2+

0

Libri da: Regno Unito e la magia della letteratura inglese

La nostra rubrica Libri da... oggi ci porta nel Regno Unito e nella magia prodotta dalla penna dei suoi scrittori

Regno-Unito

iCrewPlay consiglia

A breve in pubblicazione

  • Novità in libreria: Ripercorsi di Lucia Boggia sarà pubblicato alle 20:00 del 29.09
  • Midnight sun, un salto nel 2005 sarà pubblicato alle 10:00 del 30.09

Alcuni dei numerosi talenti della letteratura inglese

Caro iCrewer libri da… oggi ci porta nel Regno Unito e dato che non posso parlarti per anni della letteratura inglese, ho pensato di fare una piccola sintesi, riportando alcuni dei suoi autori più illustri.

Iniziamo con il dire che il termine Regno Unito, in realtà è un’abbreviazione di Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, è situato nell’Europa occidentale e fu fondato nel 1800 con l’Atto di Unione che univa il Regno di Gran Bretagna e il Regno d’Irlanda, da cui gran parte dell’Irlanda si separò nel 1922, costituendo lo Stato Libero d’Irlanda, ovvero l’attuale Repubblica d’Irlanda.

Di chi ti parlerò oggi?

Ho trovato un immagine carina carina.. ecco qui gli autori che ho scelto per te.

libri da... Regno Unito

Come tutti sappiamo il Regno Unito è il paese natale di alcuni tra i più celebri autori del pianeta. Da Harry Potter a Oliver Twist, i libri e i protagonisti di questi scrittori hanno oltrepassato i confini dello spazio, divenendo romanzi di fama mondiale e  i limiti del tempo, celebrando l’eternità dei propri creatori.

Voglio anticiparti che quello che io sto andando a fare qui non è altro che una minuscola parentesi di ciò che in realtà è possibile annoverare negli ultimi 700 anni della letteratura inglese, molto altro andrebbe detto e chi lo sa? Magari ancora io stessa ti racconterò.

Geoffrey Chaucer

G. Chaucer è nato nel 1340 ed è morto nel 1400, all’età di 17 anni prese servizio presso la contessa Elisabetta di Ulster. A soli 19 anni combatté nella Guerra dei Cento Anni; fu proprio durante questo episodio che fu catturato dai nemici vicino Reims, in Francia, ma grazie ai suoi legami con la corte e quindi con Edoardo III, re d’Inghilterra, fu scarcerato, ovviamente dopo che il sovrano pagò il suo riscatto.

In seguito viaggiò come diplomatico tra Francia, Italia e Spagna. Durante questi spostamenti conobbe importanti autori del suo tempo, come Eustache Deschamps e Dante Alighieri. Ti ricordo infine che fu il primo scrittore ad essere sepolto presso l’Angolo dei Poeti, nell’Abbazia di Westminster a Londra.

Tra le sue opere ricordiamo: I Racconti di Canterbury, scritto negli anni ‘90 del XIV sec. Il Parlamento degli Uccelli, datato, 1380  e Troilo e Criseide composto all’incirca a metà degli anni ’80 del XIV sec.

William Shakespeare

W. Shakespeare nacque probabilmente nel 1564 a Stratford-upon-Avon, morì nel 1616 e venne sotterrato nella chiesa della Santa Trinità del suo paese natio. Curiosamente di questo autore, i cui scritti sono amati in tutto il mondo e così celebre da essere considerato uno degli autori più importanti della storia, si sa veramente poco, tanto che persino la data esatta della sua nascita è incerta.

Sicuramente si sposò ed ebbe tre figli, mentre era ancora in vita la scrittura lo rese ricco e gli portò una fama a livello internazionale, una cosa estremamente rara e di difficile realizzazione. La sua compagnia teatrale fondò un proprio teatro, The Globe, che godette della protezione della Regina.

Tra i fatti curiosi della sua vita è celebre l’appellativo che gli fu dato da una delle prime critiche su una sua commedia. Fu chiamato: corvo rapace in cerca di ascesa sociale. Successivamente ottenne il successo di cui ti ho parlato e mise in scena le sue opere al cospetto della Regina Elisabetta I.

William Shakespeare è conosciuto per le sue opere teatrali, come: Romeo e Giulietta, Sogno di una notte di mezza estate, 1596 e Amleto, 1599 e 1602, mentre il primo scritto che venne pubblicato con il nome di Shakespeare è Pene d’amor perdute, 1598.

Daniel Defoe

Daniel Defoe è nato nel 1660 e morto nel 1731, in origine il suo nome era semplicemente Foe, successivamente gli fu aggiunto il prefisso De per farlo sembrare più elegante. Non ebbe una vita facile, infatti voleva diventare un commerciante di successo, ma si ritrovò sommerso dai debiti, fino alla bancarotta.

Nonostante la povertà si può considerare un uomo molto fortunato, è infatti scampato alla morte in diverse occasioni: a cinque anni evitò la peste, ai tempi molto diffusa, nel 1666 la sua casa fu una delle poche a scampare dal celebre incendio di Londra. Nel 1685, si salvò dall’impiccagione, durante le udienze di sangue, i processi che furono fatti contro chi aveva combattuto nella battaglia di Sedgemoor.

Infine, ma non ultima delle sue fortune… fu proprio lui l’autore del famoso Robinson Crusoe che divenne così celebre da farsi che ancora oggi i racconti dei naufraghi che per sbaglio approdano su delle isole deserte vengono nominati: racconti robinsoniani.

Jane Austen

Jane Austen vorrei stare qui a parlartene per sempre, vorrei raccontarti mille cose… Con Jane Austen giungiamo alla fine del 1700 inizio 1800, è la penultima di otto figli e nacque nel 1775 a Steventon, nello Hampshire, iniziò a scrivere ancora adolescente, compose sei romanzi che però non portano la sua firma, infatti vennero pubblicati anonimi.

Non sappiamo se nella sua vita conobbe realmente il vero amore di cui sono impregnati i suoi scritti, infatti non si sposò mai. Morì nel 1817 e fu seppellita nella Cattedrale di Winchester.

Tra le sue opere ti riporto: Ragione e Sentimento, 1811, Orgoglio e Pregiudizio, 1813, Persuasione, 1818 e L’Abbazia di Northanger, 1818.

Charles Dickens

Charles John Huffam Dickens nacque nel 1812 a Portsmouth.  Se ti ricordi ti avevo già parlato di quest’autore nella rubrica Autori in Tasca per cui ti riporto direttamente le sue opere più famose: Oliver Twist che è stato pubblicato a puntate mensili, 1837 al 1839, David Copperfield, pubblicato a puntate mensili, 1849 1850 e Grandi Speranze pubblicato a puntate mensili, 1860-1861.

Arthur Conan Doyle

Arthur Conan Doyle nacque nel 1859 ad Edimburgo, in Scozia ed è morto nel 1930. Cominciò a scrivere durante i suoi studi universitari di medicina. Nel 1902, per il suo forte impegno politico nella Guerra del Sudafrica, gli venne donata l’onorificenza di ‘Sir’.

Arthur Conan Doyle è conosciuto in tutto il mondo per i suoi scritti dedicati a Sherlock Holmes, protagonista a cui sono state dedicate serie TV, film e fumetti che tuttora fanno il giro del mondo

Eric Arthur Blair o in arte George Orwell

G.Orwell nacque nel 1903, ma le sue origini non sono Inglesi, difatti nacque in Bengala, India e si trasferì qualche anno più tardi con la madre e la sorella a Henley-on-Thames. Studiò all’Eton College e il suo professore fu niente meno che Aldous Huxley. Fu un romanziere, un saggista, un giornalista

Nel 1922 tornò in India per alcuni anni e lì lavorò nella Polizia Imperiale di Birmania, per poi tornare in Inghilterra.

Le sue opere più celebri sono: La Fattoria degli animali e 1984, che sono recentemente divenuti film, in particolare La Fattoria degli animali è diventata un film d’animazione adatto anche a un pubblico più giovane; ad essi segue La strada di Wigan Pier, 1937.

John Ronald Reuel Tolkien

A me questo compito…

Potrei parlarti di J.R.R.Tolkien per una vita intera e sicuramente altri articoli dedicherò a quest’autore i cui libri hanno segnato la mia adolescenza.

Nacque nel 1892 in Sudafrica ed è morto nel 1973, a tre anni emigrò in Inghilterra. Il 28 marzo del 1972 gli venne donata dalla Regina Elisabetta II, l’onorificenza di Comandante dell’Ordine dell’Impero britannico. Ancora oggi è considerato il Padre del genere letterario fantasy e nel 2008, il Times, lo poneva al sesto posto tra i migliori 50 autori britannici dal 1945 e parlando di classifiche nel 1999, i clienti Amazon.com hanno decretato che Il Signore degli Anelli è il libro più popolare del millennio.

Fin da giovane aveva la passione di inventare lingue che si possono osservare nelle sue opere. È celebre per Il Signore degli Anelli, Lo Hobbit, che recentemente sono divenuti film e Il Silmarillion che fanno parte di un’unica opera letteraria che comprende anche poesie, saggi, racconti e in cui compaiono le tanto amate lingue che Tolkien sapeva inventare.

E infine signori e signore segnate questa data 1997!

È proprio quello l’anno in cui venne pubblicato il primo libro di Harry Potter!

Joanne Kathleen Rowling

J.K. Rowling è nata nel 1965 a Yate, che si trova nel sud dell’Inghilterra, ovviamente è ancora in vita e inizierei con il segnalarti se hai voglia di leggerla, l’intervista che io ho fatto a Cliff Wright, illustratore delle copertine dei libri Harry Potter e la Camera dei segreti e Harry Potter e il prigioniero di Azkaban nella versione edita da Bloomsbury. L’intervista si è svolta in lingua inglese e alla presenza della nostra celebre connazionale Marina Lenti, ma non temere il mio articolo è scritto in Italiano e ci sono molte curiosità su J.K. Rowling da scoprire per cui lì ti rimando.

Ma veniamo a noi cosa posso dirti sulla donna più celebre d’Inghilterra dopo le donne reali?

J.K. Rowling è diventata celebre dopo la pubblicazione del suo terzo romanzo di Harry Potter, infatti come ci dice Cliff Wright è appunto da Harry Potter e il prigioniero di Azkaban che inizia la vera ascesa del giovane maghetto.

Come tutti ormai sappiamo l’ispirazione per scrivere Harry Potter le venne mentre era in treno verso Londra, evento che però avvenne diversi anni prima che il romanzo venisse pubblicato. In un altro articolo che rientra nella nostra rubrica dal titolo Luna Book spiego come la stessa J.K. Rowling abbia dichiarato di essersi ispirata anche a un libro per la creazione della sua saga dal titolo Moonacre i segreti dell’ultima luna.

Anche se dai suoi romanzi non emerge minimamente nulla del brutto periodo che J.K. Rowling stava vivendo durante la loro scrittura devi sapere che mentre sono stati pubblicati i sette volumi che compongono la Saga del giovane maghetto la Rowling si separò dal marito, perse la madre e si traferì in Scozia.

È con la sua frase per me più importante che concludo questo articolo: La felicità la si può trovare anche negli attimi più tenebrosi… basta solo ricordarsi di accendere la luce.

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Caro iCrewer ti saluto, ti è piaciuto il nostro viaggio nella letteratura inglese?
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti
0
In iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x