grande panda e piccolo drago james norbury rizzoli

Recensione: Grande Panda e Piccolo Drago di James Norbury

"Grande Panda e Piccolo Drago" di James Norbury è davvero un libro per bambini?

Tabella dei Contenuti

Grande Panda e Piccolo Drago di James Norbury è un libro inaspettato, e proprio per questo prezioso. Rizzoli – casa editrice che l’ha pubblicato – lo indica come lettura indicata a partire dai dieci anni, ed è proprio nella sezione per i più piccoli che l’ho trovato.

Ammetto di averlo acquistato d’impulso, attirata dal titolo e dalla cover (soprattutto perchè ultimamente sembra proprio che io abbia sviluppato una nuova dipendenza da albi illustrati e simili), ma mi è bastato sfogliare qualche pagina per rendermi consto di una cosa: non sono così certa che la collocazione nel reparto under dodici sia la più adeguata. E ora cercherò di spiegarti perchè – oltre a illustrarti i vari modi in cui il libro di James Norbury mi ha fatto commuovere.

La mia recensione di Grande Panda e Piccolo Drago di James Norbury

grande panda e piccolo drago james norbury rizzoliGià il titolo è tutto un programma: il drago, che viene spontaneo immaginare imponente, con le spire che si perdono tra le nuvole, è invece un esserino striminzito, che non dev’essere uscito dall’uovo molto tempo fa. Il panda, invece, che in potrebbe essere rotondino e coccoloso (simile a Po, il protagonista di Kung Fu Panda, nelle scene in cui lo mostrano da cucciolo), è invece il più possente dei due.

L’amicizia di Grande Panda e Piccolo Drago nasce in un giorno di primavera, quando i boccioli dei fiori iniziano a sbocciare e l’aria profuma di promesse. I due decidono d’intraprendere insieme un viaggio, che li porterà a esplorare le stagioni, a cercare tutti gli usi possibili di una foglia, ad assaporare tazze di tè fumante e a fermarsi ad ascoltare la pioggia. Ed è proprio nella narrazione di questo loro viaggio, che le cose si fanno complicate. Perchè Grande Panda e Piccolo Drago non parlano in prosa, e nemmeno in rima.

La loro crescita, la loro amicizia, il loro essere… tutto è descritto da brevi pensieri, quasi delle massime o degli aforismi, che catturano il momento e la sensazione che i due protagonisti vogliono portare all’attenzione del lettore. Anche per questo, non condivido pienamente la scelta di categorizzarlo come un libro per bambini. O meglio, non solo per loro. Perchè per quanto le illustrazioni siano tenere e delicate – ci torneremo poi – ho qualche dubbio che un bimbo o una bimba di dieci anni possano cogliere fino in fondo il peso e l’importanza di parole come

<<Se faccio pensieri brutti sono una brutta persona?>> chiese Piccolo Drago

<<No.>> disse Grande Panda <<Le onde non sono l’oceano. I pensieri non sono la mente.>>

o meglio, voglio sperare che abbia davanti almeno un altro paio d’anni, prima di cominciare a rimuginarci su, è più probabile che tocchino più profondamente un adolescente o un adulto.

grande panda e piccolo drago james norbury rizzoliLe battute che James Norbury fa pronunciare a questi due personaggi sono a volte malinconiche, altre speranzose; capita che guardino al futuro, o che incoraggino a concentrarsi sul presente; che siano dialoghi o pensieri. Ciò che però non manca mai è l’equilibrio: a ogni frase sconsolata, depressa o troppo autocritica segue una controparte positiva, pacata, che riporta i piatti della bilancia allo stesso livello.

E così, leggendo di Grande Panda e Piccolo Drago che ammirano giardini e fanno pupazzi di neve, ci si trova a riflettere sulla vita, sul nostro modo di viverla, sull’importanza di essere gentili con gli altri, ma anche con se stessi. Sul fatto che non per forza gli errori sono un male, anzi, sono passi necessari per crescere. Che prendersi un giorno di pausa per respirare non è il male, ma una necessità. Insomma, non mi vergogno di dire di aver passato buona parte della lettura con gli occhi luci. Credo che alcune pagine siano arrivate proprio al momento giusto.

Ho apprezzato davvero molto la postfazione, in cui James Norbury spiega la genesi di questo volume, il motivo che l’ha spinto, durante i primi mesi della pandemia, a cercare di creare un libro che incanalasse alcuni insegnamenti del Buddhismo, e che potesse portare conforto e pace a chi ne necessitava.

E ora è giunto il momento di parlare dell’altro, enorme pregio di Grande Panda e Piccolo Drago: le illustrazioni. Dolcissime, delicate, toccanti; senza di esse credo che la lettura non avrebbe avuto nemmeno minimamente lo stesso effetto. I tratti spessi, a volte grossolani e la prevalenza della scala di grigi – anche se sarebbe meglio dire, “bianco e varie gradazioni di nero diluito” – richiamano lo stile di pittura tradizionale cinese, o il sumi-e giapponese. Le rappresentazioni a colori, più rare, giungono inaspettatamente, come un dono.

grande panda e piccolo drago james norbury rizzoliCiò che è più importante, però, è il contributo che le illustrazioni danno alla flusso della narrazione: essendo il testo composto da brevi frasi, non c’è spazio per definire il contesto attraverso le parole. Questo compito passa allora al pennello. Quindi, sebbene ci sia qualche imprecisione culturale – il panda è un animale tipicamente cinese, mentre viene disegnato un paio di volte quello che sembra un toori, ossia il portone che segna l’ingresso ai santuari shintoisti giapponesi – ma ciò non toglie che senza di esse l’opera non avrebbe la stessa forza.

Alla luce di tutto ciò che ho scritto fin’ora, mi sento di consigliare Grande Panda e Piccolo Drago di James Norbury non tanto a un pubblico nell’età dell’infanzia, quanto piuttosto a chi cerca un modo dolce di riflettere, senza prendere a pugni frontalmente i problemi, ma guardandoli da ogni prospettiva, prima di prendere qualsiasi decisione.

0 0 voti
Voto iCrewers

Grande Panda e Piccolo Drago di James Norbury è il libro presfetto da aprire e sfogliare quando si desidera un spunto di riflessione, oppure un modo diverso per affrontare i problemi che offuscano la nostra mente.

"Grande Panda e Piccolo Drago" di James Norbury potrebbe essere il libro giusto per te?

Cristina Speggiorin
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti
0
In iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI