Non chiamarmi Lolita Book Cover Non chiamarmi Lolita
Irene LeGentil
Romanzo
Literary Romance
18 settembre 2019
ebook, cartaceo

Alana Portinari ha un unico grande sogno: vincere ai campionati nazionali di ginnastica ritmica.

Coltiva questa disciplina fin da bambina sennonché, a causa della prematura morte della madre e per un infortunio che la allontana dal podio delle gare, la sua carriera subisce un arresto.
Decisa a rimettersi in gioco, è costretta a lavorare di notte per pagarsi la retta dell’esclusiva palestra in cui si allena e, sotto mentite spoglie diventa la provocante ballerina Lolita di un night club. Qui incontra Derrick, atleta di fama mondiale, con cui inizia una relazione. Ma lui è anche il suo nuovo coach e le cose non vanno come dovrebbero.
Mentre il campionato si avvicina, Alana dovrà far chiarezza in se stessa prima di tutto, dovrà imparare ad acquisire fiducia verso il prossimo e capire se sarà all’altezza del proprio obiettivo: vincere la Nazionale con le sue uniche forze, la tenacia e la determinazione.

Alana e Lolita nemiche amatissime

Quando ho visto la cover di questo libro di Irene LeGentil mi sono detta: devo leggerlo. Una ginnasta sulla copertina mi ha proiettato in un mondo che conosco anche se lo sfondo della cover mi lascia qualche dubbio… e anche l’atleta.

La trama poteva risultare banale se si fosse sviluppata la solita storia d’amore tra atleti ed altrettanto scontata se basata sulle rivalità, invece l’autrice è riuscita a far convergere diversi eventi in modo semplice e senza voli pindarici, rendendo la lettura intrigante e sempre scorrevole.

Alana è la ginnasta protagonista indiscussa di tutto il romanzo, ma è anche figlia, ragazza, amica. Alana è soprattutto sola. La solitudine di questa ragazza traspare dalle descrizioni che ne vengono fatte: i suoi atteggiamenti, le scelte obbligate, le parole non dette sono indice del suo stato d’animo. Sarà proprio la presa di coscienza di chi lei sia a farle alzare la voce e riprendersi il suo posto nel mondo.

Coprotagonista è Derrick, opposto ad Alana sia per il vissuto che caratterialmente, sarà la sua ancora di salvezza. Abilmente Irene LeGentil si sofferma sulle caratteristiche fisiche del coach per far ruotare attorno a lui le altre figure femminili e sminuirle in quanto attratte solo dall’esteriorità. Carattere forte e deciso, così come un vero allenatore deve essere, riuscirà ad arrivare al suo obiettivo professionale.

Ho trovato molto ben descritte le atmosfere che si creavano nei vari ambienti, il pathos di alcuni momenti lo si sente mentre si legge; le emozioni emergono prepotentemente e ti incollano alle scene descritte. Forse avrei insistito di più con le descrizioni degli ambienti, mi spiego: che l’appartamento di Marco sia lussuoso lo possiamo capire da alcuni elementi ma forse qualche particolare in più avrebbe aiutato. Milano poteva essere lo spunto per descrivere in modo più approfondito la differenza tra i vari quartieri e quello che ci si svolge.

In tutto questo ti chiederai: e Lolita? Lolita non c’è più, grazie al coraggio, a una vita ritrovata, a nuove scelte e consapevolezze.

Perché non cinque stelle? Perché le avrei date se non avessi letto l’epilogo:troppo scontato. Fermarsi una pagina prima avrebbe lasciato al lettore la possibilità di immaginare.

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami