Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
boccioli di rose

Recensione: di Boccioli di rose di Maria Cristina Pizzuto

Boccioli di rose. Diario di un’anoressica. Perché l’anima di ciascuno di noi è un delicato fiore

Ho iniziato questa recensione del romanzo breve di Maria Cristina Pizzuto con il suo titolo per esteso. Romanzo o diario o racconto o biografia…

Maria Cristina Pizzuto ci introduce nel mondo dell’anoressia con 84 pagine di cui la metà è data solo da una frase. Mi spiace ma non si più ridurre a così poco un problema così grande. Io non voglio entrare nel merito di ciò che l’autrice sa di questa grave malattia, ma posso constatare che con questo libro trascura così tante sfaccettature che non è per nulla corretto.

Avere una malattia di questo tipo è combattere ogni giorno contro se stessi e cercare di rialzarsi solo quanto ci si rende conto di aver toccato il fondo e non quando lo si è toccato. Non ci si può permettere di dare dei consigli se non si è un medico specializzato in questo genere di problematiche, che eufemismo è una malattia e anche grave, e non si può farlo nemmeno se si è stati ammalati, nemmeno se la persona più cara a noi è ammalata, nemmeno se ammalati lo siamo noi. Tutto questo perchè è un male così subdolo che si presenta in ognuno in modi diversi e scatenato dalle cause più disparate.

Tornando al libro in quanto scritto: nessun tipo di errore, scorrevole, ma troppo troppo limitato. troppo breve per mettere riflessioni, pensieri sparsi, emozioni, consigli e racconti di vita.

 

0 0 voto
Voto iCrewers

Potrebbe interessarti...

Speciale

Sport in book Tokio 2020 Two is better than one

Invisibili. Come il nostro mondo ignora le donne in ogni campo. Dati alla mano.

F(t)E(a)M: la nuova rubrica tutta sul femminismo ma non solo per le donne

Speciale

#ioleggoperché: ritorna l’iniziativa che fa crescere le biblioteche scolastiche

Il giro del mondo in 80 giorni

Spazio ai classici: partiamo con Jules Verne per fare Il giro del mondo in ottanta giorni

La caduta del re

Autori in tasca: Johannes V. Jensen, nobel per la letteratura nel 1944

Elfinger, sopra e sotto

Elfinger, sopra e sotto di Dab Ray – Recensione

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0