0

Leggilo anche tu: La mia ombra è tua di Edoardo Nesi, La nave di Teseo edizioni.

la mia ombra è tua
0

0

È una storia, questa. Una storia d’amore. Iniziata quarant’anni fa, e mai finita. Ed è anche la storia d’un viaggio nell’Italia del 2019, epico e comico, ebbro e stupefatto, sventatissimo, intrapreso su una Jeep del 1979 senza né tetto né sportelli né parabrezza da Emiliano De Vito, un ventiduenne appena laureato summa cum laude in Lettere antiche, e Vittorio Vezzosi, lo scrittore d’un solo libro, pubblicato nel 1995 e accolto da un successo planetario che lo convinse a rinchiudersi in una casa colonica sopra Firenze e non farsi più vedere da nessuno, e non pubblicare più neanche una parola. E mentre questi due antieroi se ne vanno litigando – troppo distanti le loro generazioni e visioni del mondo, troppo diversi i destini – verso Milano e la fiera-mercato degli anni Ottanta e Novanta, dove il Vezzosi ha incomprensibilmente accettato di tenere un discorso, infrangendo un silenzio durato un quarto di secolo, l’attenzione d’un mondo impazzito si riversa su di loro, e i social convinceranno l’Italia a fermarsi per ascoltare in diretta il Vezzosi, “l’unica risorsa e l’ultima speranza”, mentre fa i conti col suo e col nostro passato, e soprattutto con l’immenso, pericoloso potere della nostalgia che attanaglia e stringe forte – troppo forte – il presente e il futuro di questo nostro paese perso nel ricordo di sé, e governato dai demagoghi peggiori.
Leggi la sinossi
È una storia, questa. Una storia d’amore. Iniziata quarant’anni fa, e mai finita. Ed è anche la storia d’un viaggio nell’Italia del 2019, epico e comico, ebbro e stupefatto, sventatissimo, intrapreso su una Jeep del 1979 senza né tetto né sportelli né parabrezza da Emiliano De Vito, un ventiduenne appena laureato summa cum laude in Lettere antiche, e Vittorio Vezzosi, lo scrittore d’un solo libro, pubblicato nel 1995 e accolto da un successo planetario che lo convinse a rinchiudersi in una casa colonica sopra Firenze e non farsi più vedere da nessuno, e non pubblicare più neanche una parola. E mentre questi due antieroi se ne vanno litigando – troppo distanti le loro generazioni e visioni del mondo, troppo diversi i destini – verso Milano e la fiera-mercato degli anni Ottanta e Novanta, dove il Vezzosi ha incomprensibilmente accettato di tenere un discorso, infrangendo un silenzio durato un quarto di secolo, l’attenzione d’un mondo impazzito si riversa su di loro, e i social convinceranno l’Italia a fermarsi per ascoltare in diretta il Vezzosi, “l’unica risorsa e l’ultima speranza”, mentre fa i conti col suo e col nostro passato, e soprattutto con l’immenso, pericoloso potere della nostalgia che attanaglia e stringe forte – troppo forte – il presente e il futuro di questo nostro paese perso nel ricordo di sé, e governato dai demagoghi peggiori.
Leggi la sinossi

Da Edoardo Nesi, vincitore del Premio Strega nel 2011, un nuovo romanzo che parla d’amore e memoria: La mia ombra è tua.

Io non la capisco, la nostalgia: E’ un lusso riservato a quelli della vostra generazione.

Questo, quanto fa dire l’autore all’inizio del romanzo, al giovane protagonista. Ed è sul tema della nostalgia, dei ricordi, dell’amore ma anche della morte che Edoardo Nesi, vincitore del premio Strega nel 2011 con Storia della mia gente, ritorna in libreria con La mia ombra è tua edizioni La nave di Teseo, uscito il 26 Settembre 2019. 

la mia ombra è tua

Ridotta all’osso, la sua è una storia on the road: un viaggio da Firenze a Milano su una  jeep degli Anni Settanta, l’ultimo grande motore americano a carburatori, che avanza lentissima e divora cisterne di benzina. A bordo ci sono il Grande Scrittore Vittorio Vezzosi, scettico, disperato, ricchissimo grazie al successo internazionale del suo antico I lupi dentro e pure, almeno sulle prime, decisamente stronzo, e il nuovo assistente ventiduenne, laureato di lettere antiche, Emiliano De Vito, ribattezzato Zapata: che quel libro non ha mai letto, né leggerà. Vanno alla Fiera per un evento dove si celebra e si santifica la nostalgia, una grande esposizione di oggetti anni Ottanta e Novanta… Tutto intorno infuria il web, fomentato dall’editore con la complicità semi-inconsapevole di Emiliano, che scatena una sorta di follia di massa. Tutti, anche i giovanissimi, stanno riscoprendo quell’antico romanzo, e diventano pazzi di entusiasmo, ammirazione, commozione indotta…

Dalla breve sinossi di Mario Baudino che riporto, la nuova fatica letteraria di Edoardo Nesi, sembra avere tutti i requisiti per coinvolgere il lettore ed appassionarlo, a partire dal linguaggio, infarcito di toscanismi (tipo il mi garba o gli fo) che rendono simpatica la lettura e finendo ai riferimenti letterari importanti, come Sotto il vulcano di Malcolm Lowry, di cui il riferimento al titolo è evidentissimo: Io non ho una casa, solamente un’ombra, ma tutte le volte che avrai bisogno di un’ombra, la mia ombra è tua.

Che dirti, caro iCrewer, a me il titolo già stuzzica parecchio e dalle recensioni che ho letto, anche il contenuto: a questo punto penso proprio che lo leggerò… E invito a farlo anche te.

edoardo nesi
Edoardo Nesi, autore di La mia ombra è tua

 Edoardo Nesi, nasce a Prato nel 1964, da una famiglia di imprenditori tessili. La passione per la letteratura e per il cinema, lo trasforma in scrittore, traduttore e regista: ha tradotto racconti, saggi, sceneggiature e romanzi di grandi autori come Q. Tarantino e D. F. Wallace. Negli anni Novanta inizia a scrivere i suoi i primi romanzi: Fughe da fermo (1995), Ride con gli angeli (1996), Rebecca (1999). Abbandonata completamente l’attività imprenditoriale, si dedica esclusivamente alla scrittura e pubblica diversi romanzi, tra cui: L’età dell’oro (2004, finalista al Premio Strega), Per sempre (2007) e, nel 2010, Storia della mia gente, ispirato all’esperienza imprenditoriale (con il quale vince il Premio Strega nel 2011). Nel 2012, Edoardo Nesi, pubblica Le nostre vite senza ieri, romanzo che chiude la trilogia industriale iniziata con L’età dell’oro e proseguita con Storia della mia gente. Tra le altre opere ricordiamo L’estate infinita (2015), Tutto è in frantumi e danza (con G.M. Brera, 2017). A questo nutrito curriculum di scrittore si aggiunge l’attività politica: alle elezioni politiche del 2013 è stato, infatti, eletto deputato nella lista Scelta Civica Con Monti per l’Italia.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp