Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
la vita in piazza

Recensione: La vita in piazza di Maria Concetta Distefano

Dall'autrice di Le amiche del ventaglio, Maria Concetta Distefano, un nuovo romanzo, La vita in piazza, quasi un sequel, con le stesse caratteristiche di ironia e coralità.

Dopo l’esordio con Le amiche del Ventaglio, un racconto divertente che affronta con ironia i problemi femminili che si presentano a una certa età a causa della menopausa, Maria Concetta Distefano torna in libreria, già dal 31 Agosto 2019, con un altro romanzo dalle caratteristiche simili, La vita in piazza per le Edizioni Hogwords.

La vita in piazza è un romanzo facile, leggero e ironico che può definirsi corale, in quanto i veri protagonisti sono i personaggi che ruotano attorno a quella che dovrebbe essere la protagonista principale ovvero Irene, scrittrice caffeinomane, con il blocco dello scrittore, in cerca ispirazione. Scrivo “dovrebbe essere” non a caso, in quanto pur essendo il perno centrale sul quale gira tutta la storia, Irene ha intorno una nutrita serie di co-protagonisti con le loro piccole e grandi problematiche, parimenti importanti all’interno del racconto. Per questo definisco la storia corale, senza volere scomodare per niente il buon Verga, conterraneo della nostra autrice che di storie corali se ne intendeva parecchio. Logico e lapalissiano che non si possono associare gli scritti di un mostro sacro come Giovanni Verga a La vita in piazza di Maria Concetta Distefano: diversissime oltre che l’epoca con annessi e connessi, le tematiche, lo stile, la forma, però nel romanzo di Maria Concetta Distefano, il richiamo al gruppo di protagonisti le cui vite si incontrano, si parlano, si raccontano e in qualche modo si sostengono l’un l’altro, il tutto in un clima di conviviale amicizia, richiamano alla mente, pur se da molto lontano, i personaggi dei romanzi verghiani. Le vicissitudini dei protagonisti, ambientate a Torino, potrebbero avere svolgimento in qualsiasi altro luogo o piazza perché la varia umanità dei personaggi  è presente  in ogni città o paese.

La vita in piazza, Maria Concetta Distefano

Parlarsi , incontrarsi, aiutarsi a vicenda sono tutte azioni che fanno parte di una dimensione umana che non dovremmo mai perdere di vista…

La scorrevolezza e la facilità di lettura sono un’altra delle caratteristiche positive di La vita in piazza anche se devo dire di aver trovato ripetitiva la lunga narrazione dei fatti, sopratutto in alcuni punti: l’autrice si sofferma spesso a dare spiegazioni dettagliate di particolari che potrebbero essere omessi senza intaccare lo scorrere della storia, anzi a mio parere la renderebbero più fluida e snella e ancora più piacevole da leggere.  La bella vena ironica di Maria Concetta Distefano, di cui tutto il romanzo è piacevolmente infarcito, risalterebbe più evidente senza la ripetitività che, in diversi passaggi, appesantisce il romanzo. Altra peculiarità del romanzo sono le “spiegazioni” che l’autrice dà, in merito a varie usanze di diverse parti del mondo: tutto il libro ne è infarcito, personalmente, a volte, ho trovato che servissero soltanto ad “allungare il sugo”, così, per usare un’espressione poco letteraria ma che rende bene l’idea della spiegazione dettagliata, a mio avviso, superflua.

La  lettura, comunque, gradevole e ironica fa sorridere e offre spunti di riflessione: certo non conduce il lettore a porsi domande sui grandi temi della vita ma il riferimento ai piccoli gesti, alle minime cose del vivere quotidiano, ai problemi spiccioli di ogni giorno non sempre facili da gestire, alla solitudine che nel libro si risolve in una sorta di “volemose bene” generale (magari fosse davvero così nella vita reale!) al rapporto con gli animali domestici, presentissimi in tutta la storia, costituiscono la vita realmente vissuta con le sue relazioni a volte facili, altre volte no… peccato che manca nella vita di ciascuno una Irene- angelo come quella di La vita in piazza.

 La vita è forse una serie di coincidenze il cui nesso profondo ci sfugge, se ce n’è uno, almeno.

Quella che hai letto sopra è una piccola perla di saggezza di cui il romanzo è ricchissimo: caratteristica questa che induce alla riflessione, al di là della piacevolezza della lettura. Pensieri spiccioli, è vero, ma che permettono al lettore di meditare su queste piccole verità che sembrano buttate lì per caso, quasi “en passant” ma che probabilmente sono frutto della maturità di pensiero dell’autrice: […] come in tutte le cose ci sono verità di superficie e realtà nascoste. Atteggiamenti visibili e invisibili sofferenze, fiori e radici. 

Un romanzo di buoni sentimenti, in cui i protagonisti fanno a gara nell’aiutarsi, nell’essere solidali e nel sostenersi vicendevolmente: realtà o desiderio dell’autrice?

 

le amiche del ventaglioMaria Concetta Distefano è siciliana, nata a Ragusa ma vive a Torino. Ha insegnato inglese per circa trent’anni ed è da poco in pensione anticipata, per dedicarsi esclusivamente alla sua grande passione, la scrittura. La conoscenza della lingua inglese è servita alla nostra autrice, in passato, alla traduzione di gialli editi da Mondadori e di romanzi rosa dell’Editoriale Corno. Ha collaborato e collabora con varie riviste che ospitano i suoi scritti, presenti anche in svariate antologie letterarie. La sua prima pubblicazione nell’aprile 2017, Edizioni Hogwords, Le amiche del ventaglio, racconta di un gruppo di amiche e delle loro vicissitudini legate ad un’età particolare, la menopausa. La vita in piazza è il suo secondo romanzo che può considerarsi il sequel del primo.  Di se stessa afferma: l’autoironia credo che essa sia importantissima! Fondamentale! Secondo me, il non prendersi mai troppo sul serio, il vedersi sempre come dall’esterno, il ricordarsi che siamo persone fallibili, con pregi e difetti, utili ma non indispensabili… be’, questo modo di sentire la vita aiuta a rendere l’esistenza più sopportabile anche nei momenti più bui.

5 1 voto
Voto iCrewers

La  lettura, gradevole e ironica fa sorridere e offre spunti di riflessione: certo non conduce il lettore a porsi domande sui grandi temi della vita ma il riferimento ai piccoli gesti, alle minime cose del vivere quotidiano, ai problemi spiccioli di ogni giorno non sempre facili da gestire, alla solitudine che nel libro si risolve in una sorta di “volemose bene” generale (magari fosse davvero così nella vita reale!) al rapporto con gli animali domestici, presentissimi in tutta la storia, costituiscono la vita realmente vissuta con le sue relazioni a volte facili, altre volte no… peccato che manca nella vita di ciascuno una Irene- angelo come quella di La vita in piazza.
Un romanzo di buoni sentimenti, in cui i protagonisti fanno a gara nell’aiutarsi, nell’essere solidali e nel sostenersi vicendevolmente: realtà o desiderio dell’autrice?

Altre recensioni

Sottoscrivi
Notificami
guest
2 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti
Maria Concetta Distefano
Maria Concetta Distefano
1 anno fa
Voto iCrewers :
     

Grazie per la recensione che ha colto il messaggio/nocciolo del romanzo. Terrò conto degli appunti e cercherò di limitare le spiegazioni in pagine future. Forse esse sono il retaggio dei trenta e “pussa” anni passati a fare l’insegnante. Once a teacher for ever a teacher, ma… Irene ce la può fare!
Thank U!

Pina Sutera
Pina Sutera
1 anno fa

Sono contenta di aver colto il messaggio.
Auguri teacher per le prossime ‘fatiche letterarie’ che, sicuramente, avremo il piacere di leggere. Irene la farà di sicuro, ha la “tigna giusta”
Grazie a te.

Scelti dalla redazione

26 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
+1