ProductLink’ store=’game0ec3-21′ marketplace=’IT’ link_id=’dc745281-fa6d-11e8-80e9-95b794373e06′]

di Federico Rampini e cioè:

LEGGIAMO, LEGGIAMO. E UNA RISATA SEPPELLIRà LE IDIOZIE DEL NOSTRO TEMPO.

0 0 voto
Voto iCrewers

Potrebbe interessarti...

Parole che danzano

Lifestyle: Roberto Bolle si racconta in Parole che danzano

Apro gli occhi

Novità in libreria: Apro gli occhi di Dario Vergari

Speciale

Altan al Salone Internazionale del Libro di Torino

Speciale

Carola Carulli al Salone Internazionale del Libro di Torino

Calendario poetico 2022

Calendario poetico 2022, un libro non libro

Genesi

Novità in libreria: Genesi di Riccardo Iannaccone

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0