Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Presentati a Benevento i candidati al Premio Strega

 

Il premio  Strega, giunto ormai alla edizione nr.72, è il concorso letterario più prestigioso in Italia, ma ha fama internazionale.

Nacque nel 1947, da un’idea di Maria Bellonci e di Guido Alberti, il proprietario della omonima azienda dolciaria, che produce il liquore Strega che dà appunto il nome al premio. L’azienda ha la sua sede di produzione storica nella città di Benevento, che proprio con la leggenda legata ai miti di stregoneria ha ispirato il nome del liquore: da qualche anno, per sottolineare il  forte legame tra la città e la Strega, il premio fa tappa anche in città.

La proclamazione del vincitore si tiene a Roma, nella storica location di Villa Giulia, secondo la tradizione il primo giovedì del mese di luglio. Più o meno un mese prima, a Benevento, la città in cui appunto il liquore Strega viene prodotto, si tiene una serata con la presentazione delle dodici opere finaliste e degli autori.

Nel 2017, la presentazione ha avuto una suggestiva cornice: si è svolta all’aperto e ha avuto come sfondo il magnifico Arco di Traiano, monumento risalente addirittura al I secolo d.c., costruito in onore dell’imperatore  Traiano in occasione dell’inaugurazione della via Traiana.

Nel 2018, la serata si è svolta invece al chiuso, tra le mura del Cinema S.Marco, situato nelle vicinanze dell’arco, e che proprio in questi giorni è stato riaperto al pubblico: sarà l’unico cinema in città, oltre alle due multisala, ed ospiterà una prestigiosa rassegna cinematografica. La città ha tradizioni culturali prestigiose ed anche per questo ben noto legame tra Benevento e l’arte che Alberti ha voluto omaggiare con una tappa del premio. La manifestazione si è svolta il 7 giugno ed è stata presentata da Gigi Marzullo, con intervalli musicali regalati dagli allievi del conservatorio N. Sala.

Questi sono i dodici semifinalisti del premio:

Marco Balzano, Resto qui, Einaudi

Carlo Carabba, Come un giovane uomo, Marsilio

Carlo D’amicis, Il gioco, Mondadori

Silvia Ferreri, La madre di Eva, NEO Edizioni

Helena Janeczeck, La ragazza con la Leica, Guanda

Lia Levi, Questa sera è già domani, Edizioni E/O

Elvis Malaj, Dal tuo terrazzo si vede casa mia, Racconti Edizioni

Francesca Melandri, Sangue giusto, Rizzoli

Angela Nanetti, Il figlio prediletto, Neri Pozza

Sandra Petrignani, La corsara. Ritratto di Natalia Ginzburg, Neri pozza

Andrea Pomella, Anni luce, ADD Editore

Yari Selvetella, Le stanze dell’Addio, Bompiani.

I dodici semifinalisti subiranno una ulteriore scrematura, fino a restare in cinque a contendersi l’ambito premio. Ricordiamo che il primo vincitore è stato Ennio Flaiano  e che altri titolo famosi sono segnati nell’albo dei vincitori, come Il nome della rosa, Il gattopardo , Caos calmo La solitudine dei numeri primi.

 

0 0 voto
Voto iCrewers

Potrebbe interessarti...

Orgoglio e pregiudizio

Spazio ai classici: Cos’è un grande classico e cosa no?

Speciale

Festival Romance Italiano 2022: le case editrici

Un impero in rovina

Novità in libreria: Un impero in rovina di Mitchell Hogan

Le parole che vorrei saperti dire

Lifestyle: Julia Elle e la straordinarietà di essere madri

Speciale

Le novità di Baldini e Castoldi Edizioni per settembre 2021

Break me down

Novità in libreria: Break me down di Alice Marcotti

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

26 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0