Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Miguel Angel Asturias

Autori in tasta: Miguel Angel Asturias dall’attivismo politico al premio Nobel

Miguel Angel Asturias: dalla nomina di Ambasciatore al premio Nobel

Oggi nella rubrica di Autori in Tasca analizzeremo uno scrittore, attivista politico e vincitore del premio Nobel: Miguel Angel Asturias.

Miguel Angel Asturias

Chi era Miguel Angel Asturias?

Nacque in Guatemala il 19 ottobre del 1899. La famiglia, con opinioni liberaliste educò Miguel Angel Asturias nello stesso modo, peccato che il paese fosse governato dal dittatore Manuel Estrada Cabrera che portertò la famiglia a trasferirsi altrove. Tornarono nella capitale solo nel 1908. Miguel Angel Asturias iniziò subito gli studi in medicina per poi lasciarla e iscriversi alla Facoltà di Legge. Iniziò ad occuparsi di politica nel 1918. Miguel Angel Asturias

Appena laureato si trasferì a Londra e fu qui che si appassionò dell’arte Maya tanto che per questo, si trasferì successivamente a Parigi. In Francia ebbe modo di conoscere artisti e intellettuali europei come Luigi Pirandello, Georges Braque, Thomas Mann, Pablo Picasso e James Joyce ma frequentò soprattutto i surrealisti Tristan Tzara, André Breton e Louis Aragon che influenzarono la sua produzione letteraria, anche se Miguel Angel Asturias precisò di credere che il surrealismo francese fosse “Molto intellettuale, mentre nei miei libri il surrealismo acquista un carattere completamente magico, completamente differente. Non è un atteggiamento intellettuale, ma un atteggiamento esistenziale. È l’atteggiamento dell’indio che, con una mentalità primitiva e infantile, mescola la realtà e l’immaginazione, la realtà e il sogno. Del resto, il Guatemala è un paese surrealista“.

Dal 1966 divenne Ambasciatore del Guatemala in Francia. Vinse il premio Nobel per la letteratura nel 1967. Pubblicò versi di varia ispirazione ma è noto soprattutto come narratore.

In Leyendas de Guatemala (1930), un libro di evocazioni in cui si confondono miti, storie, sogni, viene rappresentato essenzialmente l’incanto che avvolge il mondo indio. Il romanzo El señor presidente (1946) mette a nudo la drammatica realtà sociale e politica del Guatemala sotto la dittatura di Manuel Estrada Cabrera. Hombres de maíz (1949) riprende i motivi di denuncia della dolorosa situazione dell’America Latina, velandola di un’atmosfera magica. L’impegno sociale dello scrittore si fa ancora più manifesto nei romanzi successivi: Viento fuerte (1950), El papa verde (1954), Los ojos de los enterrados (1960). Particolarmente vivo è il richiamo al mondo indigeno in Mulata de tal (1963), nei racconti El espejo de Lida Sal (1968) e negli ultimi romanzi: Maladrón (1969), Viernes de dolores (1972).

«…Patria dei perfetti mari, tuoi
per profondità e ricche coste,
più salmastri oggi per i tuoi dolori!

Patria delle perfette messi, prima
che tue, giubilo del popolo, gente
con cui ora nel dolore cresci!

Patrie delle perfette gioie, fatte
di suono, di colore, di sapone, d’aroma,
per chi ora non atroci!…»

Miguel Angel Asturias morì a Madrid il 9 giugno del 1974.

Caro lettore di Icrewplay, non perderti le altre rubriche di Autori in tasca!

0 0 voto
Voto iCrewers

Potrebbe interessarti...

Malleus Maleficarum

Libri dalla Storia: il Malleus Maleficarum, manuale per la caccia alle streghe

Speciale

Sport in book Uomo a tutto campo e Maesutori le novità sportive di Baldini + Castoldi

Calendario astrologico 2022

Novità in libreria: Mondadori, le uscite di oggi, 30 novembre 2021

10 grammi - il peso delle nostre anime

Novità in libreria: 10 grammi, il peso delle nostre anime di Ruby Jack

Orgoglio e pregiudizio

Spazio ai classici: quanto costa un Grande Classico?

Il Risveglio dei Templari

Novità in libreria: Il Risveglio dei Templari di Roberto Lodovici (Capponi Editore)

Ti piace questo autore? Cosa ne pensi?
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0