ombre, racconti ispirati ai dipinti di edward hopper Book Cover ombre, racconti ispirati ai dipinti di edward hopper
stile libero big
AA.VV.
noir
einaudi
2017
cartaceo
300

Un enorme appartamento, anzi direttamente un open space di lusso in pieno centro progettato da una rinomata archi-star e interamente arredato con pezzi di design: è questo uno dei primi paragoni che potrebbero venire in mente a proposito di Ombre, la raccolta di tredici Racconti ispirati ai dipinti di Edward Hopper a firma di alcuni tra i più rinomati scrittori americani contemporanei. Praticamente un loft che finisce col diventare un ring, in cui i singoli oggetti, nel chiasso reciproco di forme, linee e colori che è sempre l’ovvia conseguenza dell’eccesso, sono destinati ad annullarsi a vicenda. E invece… no. Nessuna cacofonia visiva. Più la si legge, e più questa bella e ambiziosa antologia di prose brevi fa pensare a una di quelle collezioni private il cui saggio proprietario abbia deciso di collocare un solo esemplare per stanza (anche se sì, ce n’è uno persino in bagno, laddove avremmo preferito trovare un semplice specchio). E se al privato si preferisce il pubblico, Ombre somiglia benissimo anche a un piccolo museo o a una grande galleria in cui per equilibrare il valore delle singole opere venga adottato il principio espositivo vincente del less is more: una per sala. Non resta che entrare, prendersi del tempo, misurare la giusta distanza d’osservazione e contemplare a piacere.

13 autori per un pittore

Edward Hopper e le ombre dell’anima.

In “Ombre”, Lawrence Block , celebre autore di gialli, ha chiesto a 13 mostri sacri della letteratura di scegliere un dipinto di Edward Hopper (N.Y. 1882-1967) e scriverci un racconto. Ad ogni racconto è anteposto il dipinto prescelto dall’autore.

E così, autori come Stephen King, Jeffrey Deaver e Michael Connely, si mettono in gioco per strappare vite dalla tela e portarle nella controversa società americana.

Attraverso 13 racconti di vario genere, dal noir al thriller, personaggi controversi e in perenne attesa di una svolta esistenziale, danno vita a storie struggenti e magiche.

Di Hopper si è detto che dipingeva silenzi, eppure mai un dipinto ha contenuto tanta narrativa.

“Hopper sa fermare sulla tela un momento sospeso nel tempo: un istante con un passato e un futuro che lo spettatore è chiamato a rintracciare” – Lowrence Block

Recensione

L’antologia è eterogenea per genere e stile, ma di sicuro preziosa.

Tra i racconti più belli di stampo noir, Stephen King con il suo “La stanza della musica” e Jeffrey Deaver con “L’incidente del 10 novembre” insieme a Michael Connelly con il suo “Nighthawks” e Joe R. Landsdale con “Il Proiezionista”.

Tra gli autori meno noti ispirati da Edward Hopper ho scoperto fenomeni come Jill D. Block “La storia di Caroline”. L’autrice è la figlia di Lawrence Block, curatore dell’edizione americana.

In alcuni casi, in “Ombre” si resta delusi, poiché si vorrebbe che il racconto prendesse la forma di romanzo per potersi perdere in quelle atmosfere misteriose e oniriche.

Come collocazione temporale, tutti i racconti ispirati a Hopper sono collocati tra la grande depressione e la guerra fredda.

Geniale l’idea del curatore Books, di dare vita al dipinto che apre la raccolta che appare mancante di racconto.

I racconti sono tredici, ma avrebbero potuto essere quattordici.

C’è stato infatti un autore che all’ultimo minuto non ha potuto consegnare il lavoro, ma ormai i diritti  per “Mattino a Cape Cod” erano già stati acquistati.

Il curatore sfida dunque il lettore e lo invita ad inventarsi una storia.

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami