A natale mi sposo Book Cover A natale mi sposo
Autoconclusivo
Evelyn j. Wolfman
Romanzo rosa
Pubme (un cuore per capello)
5 dicembre 2017
Ebook

Fanny Nicolas è una giovane donna dolce e fin troppo sognatrice, che non ha mai smesso di credere nel potere del Natale. A differenza di altri suoi coetanei, riesce a percepire la meraviglia in ogni cosa e a trasportarne un po' nel suo lavoro di Christmas Planner, che la tiene impegnata nel periodo dell'anno che adora. Desiderosa di cambiare aria alla prospettiva di un altro Natale in solitudine, accetta subito il lavoro che la vecchia Helsa Jensen le propone in Norvegia al Drunk Reindeer, un ranch per famiglie che purtroppo sta andando in fallimento. L'incarico sembra facile e Fanny è sicura di riuscire a portarlo a termine senza troppi intoppi, ma la ragazza non ha messo in conto l'incontro con Ben, nipote di Helsa, che tenterà in tutti i modi di farla andare via. Lui è testardo, orgoglioso e non crede che una donna dal lavoro alquanto discutibile possa risollevare e salvare la casa in cui è cresciuto. E nonostante l'attrazione immediata che li unisce, tenterà in tutti i modi di scoraggiarla, senza successo. Fanny è frizzante, non si arrende, e finirà per travolgerlo riportando in piedi non solo il Drunk Reindeer, ma anche il suo burbero proprietario.

Salve lettori! Se vi stuzzica il binomio amore e Natale, questa è la recensione che fa per voi! Oggi vorrei parlarvi di un dolce romanzo natalizio: A Natale ti sposo di Evelyn J. Wolfman. Come segnalato in precedenza, questo libro fa parte della collana Un cuore per capello, una piccola casa editrice, nata da poco, in collaborazione con Pubme che si dedica al genere rosa.

STORIA

Fanny è una ragazza che crede fortemente nella magia del Natale. Non a caso, il suo lavoro è quello di Christmas Planner. Porta un po di magia nei posti che le vengono assegnati, trasformandoli in vere e proprie espressioni del Natale. Durante il periodo festivo, riceve una serie di proposte di lavoro, tra cui una mail da Helsa Jensen, un’anziana donna che le chiede di risollevare il suo ranch in Norvegia dall’imminente fallimento.

Fanny sente una stretta al cuore, non vuole assolutamente abbandonare quella donna. Parte, così da un giorno all’altro, armata di brillanti idee, speranza e buona volontà. Arrivata lì, niente sembra andare per il verso giusto. Un guaio dopo l’altro fanno vacillare la tranquillità della ragazza rendendola insicura. La frustrazione di Fanny sicuramente viene agevolata da profondi occhi color indaco che, rivolti solo a lei, diventano freddi e astiosi, disarmandola completamente. Gli occhi in questione appartengono a Ben, il nipote di Helsa.

Ben è un uomo alto e attraente, all’apparenza rude, che non ha nessuna intenzione di trasformare il ranch di famiglia in una enorme insegna al neon. Non considera, infatti, il lavoro della ragazza come un vero e proprio lavoro e non crede assolutamente che un paio di lucine e decorazioni, buttate li, possano attirare clienti e far riavviare la sua attività. Ma è necessario un solo sguardo con Fanny ed è attrazione. Un sorriso, ed è amore a prima vista. Da qui in poi, le circostanze porteranno i due ragazzi ad avvicinarsi inevitabilmente.

PERSONAGGI

In A Natale ti sposo troviamo due protagonisti molto simili per i loro vissuti o per il loro modo di pensare, ma che reagiscono alle cose ed esternano se stessi in modo completamente differente.

Fanny è davvero un bel personaggio. Ha il temperamento di una bambina, ma tutta al positivo. Ha tenuto con se tratti della fanciullezza che sono da apprezzare. Possiede una dolce ingenuità che la rende bella davvero agli occhi di chi la guarda. Si emoziona per il semplice delicato cadere della neve, o per la luce del tramonto dietro le montagne.

Sprizza creatività da tutti i pori. Quando si trova con Ben si sente più donna, prova una insicurezza adorabile, ed è titubante con lui non per mancanza di attrazione ma per paura di sbagliare. Per anni si è punita negandosi i semplici piaceri della vita. Ma non ne è consapevole fino a quando non ricomincia a vivere le piccole cose che si è persa nel tempo. Mentre ricomincia a conoscere se stessa, non sa che è stata un’esplosione di colori nella vita dell’uomo tenebroso.

Ben è un uomo sicuro di se stesso, almeno fino a prima di conoscere la ragazza. È autoritario e freddo. Segnato dal passato e ancorato ad esso. Vive in una casa con la mamma e la zia, nel quale per anni si è vissuto senza spensieratezza, si è respirata aria pesante e opprimente. Il suo cuore ricomincia a scaldarsi solo dopo l’arrivo di questa ragazza genuina. Ad entrambi manca qualcosa di fondamentale, ma lo scopriranno solo con il corso degli eventi. Mi hanno fatto sorridere le due donne della vita di Ben. Le chiocce di famiglia che giocano a far cupido.

La mancanza di un qualcosa in casa pian piano sembra cancellarsi. Non sanno che le cose si evolveranno al punto da ristabilire gli equilibri.

RECENSIONE

Ho iniziato a leggere A Natale ti sposo con grande curiosità. La trama mi ha attirato fin da subito, ha stuzzicato i miei sensi perché ho immaginato una storia movimentata di emozioni contrastanti odio/amore come quelli che piacciono tanto a me. Contrariamente a quello che mi aspettavo dalla trama, ho trovato in questo libro una storia molto soft, tranquilla.

Dolcezza infinita emerge da queste pagine, la magia del Natale è presente dall’inizio alla fine. Purtroppo, a causa dei miei gusti più diretti verso romanzi un po più “prepotenti”, non sono riuscita ad entrare a pieno nel libro, come sono solita fare, o ad immedesimarmi con i protagonisti. Il libro narra, escluso ovviamente il contorno del Natale che mi è piaciuto tantissimo, un amore a prima vista che si è alimentato col tempo e con situazioni favorevoli ad esso, nato tra due persone che inizialmente si respingono. Non sono riuscita a vedere il crescere di questo amore, non sono riuscita a cogliere il momento in cui hanno capito di essere innamorati.

Attenzione, l’autrice ne parla eccome, lo racconta in modo molto dettagliato, ma purtroppo non mi è arrivato. L’amore è emerso tra loro come se fosse automatico. Mi è sembrato, appunto, un raccontare di un amore di cui si è sentito parlare, più che un emozionare con questa storia d’amore. Lo stesso è accaduto leggendo le situazioni più spiacevoli, del tipo che non mi sono spaventata quando c’era da spaventarsi. Per farvi capire bene quello che intendo, dovrei proporvi qualche estratto dal libro, ma siccome questo mio parere è molto soggettivo, non ho intenzione di influenzarvi o rovinarvi la storia che andrete a leggere.

Nonostante ciò, il libro è stato carinissimo. Paradossalmente ho trovato più emozionante la passione della protagonista nei confronti del Natale che l’amore tra i due. L’atmosfera del libro è proprio quella che ognuno di noi vorrebbe vivere a Natale. Quella a cui vorrebbe credere e crogiolarcisi dentro, per sentirsi coccolato da emozioni che mancano da quando si è smesso di guardare il mondo con gli occhi di un bambino.

Una bella storia da leggere davanti al camino con tanto di cioccolata calda. Il linguaggio dell’autrice è semplice e fluido e ti permette di scorrere tranquillamente le pagine senza intoppi, a tratti anche spiritoso. Consiglio comunque di leggerlo perché è una piccola pillola di dolcezza che porterà un po di magia nel vostro Natale.

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami