Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Il quaderno del lupo

Recensione: Il quaderno del lupo di Paolo Mosca

Il quaderno del lupo: per risolvere i problemi senza stress

Caro Lettore, la mia ultima lettura è stata molto breve ma davvero intensa. Si tratta di Il quaderno del lupo. Come risolvere i problemi senza stress di Paolo Mosca.

Il quaderno del lupo

L’idea del quaderno, quindi il fatto di avere dello spazio per scrivere, è molto carina, ma ancora più interessante è la divisione di questo quaderno in soluzioni ed esercizi.

L’autore infatti illustra il suo metodo per risolvere i problemi suddividendolo in diciotto soluzioni e ti invita a riflettere su ogni soluzione proposta attraverso un esercizio.

Le soluzioni sono spiegate in maniera molto sintetica, senza troppi giri di parole.

Il quaderno del lupo: cosa mi è piaciuto?

Di questo quaderno ho apprezzato molto il suo essere essenziale, schematico, pronto all’uso.

E’ interessante anche il titolo, Il quaderno del lupo. Il lupo è un animale che nelle favole incarna il cattivo, il male che sfida il bene e lo mette davanti alle sue paure.

Ed è ciò che propongono anche le soluzioni di questo libro che ti invitano a dare ai problemi la giusta importanza, senza sopravvalutarli né sottovalutarli, solo darsi il tempo di guardarli e affrontarli con coraggio e anche un po’ di creatività.

Ci sono anche diversi consigli di lettura e citazioni, oltre alle frasi a tema molto carine.

Forse sugli esercizi avrei speso qualche parola in più, magari inserendo più alternative. In ogni caso, a parte qualche eccezione, sono semplici e facilmente attuabili.

Questa lettura è arrivata per me in un momento perfetto: pensavo di avere un problema, ma dopo aver letto Il quaderno del lupo ho capito che in realtà non lo era.

“Spesso quelli che chiamiamo problemi non sono altro che occasioni, così come lo sono le crisi esistenziali che i problemi possono portare nella tua vita.

Il problema è soprattutto un mezzo per conoscersi, per portare alla luce parti di noi stessi che dormono in un angolo.

Il problema è una frattura egoica: il nostro ego viene messo alla prova, forzato a uscire da quella che i coach chiamano “zona di comfort”. Ecco che quindi il problema porta necessariamente con sé della positività”

Non posso che consigliarlo a tutti coloro che si trovano spesso in preda alla disperazione davanti ai problemi che giornalmente affollano la nostra testa.

Un piccolo libro ma di spessore che attraverso un linguaggio semplice e diretto ti invita a guardare i problemi da un’altra prospettiva.

Altre recensioni

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0