Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Leggilo anche tu: La bambina del lago di Loriano e Sabina Macchiavelli

“Non possiamo chiamarla Aladina” aveva detto il dottor Astorre, piuttosto scandalizzato dalla proposta.

“Perché no? È un bellissimo nome. Ricorda il mondo della fantasia.”

Il 17 settembre 2019 pubblicato da Mondadori, è uscito il libro di Loriano e Sabina Macchiavelli, rispettivamente  padre e figlia, che è in grado di suscitarti emozioni dimenticate.

La bambina del lago

Ciò che ti colpirà in questo bel libro sono i nomi con cui sono stati identificati i personaggi e i luoghi in cui si svolge il racconto, che tra favola e realtà caro iCrwer, solleticherà le tue corde più intime grazie alla naturale genuinità e alla capacità di raccontare e affrontare, attraverso la magia, temi importanti come per esempio la perdita di un genitore.

Appennino emiliano: dall’alto di uno sperone di roccia, Paese Nuovo sovrasta un lago. Sotto le sue acque si intravedono la chiesa e il campanile di un altro villaggio, Paese Annegato, che venne sommerso quando fu costruita la diga per imbrigliare le acque del fiume Cigolo. Nell’estate del 1930 il dottor Astorre si trasferisce qui come medico condotto. Lo accompagna la figlia Aladina, dieci anni, molto provata dalla perdita della madre, che è nata e cresciuta proprio a Paese Nuovo. Alcuni abitanti li accolgono con affetto: Cleonice, che si occupa della grande casa in cui vanno ad abitare; Tina, la rude ostessa; il Podestà, giovane socialista nominato nonostante il fascismo; il Professore, che conosce i segreti del paese e non svela a nessuno i suoi. Il primo impatto della bambina con la montagna è traumatico: si chiude in se stessa e la madre le manca sempre più. Dialoga con animali domestici; osserva il mondo impenetrabile della quercia secolare che svetta di fronte alla sua finestra; pare sia la sola in grado di aprire la porta della soffitta che custodisce gli oggetti della madre bambina. Fino a quando, di ritorno da una passeggiata, racconta di un concerto di campane sgorgato misteriosamente dalle acque del lago. Il padre, temendo per la sua salute, pensa di tornare in città. Lo dissuade il Professore: Aladina non è la prima a sostenere di aver sentito le campane e, come riporta una storia popolare, potrebbe essere una delle poche privilegiate a possedere “il seme della magia”. Tutto cambia quando Aladina incontra Gufo, un bambino solitario come lei che ama scorrazzare per i boschi. Guidata da Gufo e dal Professore, conoscerà la montagna e i suoi misteri, gli animali veri e leggendari che la abitano. Grazie al suo sguardo di bambina, scoprirà, e ci farà scoprire, alcuni dei segreti protetti dal lago o tenuti nascosti da secoli di superstizione.”

Un testo che può essere letto anche dai bambini e da tutti coloro che crescendo riescono a conservare la capacità di guardare oltre, di possedere il “superpotere” di osservare con occhi attenti e sinceri oltre la superficie delle cose; di credere che esistono fenomeni inspiegabili e concedersi il lusso di divagare in questo territorio della fantasia.

Loriano Macchiavelli, dal suo primo romanzo Le piste dell’attentato del 1974 a oggi, ha pubblicato oltre quaranta titoli, tradotti anche all’estero. Ha scritto per il teatro, la radio e la televisione. Il suo personaggio più conosciuto, Sarti Antonio, è il protagonista seriale più longevo della narrativa noir italiana. Dai suoi romanzi sono state tratte numerose fiction televisive e fumetti. Ha scritto una decina di libri con Francesco Guccini. I suoi romanzi più recenti sono Noi che gridammo al vento ed.Einaudi 2016, Uno sterminio di stelle ed.Mondadori 2017, Tempo da elfi ed.Giunti 2017 e scritto con Francesco Guccini, Delitti senza castigo ed.Einaudi 2019. Mondadori sta ristampando molti dei suoi romanzi e racconti nella collana Oscar Gialli.

Sabina Macchiavelli,  è nata a Bologna nel 1964 e abita sull’Appenino modenese. Si occupa di cultura come organizzatrice di eventi, ed è insegnante di scrittura creativa e di lingue straniere. È autrice di audiodocumentari e ha ottenuto un dottorato presso la University of South Wales di Cardiff incentrato sulla docufiction radiofonica. Suoi racconti e saggi sono apparsi in riviste e antologie. Nel 2013 è uscita per Einaudi la raccolta E a chi resta, arrivederci, scritta con il padre Loriano, e nel 2019 ha pubblicato per Giraldi Editore il suo primo romanzo Più di così si muore.

0 0 voto
Voto iCrewers

Potrebbe interessarti...

Stormy

Stormy e L’amore è per i deboli (di cuore): segnalazioni

Fragolina salvamondo, mangiamo con il cuore

Fragolina salvamondo, mangiamo con il cuore: Nadia Tortora, illustrazioni Giada Negri

La cosa bella di avere una brutta giornata

Novità in libreria: La cosa bella di avere una brutta giornata di Anabel Gonzalez

Miwgu

Recensione: Miwgu di Gianluca Gualano

Streghe fraterne

Novità in libreria. Antoine Volodine e Lettere da Whalestoe di Mark Z. Danielewski

Le api di Waterloo

Le api di Waterloo. Recensione del regency di Giulia De Martin

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0