1+

0

Leggilo anche tu: La vita bugiarda degli adulti di Elena Ferrante

Crescere per diventare cosa, per assomigliare a chi?

A breve in pubblicazione

  • Jacob Barocas, Lope de Vega e il grande teatro spagnolo del ‘600 sarà pubblicato alle 19:00 del 03.07
  • Policromia e le novità per l'estate 2020 sarà pubblicato alle 10:00 del 04.07

Il bel viso della bambina Giovanna si è trasformato, sta diventando quello di una brutta malvagia adolescente. Ma le cose stanno proprio così? E in quale specchio bisogna guardare per ritrovarsi e salvarsi? La ricerca di un nuovo volto, dopo quello felice dell’infanzia, oscilla tra due Napoli consanguinee che però si temono e si detestano: la Napoli di sopra, che s’è attribuita una maschera fine, e quella di sotto, che si finge smodata, triviale. Giovanna oscilla tra alto e basso, ora precipitando ora inerpicandosi, disorientata dal fatto che, su o giù, la città pare senza risposta e senza scampo.
Leggi la sinossi
Il bel viso della bambina Giovanna si è trasformato, sta diventando quello di una brutta malvagia adolescente. Ma le cose stanno proprio così? E in quale specchio bisogna guardare per ritrovarsi e salvarsi? La ricerca di un nuovo volto, dopo quello felice dell’infanzia, oscilla tra due Napoli consanguinee che però si temono e si detestano: la Napoli di sopra, che s’è attribuita una maschera fine, e quella di sotto, che si finge smodata, triviale. Giovanna oscilla tra alto e basso, ora precipitando ora inerpicandosi, disorientata dal fatto che, su o giù, la città pare senza risposta e senza scampo.
Leggi la sinossi

Caro iCrewer ti segnalo il nuovo romanzo di quella che io definisco la scrittrice più amata in tutto il mondo… io per prima!

Elena Ferrante ritorna con un nuovo spaccato sulla sua amata Napoli.

La vita bugiarda degli adulti

Eccoti un estratto:

Due anni prima di andarsene di casa mio padre disse a mia madre che ero molto brutta. La frase fu pronunciata sottovoce, nell’appartamento che, appena sposati, i miei genitori avevano acquistato al Rione Alto, in cima a San Giacomo dei Capri. Tutto — gli spazi di Napoli, la luce blu di un febbraio gelido, quelle parole — è rimasto fermo. Io invece sono scivolata via e continuo a scivolare anche adesso, dentro queste righe che vogliono darmi una storia mentre in effetti non sono niente, niente di mio, niente che sia davvero cominciato o sia davvero arrivato a compimento: solo un garbuglio che nessuno, nemmeno chi in questo momento sta scrivendo, sa se contiene il filo giusto di un racconto o è soltanto un dolore arruffato, senza redenzione”.

Certo non è che si evinca molto e forse proprio per questo merita di essere letto.

Alla prossima e buona lettura

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Il mondo bugiardo degli adulti, la loro superficialità e indifferenza contamina e ferisce la vita delle adolescenti che sono protagoniste di questo romanzo. Cosa ne pensi?
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
0
In iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x