Il mio splendido milgiore amico Book Cover Il mio splendido milgiore amico
Splintered
A.G. Howard
Fantasy
Newton Compton Editore
2015
Cartaceo
297

Alyssa Gardner riesce a sentire i sussurri dei fiori e degli insetti. Peccato che per lo stesso dono sua madre sia finita in un ospedale psichiatrico. Questa maledizione affligge la famiglia di Alyssa fin dai tempi della sua antenata Alice Liddell, colei che ha ispirato a Lewis Carroll il suo Alice nel Paese delle Meraviglie. Chissà, forse anche Alyssa è pazza, ma niente sembra ancora compromesso, almeno per ora, almeno fin quando riuscirà a ignorare quei sussurri. Quando la malattia mentale della madre peggiora improvvisamente, però, Alyssa scopre che quello che lei pensava fosse solo finzione è un’incredibile verità: il Paese delle Meraviglie esiste davvero, è molto più oscuro di come l’abbia dipinto Carroll e quasi tutti i personaggi sono in realtà perfidi e mostruosi. Per sopravvivere e per salvare sua madre da un crudele destino che non merita, Alyssa dovrà rimediare ai guai provocati da Alice e superare una serie di prove: prosciugare un oceano di lacrime, risvegliare i partecipanti a un tè soporifero, domare un feroce Serpente. Di chi potrà fidarsi? Di Jeb, il suo migliore amico, di cui è segretamente innamorata? Oppure dell’ambiguo e attraente Morpheus, la sua guida nel Paese delle Meraviglie?

Benvenuti lettori, oggi vi parlo del primo capito della Saga di A.C. Howard ambientato nel Paese delle meraviglie.

La storia

Alyssa Gardner è una giovane ragazza americana con discendenze inglesi. Una ragazza come migliaia nel suo paese, ma questa discendenza porta con se un’eredità che le altre ragazze non hanno. Lei è infatti in grado di parlare con gli insetti, dono ricevuto dalla madre, che attualmente è ricoverata da molti anni in una clinica psichiatrica e, le cicatrici che Alyssa porta sulle mani, ne sono il ricordo indelebile.

Basta che, affianco alla madre, si palesi un insetto per costringerla ad uno stato di pazzia che la porta a fare gesti inconsulti. E proprio dopo uno di questi, il padre sotto consiglio dei medici, accetta la proposta di una nuova cura, con l’elettroshock. Alyssa decide di trovare una soluzione e di dimostrare che la madre non è pazza e che la sua ossessione per Il Paese delle meraviglie non è tale.

Alyssa parte alla ricerca del Paese delle meraviglie grazie ad un amico d’infanzia che lei aveva quasi dimenticato Morfeo.

Sarà proprio questo giovane uomo alato, a guidarla nel Paese delle meraviglie, ma la guida diventerà pian piano un ricatto. A salvarla sarà colui che l’ha seguita nel suo folle viaggio, Jeb, il suo migliore amico.

La recensione

Se siete appassionati della storia originale, non potete perdervi questa rilettura. Molte linee guida rimangono le stesse, ma solo parzialmente. Se immaginate un Bianconiglio come quello che ci hanno propinato nei cartoni, bhè…ne rimarrete delusi! I personaggi sono gli stessi, le ambientazioni anche, ma sembra quasi che tutto sia stato lanciato per aria e messo insieme alla rinfusa. Questa potrebbe sembrare una caratteristica negativa, invece è tutto il contrario.

Chi mai vorrebbe leggere una ri-scrittura di un classico che ci ha accompagnati da bambini? Credo proprio nessuno e trovo alquanto splendida l’idea dell’autore di usare la storia a noi tanto cara come spunto per un’altra storia, quasi come una continuazione. Spesso infatti mi capita di chiedermi o di immaginare cosa ne è stato dei personaggi dei libri che ho amato e proprio in questo caso ne ottengo una risposta. Alyssa è la discendente della famosa Alice e deve affrontarne le conseguenze, conseguenze inimmaginabili.

Il personaggio che ho amato di più è Morfeo, l’ambiguità è la sua caratteristica principale. Ti ammalia, e cerca di entrarti in testa per soggiogarti e renderti una pedina nelle sue mani. Tu accetti e pur capendo il suo doppio-gioco non puoi fare a meno di farti sfiorare, di farti guardare e respirare il suo profumo. Tutto di lui ti punge la pelle e l’anima e non puoi che desiderare di essere sua.

La Saga

Una saga composta da 4 titoli:

  1. Il mio splendido migliore amico
  2. Tra le braccia di Morfeo
  3. Il segreto della regina rossa
  4. 6 cose impossibili

La saga vera e proprio è composta dai primi tre mentre l’ultimo volume è invece un’insieme di racconti.

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami