Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Abbiamo un bacio in sospeso (io e te)

Recensione: Abbiamo un bacio in sospeso (io e te) di Riccardo Bertoldi

Una storia d'amore che profuma di freschezza ambientata tra Verona e Napoli

Abbiamo un bacio in sospeso (io e te) è un bel libro.

Una piacevole lettura che, senza volerlo, ho concluso proprio a pochi giorni da San Valentino e in concomitanza con l’uscita del nuovo romanzo di questo giovane autore, Riccardo Bertoldi, che, anche grazie a un buon utilizzo dei social network, si sta ritagliando un bel posto nel panorama letterario italiano.

Prima di condividere con te le mie emozioni figlie della lettura, vorrei raccontarti come sono arrivato a questo libro, che, per completezza di informazione, è uscito più o meno un anno fa per Rizzoli.

Ci sono amiche che ti conoscono davvero bene, che sanno quanto sia evidente la tua voglia di sognare e di tuffarti in storie che si basano sull’amore e, di conseguenza, sanno su quali corde spingere quando ti fanno un regalo. Una di loro si è presentata a Natale con Abbiamo un bacio in sospeso dichiarandosi certa che si trattasse di una lettura che avrei molto apprezzato. Non solo, nel pacco regalo, c’era anche un vasetto confezionato in casa con all’interno un pugno di conchiglie raccolte direttamente dalla spiaggia di Cesenatico, uno dei miei posti preferiti, a cui sono molto legato.

Detto che con un regalo del genere si è assicurata per molto altro tempo la palma di supersuperamicissima, questo aneddoto, o meglio, questo racconto di come sono arrivato a questa lettura, potrebbe essere tranquillamente un pezzo di storia che si legge in un libro come quello di Bertoldi. Ovvero, l’elogio dei piccoli gesti che rendono l’amore un’emozione difficile da descrivere a parole. E per me questo vale anche con l’amicizia.

Abbiamo un bacio in sospeso (io e te) di Riccardo Bertoldi

Come detto, Abbiamo un bacio in sospeso (io e te) è un libro che si è fatto leggere con tanto piacere. Con una trama che si sviluppa bene attraverso una scrittura essenziale che non divaga e non gira mai intorno alle cose. Scorrevole ed emozionante.

Abbiamo un bacio in sospeso (io e te)

Una storia itinerante che parte da Milano e poi si sviluppa tra Verona e Napoli, città che fanno da sfondo –  e a mio avviso lo fanno bene, senza essere per nulla invadenti – alla nascita di un amore che fa davvero sognare. Amore che travolge i due protagonisti, Leonardo e Sara, ben caratterizzati dall’autore.

La storia è scritta in prima persona da Leo: la bravura di Bertoldi è quella di farcelo conoscere attraverso i suoi pensieri, le sue azioni e i suoi sentimenti; non solo, attraverso una scrittura generosa di emozioni, l’autore riesce anche a far immedesimare il lettore nel protagonista. Almeno così è stato per me. Perché è vero che io sono un po’ in là con gli anni per poter accogliere a pieno l’entusiasmo di un amore giovanile, ma è anche vero che nel mio passato ci sono state occasioni in cui sono capitate storie tipo quella narrata in Abbiamo un bacio in sospeso.

Provo a riassumerla, stando attento a non fare spoiler: Leonardo, fotografo trentenne, esce da una relazione logora, una convivenza milanese finita male e decide così di tornare a casa, a Verona, per ricominciare una nuova vita. Recupera il vecchio giro di amici, si mette in proprio e dedica del tempo a sé stesso chiudendo le porte a ogni nuovo tipo di relazione sentimentale. Si mette sulla difensiva, per intenderci.

Succede che nel tragitto che fa ogni mattina per andare in ufficio, sul treno, nota una ragazza che quotidianamente si siede nello stesso posto: molto carina e intenta a scrivere parole su un diario. I due sembrano scambiarsi sguardi, giorno dopo giorno, finché lui decide di fare la prima mossa. O almeno crede. Inizia così un divertente rincorrersi che li porterà a innamorarsi. Ma l’amore si sa, mica è sempre semplice, e così i due saranno costretti a dividersi dopo pochi giorni perché lei dovrà tornare d’urgenza a Napoli, città in cui vivono i genitori.

Il resto lo lascio a te, caro iCrewer, nel caso ti interessasse leggere questo libro. A mio avviso, nel caso tu fossi molto giovane, caro lettore, sarebbe un titolo ideale da regalare alla tua fidanzata o fidanzato, che dir si voglia.

Perché batto il chiodo sulla questione anagrafica? Perché durante la lettura mi sono più volte chiesto se io, poco più che quarantenne, non fossi troppo vecchio per storie come questa. Ma l’amore ha età? Cambia o evolve diventando grandi? Una riflessione sul tema c’è anche nel testo, non proprio in questi termini, ma messa sotto forma di amore che travolge il cuore e amore ragionato. Sarà che crescendo si sviluppa più l’amore sostenuto dalla ragione che quello sostenuto dalle farfalle?

amore

Certo è che io, una storia come quella di Leonardo e Sara, la vorrei vivere anche a ottanta anni, conscio però del fatto che il rischio di essere fuori tempo massimo sarebbe lì, da toccare nell’aria. Sono storie queste, fatte di piccoli gesti e decisioni che possono stravolgere la vita, adatte ai ragazzi che hanno ancora tutta la voglia di vivere sull’onda dei sogni e delle emozioni.

 

Anche se, mi sento di dire, caro iCrewer, andasse al diavolo la carta d’identità e ben venga un amore travolgente anche in età adulta. Non è mai troppo tardi per amare e per innamorarsi. E per, come nel mio caso, rinnovare e rinvigorire l’amore per la compagna che si è scelta per il cammino della vita. Siamo sempre in tempo per essere felici.

Tornando al libro, perché altrimenti vado fuori tema, ho molto apprezzato anche le pagine dedicate al rapporto che Leo ha con il padre. Sono state per me le più emozionanti. Quelle che mi hanno fatto vibrare l’anima. È stata una bella scelta, da parte di Riccardo Bertoldi, quella di completare il personaggio Leonardo mettendolo al cospetto del padre e, in secondo luogo, anche inserendolo all’interno di un gruppo di amici. L’autore così è uscito dal banale e dallo scontato di un libro che narra una storia d’amore. C’è molto di più, molto, molto di più.

Abbiamo un bacio in sospeso è un libro che consiglio. Per te stesso, ma anche da regalare a una persona per cui provi molto affetto. È una storia che fa star bene e che regala emozioni positive, proprio quelle che in questo momento vengono recepite più volentieri di altre. Scritto bene, con tanti spunti di riflessione e tanta magia creata attorno a una straordinaria storia d’innamoramento e di amore. Se sei una persona che sogna a ogni battito del cuore, questo è il libro adatto per te.

0 0 voto
Voto iCrewers

Abbiamo un bacio in sospeso è un libro che consiglio. Per te stesso ma anche da regalare a una persona per cui provi molto affetto. È una storia che fa star bene e che regala emozioni positive, proprio quelle che in questo momento vengono recepite più volentieri di altre. Scritto bene, con tanti spunti di riflessione e tanta magia creata attorno a una straordinaria storia d’innamoramento e di amore. Se sei una persona che sogna a ogni battito del cuore, questo è il libro adatto per te.

Altre recensioni

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

26 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0