Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
citta sommersa marta barone

Novità in libreria: Città sommersa di Marta Barone

Marta Barone, con il suo romanzo Città sommersa, ci porta nella Torino degli anni ’70, alla scoperta della città e di un padre quasi sconosciuto

È nato un giorno di dicembre di sei anni fa, per puro caso; ha preso la sua forma definitiva un anno e mezzo fa, quando ho visto improvvisamente come dare forma a tutto il materiale che avevo raccolto negli anni. Il bambino che si intravede tra le righe è mio padre e questa è la sua storia”. Così Marta Barone presenta il suo romanzo, Città sommersa, arrivato in libreria l’8 gennaio.

Vediamo la sinossi ufficiale

Il ragazzo corre nella notte d’inverno, sotto la pioggia, scalzo, coperto di sangue non suo. Chiamiamolo L.B. e avviciniamoci a lui attraverso gli anni e gli eventi che conducono a quella notte. A guidarci è la voce di una giovane donna brusca, solitaria, appassionata di letteratura, e questo romanzo è memoria e cronaca del confronto con la scomparsa del padre, con ciò che è rimasto di un legame quasi felice nell’infanzia felice da figlia di genitori separati, poi fatalmente spinoso, e con la tardiva scoperta della vicenda giudiziaria che l’ha visto protagonista. Chi era quello sconosciuto, L.B., il giovane sempre dalla parte dei vinti, il medico operaio sempre alle prese con qualcuno da salvare, condannato al carcere per partecipazione a banda armata? E perché di quel tempo – anni prima della nascita dell’unica figlia – non ha mai voluto parlare? Testimonianze, archivi e faldoni, ricordi, rivelazioni lentamente compongono, come lastre mescolate di una lanterna magica, il ritratto di una persona complicata e contraddittoria che ha abitato un’epoca complicata e contraddittoria. Torino è il fondale della lotta politica quotidiana con le sue fatiche e le sue gioie, della rabbia, della speranza e del dolore, infine della violenza che dovrebbe assicurare la nascita di un avvenire radioso e invece fa implodere il sogno del mondo nuovo generando delusione e rovina. Il romanzo di un uomo, delle sue famiglie, delle sue appartenenze, la sua vita visitata con amore e pudore da una figlia per la quale il mondo si misura e si costruisce attraverso la parola letta e scritta.

Un libro che ha tutte le carte in regola per essere un ottimo romanzo, capace non solo di raccontare la storia di un uomo, ma anche la storia di una città che insieme a lui è cresciuta, invecchiata e cambiata. Città sommerse sarà quindi anche un modo per andare a riscoprire Torino, per com’era e per com’è.

Chi è Marta Barone?

marta baroneMarta Barone è nata nel 1987 a Torino, dove ha studiato letterature comparate. Ha insegnato per molti anni letteratura in un liceo di Como e adesso lavora come traduttrice e consulente editoriale per Mondadori, Einaudi, Rizzoli, Bompiani e Add Editore. Ha pubblicato tre libri per ragazzi, editi Rizzoli e Mondadori, di cui l’ultimo è stato I sette colori per sette pittori, del 2016. Città sommersa (Bompiani) è il suo romanzo d’esordio.

0 0 voto
Voto iCrewers

Potrebbe interessarti...

io non sono Grigio

Libri, vip e non solo: Andrea Montovoli

Speciale

9 maggio 2021, Festa della mamma

Nel ventre dell'enigma

Nel ventre dell’enigma, di Gabriele Farina

Finché il caffè è caldo

La classifica dei Libri di aprile 2021: Per tutto il resto dei miei sbagli

I cavallucci marini sono esauriti

Animali di colore giallo: dal cielo, all’Oceano

La ragazza con la rotella in più

La ragazza con la rotella in più di Alessandra Schillirò- Recensione

Vivendo ormai a Torino da qualche tempo, il romanzo d’esordio di Marta Barone mi interessa particolarmente. Te che ne pensi? Credi che leggerai Città sommersa?
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0