Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
l'enigma delle anime perdute

Leggilo anche tu: L’enigma delle anime perdute, di Manuela Paric’

Caro iCrewer, sono aggi a segnalarti un… rosa che ha cambiato colore, ed è diventato giallo. Si tratta de “L’enigma delle anime perdute” di Manuela Paric’, autrice che avevo segnalato tra le partecipanti al Festival Romance appena concluso

Non indugio oltre e ti spiego subito cosa ha attirato la mia attenzione su “L’enigma delle anime perdute“: L’autrice Manuela Paric’ è stata tra le partecipanti al Festival Romance tutto italiano svoltosi a Milano il 29 giugno scorso e, avendo da preparare un articolo su di lei, sono andata a cercare informazioni su internet riguardanti i suoi lavori; inaspettatamente, il primo libro che è comparso a seguito della mia ricerca è stato questo titolo, la cui cover già faceva presupporre che no, forse non si trattava proprio di un romanzo rosa. Mi sono comunque assicurata di non aver commesso qualche errore e poi ho provveduto a trattare di questa autrice nell’articolo, riscontrando che il suo nome compariva proprio tra le iscritte al Festival. Ma mi è rimasta molta curiosità nei suoi riguardi e ovviamente su questo giallo, di cui adesso vi trascrivo la trama e che sarà la mia prossima lettura: sarà una delusione o una graditissima scoperta? Stay tuned, lo scopriremo presto.

Un sole pieno, giallo e caldo. Non una nuvola. Nessuna brezza. Afa. Le strade luccicanti come se fossero state cotte dentro una gigantesca fornace e piccioni che si riparano all’ombra di alberelli cittadini. Una Piacenza torrida e immobile. Un malato di mente fugge da una clinica, qualcuno muore, altri si fanno domande. Atmosfere vivide, una matassa di informazioni apparentemente inutili e uomini e donne che sono caricature di se stessi. In questo scenario si muovono molti dei personaggi conosciuti nel racconto/prologo sperimentale “L’enigma delle scarpe rosse”, fra tutti Jean-Luc Mocha. Attraverso i pensieri, la flemma e la sensibilità del protagonista il racconto si dipana confinando a margine della storia le autorità e le consuete indagini di investigatori infallibili. 
Un giallo alternativo di circa 40.000 parole.”

L’AUTRICE

l'enigma delle anime perduteManuela Paric’ è nata nel 1976 a Piacenza e abita nella Pianura Padana. Quando può, migra verso il mare insieme a sua figlia, che occupa il 100% dei suoi pensieri. Le piace trascorrere le vacanze su isole bianche e brulle, probabile retaggio delle sue origini croate. Ha una casa infestata da animali di vario genere e per rilassarsi cucina: impasta, sfornella e tira la sfoglia. Si occupa di pubblicità e comunicazione da quindici anni e gestisce un blog – fiumegiallo.blogspot.it – dove pubblica racconti e poesie.

0 0 voto
Voto iCrewers

Potrebbe interessarti...

S'io fossi foco

S’io fossi foco di Lodovica San Guedoro. Recensione

Speciale

A Macchiagodena, Gennaro Scaglioso porta “Nidi di rondini”

Le leggende della scherma

Novità in libreria: Le leggende della scherma di Fabio Massimo Splendore

Il Demone

Novità in libreria: Il Demone, di Frank Goldammer

Guida completa al survival. Come sopravvivere in ogni ambiente e situazione

Lifestyle: Bushcraft – La sopravvivenza nel bosco

L'appartamento a Parigi

Novità in libreria: L’appartamento a Parigi di Kelly Bowen

Sottoscrivi
Notificami
guest
6 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti
Manuela Paric
Manuela Paric
2 anni fa

Grazie!

Manuela paric
Manuela paric
2 anni fa

Dimenticavo… hai ragione… È un noir (Anche un po’alternativo) a tutti gli effetti. Per fortuna al festival mi avete accettato con tutte le mie ombre come autrice e come designer. Grazie ancora! Manu

Maura Radice
2 anni fa
Reply to  Manuela paric

Ciao Manu, posso chiamarti così, come un’amica? Ho affidato il tuo libro a recensore che avevo pensato, Stefania. Il libro dovrebbe arrivarle a giorni così ha pensato di annunciarlo con questo articolo

Manuela Paric
Manuela Paric
2 anni fa
Reply to  Maura Radice

Grazie del pensiero. Speriamo piacciano le cose un po’ strane. E… ovvio che mi devi chiamare Manu!

Manuela Paric
Manuela Paric
2 anni fa

Fantastico. Che la follia ci unisca!

Scelti dalla redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0