0

0

Il mondo che vogliamo: recensione del libro di Carola Rackete del 2019

La recensione del libro di Carola Rackete del 2019, ma dalla tematica sempre attuale

il libro di carola rackete
4/5
0

0

  • Cover reveal: Hot in kilt di Michela Piazza e Pamela Boiocchi sarà pubblicato alle 12:00 del 28.09
  • Recensione: Non essere cattiva, di S. E. Lynes, Newton Compton editori sarà pubblicato alle 14:00 del 28.09
  • Cover reveal: Hot in kilt di Michela Piazza e Pamela Boiocchi sarà pubblicato alle 12:00 del 28.09
  • Recensione: Non essere cattiva, di S. E. Lynes, Newton Compton editori sarà pubblicato alle 14:00 del 28.09
4/5

Il libro di Carola Rackete del 2019, la recensione

Caro iCrewer, come ti avevo accennato nel precedente articolo, sono oggi a raccontarti l’esperienza di lettura del libro scritto dalla nota capitana (ma lei ama farsi chiamare “Capitano”) della Sea Watch, la nave privata che solca le acque del Mediterraneo per salvare chiunque abbia bisogno di soccorsi.

Perché ho letto il libro di Carola Rackete

Mi avevano colpito le offese di basso livello apparse sul social Facebook riguardo all’autrice del libro, tra l’altro non tanto come scrittrice ma semplicemente perché donna, o comunque perché personaggio molto discusso. Non mi ero interessata più di tanto alla questione che esplose nel 2019 riguardo al flusso migratorio divenuto chiaramente insostenibile, ma ho voluto analizzare Carola Rackete come persona che ha raccontato le sue esperienze e voluto dire la sua, quantomeno per capire cosa avesse spinto tante persone a criticarla. Magari senza nemmeno aver letto la sua opera.

La cover

il libro di carola racketeLa copertina de Il mondo che vogliamo mi piace molto: guardo l’espressione di Carola e in essa vi trovo molte sfaccettature. Un po’ di sfrontatezza, un amaro sorriso, ma anche sicurezza di ciò che si è, di cosa si vuole. Il suo volto, analizzato e autoptizzato in ogni infimo modo possibile, ti sta dicendo semplicemente: “io sono questa persona e sono fiera di me, che ti piaccia o no“.

Analisi del testo e dei contenuti

Se si va oltre la mera vicenda dei profughi bloccati per diversi giorni in mare a bordo della Sea Watch per motivi politici, si affronta la lettura semplicemente per quello che è: un personale punto di vista su determinati fatti e, cosa da non sottovalutare, una visione globale di ciò che sta accadendo a livello mondiale, in ambito socio-geo-politico e anche etico. Già solo per questo, posso dire che il libro di Carola Rackete è un volume da prendere in considerazione, per aggiungere un punto di vista al proprio e accrescere determinate consapevolezze.

Carola parla in prima persona e comincia il racconto partendo sì dagli eventi legati all’affaire politico europeo che ha segnato l’estate del 2019, ma con abili flashback ci riporta e ci informa anche su gran parte di quella che è stata la sua vita, la sua formazione, le sue esperienze in campo sia navale che umano. I discorsi sono costruiti bene e il testo scorre in maniera fluida, scandito da momenti di riflessione alternati a paragrafi informativi più tecnici.

Ciò che emerge sopra a tutto è la volontà di lanciare un messaggio: “cercate di capire fino in fondo il senso dell’immigrazione odierna“, pare voglia costantemente ribadire Carola. Perché si fa presto a dire “aiutateli a casa loro”, oppure “sono tutti uomini grandi e grossi e col cellulare in mano, quelli che sbarcano e invadono l’Italia”, ma la realtà è che la questione non è tutta qui. Proprio per niente.

Il libro di Carola Rackete mi riporta ad altri volumi, soprattutto un paio di Jonathan Safran Foer: Se niente importa e Possiamo salvare il mondo prima di cena. Perché il mondo siamo noi: Ecco, una sorta di estremo avvertimento, di ultimatum, un grido d’aiuto, una goccia in un oceano di interessi economici, politiche dittatoriali, capitalismo estremo e impoverimento culturale generalizzato.

Verrà il secolo in cui l’uomo scoprirà forze potenti nella Natura
GIORDANO BRUNO

In conclusione su

Do 4 stelle a questo testo non tanto perché condivido al 100% tutto ciò che vi è scritto ma perché è scritto bene e può servire ad aggiungere un ulteriore punto di vista e permettere di non soffermarsi alle prime impressioni

4

Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti
0
In iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x

Do 4 stelle a questo testo non tanto perché condivido al 100% tutto ciò che vi è scritto ma perché è scritto bene e può servire ad aggiungere un ulteriore punto di vista e permettere di non soffermarsi alle prime impressioni

4

0