Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Milva

Addio a Milva, leggenda della musica italiana

Miiva, scompare una delle più grandi interpreti della musica italiana e internazionale

Milva

Milva, l’intramontabile diva della musica d’autore degli anni ’60, non c’è più. Se n’è andata a 81 anni nella sua casa di via Serbelloni a Milano, circondata dai suoi affetti. Chi l’ha vissuta fino ad oggi la ricorda già offuscata nella memoria, sbiadita da un male che uccide i ricordi.

Per coloro, come me, che hanno avuto la fortuna di ammirala, rimarrà un’immagine indelebile. La foto che ho scelto non è certamente recente, ma esprime esattamente l’immagine che io ho di lei. I suoi capelli rossi, alla Rita Hayworth, lo sguardo profondo, una voce dirompente, appassionata capace di riempire la scena come pochi.

Milva, la Pantera di Goro

Bastava cambiare canale, per vederla entusiasta in ogni ruolo avesse scelto di intraprendere, un successo conquistato “a gran voce” e difeso con le unghie in un’epoca in cui altre grandi voci spopolavano in TV come Mina e Iva Zanicchi.

Cinquant’anni di carriera ininterrotta, tra i palcoscenici e i teatri di tutto il mondo. 173 gli album incisi e 15Milva partecipazioni a Sanremo che non la vede mai vincitrice e sul quale ebbe molto da contestare.

Gli inizi della carriera sono in qualche modo, quelli canonici. Le prime esperienze di Maria Ilva Biolcati, il suo vero nome, iniziano a 16 anni nelle balere emiliane, con il nome d’arte di Sabrina. La sua è una voce a cui non si rimane indifferente. Di lei si accorgono i talent scout dell’epoca che la introducono subito nel mondo dello spettacolo.

Dalla musica popolare al teatro, si fa notare dai grandi come Gino Bramieri, Giorgio Strelher che la guida in molte variazioni di Brecht. E poi Astor PiazzollaFranco Battiato, Ennio Morricone ed Enzo Jannacci che per lei compone Milva la Rossa. 

Un’artista a 360 gradi,  dalla grande forza interpretativa capace di cantare in nove lingue diverse e calamitare l’attenzione del pubblico anche fuori dai confini italiani, dal Giappone alla Germania alla Francia che le conferiscono nel 1995 a Parigi  il titolo di Ufficiale dell’Ordine delle arti e delle lettere e  Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Federale di Germania nel 2006.

“Dopo cinquantadue anni di ininterrotta attività, migliaia di concerti e spettacoli teatrali sui palcoscenici di una buona metà del pianeta, dopo un centinaio di album incisi in almeno sette lingue diverse, ho deciso di mettere un punto fermo alla mia carriera che credo grande e unica, non solo come cantante ma come attrice ed esecutrice musicale e teatrale. Ho deciso di abbandonare definitivamente le scene e fare un passo indietro”.

Milva, l’ultimo messaggio

L’ultima intervista della cantante è stata raccolta nel luglio del 2019 dal Corriere della Sera in occasione dei suoi 80 anni. Nel maggio del 2020 invece è il mondo dello spettacolo la volerla nel video ufficiale di Domani è Primavera di Dario Gay, un progetto all star insieme a Rita PavoneAndrea MiròManuela VillaMarco SimoneRoberta Bonanno e Aida.

Il progetto viene organizzato dopo l’esplosione della pandemia, per dare un segnale positivo. Milva sceglie di non cantare ma lascia negli ultimi fotogrammi del video un messaggio di speranza. Viene inquadrata di spalle, i capelli rossi sulle spalle e un foglio scritto tra le mani..

“Cari amici andrà tutto bene”

Vostra Milva

 

0 0 voto
Voto iCrewers

Potrebbe interessarti...

Mu

Nunzio Di Sarno: Mu, una sillaba per una raccolta di poesie

La mia vita dorata da re

La mia vita dorata da re, di Jenny Jägerfeld

Libro dei morti egiziano. Libro per uscire nel giorno

Creepy Books: Il libro dei morti nelle civiltà antiche

Di mondi diversi e anime affini

Novità in libreria: Di mondi diversi e anime affini per DeAgostini

La mia storia suona il rock. Da Elvis ai Dj set: suoni, musiche e canzoni tra mode e movimenti

Novità in libreria: La mia storia suona il rock di Luca Pollini

Odissea

Mediterraneo e le sue isole, tra letteratura e architettura

Milva è stata una leggenda della musica italiana. Chi ama la musica o il teatro può cercarla nei suoi archivi per scoprire le sue grandi dorti interpretative.
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

2 ore fa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0